CATALOGNA INDIPENDENTE E’ IL 7° PAESE PIU’ RICCO D’EUROPA

di REDAZIONE

Se la Catalogna fosse un nuovo Stato dell’Ue indipendente dalla Spagna, sarebbe il settimo in termini di ricchezza: la pensa così, forte dei dati macroenomici spagnoli, Artur Mas, governatore della comunità autonoma spagnola che domenica va al voto anticipato per rinnovare il proprio parlamento regionale, in quello che è di fatto un referendum sulla possibile indipendenza da Madrid.

“Per popolazione, saremmo nella media, circa la metà dei paesi dell’Unione europea sono più piccoli della Catalogna in termini di abitanti”, ha osservato Mas, esponente della coalizione nazionalista di centro-destra Convergencia i Uniò (CiU), che governa una regione di 7,5 milioni di abitanti. “Se la Catalogna avesse il suo proprio Stato, attualmente sarebbe, in termini di creazione di ricchezza per abitante, il settimo paese dell’Unione europea”.
Secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica (Ine) la regione nel 2011 ha avuto un Pil pro capite di 27.430 euro, al quarto posto fra le 17 regioni autonome spagnole e al di sopra della media Ue di 25.134 euro. “Quanto al nostro grado di apertura”, ha detto Mas, “la nostra capacità di esportare, importare e aprire la nostra economia all’estero, saremmo in nona o decima posizione”.

Mas ha promesso di indire un referendum sull’indipendenza dopo la consultazione elettorale: una mossa che il governo centrale di Madrid ritiene incostituzionale ma su cui il governatore insiste.

Il forte sentimento nazionale e d’identità della Catalogna si è rafforzato negli ultimi anni a seguito di diversi fattori: la bocciatura parziale nel 2010 da parte del Tribunale Costituzionale del nuovo statuto di autonomia della Catalogna approvato nel 2006 dalla Spagna, un contenzioso sull’insegnamento scolastico in lingua catalana, e il peggioramento della crisi economica. Il tutto è sfociato lo scorso 11 settembre a una oceanica manifestazione per l’indipendenza a Barcellona, a cui ha partecipato un milione e mezzo di persone.
Motore dell’economia spagnola, di cui rappresenta circa un quinto del pil, la Catalogna ha grande autonomia di spesa ma non ha potere di riscossione: a seguito della crisi, la regione ha dovuto attuare forti tagli a numerosi servizi – fra cui Sanità e Istruzione – ma continua a dover effettuare trasferimenti fiscali verso altre regioni spagnole per circa 16 miliardi all’anno. Proprio su quest’ultimo punto si è verificata due mesi fa la rottura con il governo centrale di Madrid.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. odiato-jaco-bino says:

    “Una volta clienti e investitori ci chiedevano altre cose, come la riforma del mercato del lavoro; ora la prima cosa che chiedono è il futuro della Catalogna”, ammette un membro della comunità imprenditoriale catalana. Il punto è che con una Catalogna indipendente, che dunque uscirebbe in prima battuta dall’Europa, separatasi dalla Spagna, moltissime aziende, confessano, sarebbero costrette ad emigrare.
    http://www.giornalettismo.com/archives/615399/lindipendenza-catalana-spaventa-le-imprese/


    adesso…immaginate, la Lombardia o il Veneto oppure il Piemonte dove gran parte delle multinazionali straniere, es. francesi (soprattutto Piemonte) svizzere, UK e americane (Lombardia) tedesche (veneto) che usano la finanza e il territorio dei grossi centri ‘padani’ come ‘piattaforma’ politico-finanziarie e logistiche per controllare il predominio nella penisola attraverso monopoli mirati in molti settori la penisola stessa, settori come : assicurativo, immobiliare, GDO, energia, agroalimentare (latte,formaggi ecc), tessile, telecomunicazioni, IT ecc..
    quanto tempo impiegheranno a fuggire dalla paperopoli che non c’è padana..
    Chissà quanto tempo poi, riusciranno a sopravvivere le piccole e medie aziende ‘padane’ che poggiano sul mercato interno..della penisola, nel momento in cui, dovranno rinunciare a milioni di consumatori e per giunta, dovranno scontrarsi in maniera diretta sul mercati, contro colossi nord europei,,, e nord americani…
    anche perché il consumatore europeo non è tanto pirla da comprare panettoni e pandori tutti ii giorni…
    I vostri ‘fratelli’ nord europei… di latticini e formaggi ne hanno in abbondanza, penne e pennarelli idem, lampade idem, caffè, cioccolata, idem oppure, orologi, capi di moda come sopra (Parigi, Berna e Zurigo non hanno niente da invidiare a Milano, n’est pas..) banche idem, scarpe, borsette e marocchiinerie varie incluse, ecc.
    Quindi, Auguri, Auguri (cit.)
    amici ‘padani’…

  2. giancarlo pagliarini says:

    Ne riparliamo il 26 mattina. Io credo ( E SPERO!) che Mas questa volta stravincerà!

  3. SuperHornet89 says:

    Attualmente che è parte della Spagna. Dopo è tutto da vedere, nel caso ottenesse l’indipendenza.
    Ps. La Catalogna non comprende solo la città di Barcellona, azzardare quindi un’indipendenza certa è a mio avviso sbagliato visto che almeno altri 2 milioni di catalani devono ancora esprimersi.

Leave a Comment