CASTELLI DA SANTORO ABBANDONA LO STUDIO

di REDAZIONE

Il senatore della Lega ed ex ministro della Giustizia, Roberto Castelli, non ci sta. E abbandona lo studio televisivo di Michele Santoro, durante la trasmissione «Servizio pubblico»,  dopo che un operaio sardo gli dice: «Castelli tu a me non mi devi rompere i c…i». L’ex ministro, poco prima aveva avuto un vivace botta e risposta anche con alcuni lavoratori siciliani, uniti nella protesta insieme a quelli sardi.

Per vedere il video dal sito www. cadoinpiedi.it clicca qui

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. anonimo says:

    Egr. Prof. Monti nomini una commissione di Esperti che esamini il problema perchè la perdita dei posti di lavoro è diventata insostenibile. I lavoratori si rendono conto che si stà giocando con il loro mezzo di sostentamento. Insensati propongono proppste di legge su idiozie tipo i moccini e piccolezze varie per tenere bloccato il parlamento sui problemi seri e ineluttabili.
    Nomini anche una commissione di tecnici che verifichi tutte le opere pubbliche in quanto molte sono in mano alla nco; a Na il 75% e versano il 25 di tangente; la tav ha rami nel fango, non può costare alcune volte di più che in paesi esteri ; che il tracciato venga appositamente progettato dove si sà poi ci sono gli imprevisti e le proteste? per poi fare le varianti.

  2. MORETTI COLOGNO says:

    I LEGHISTI DOVREBBERO FARE COME CASTELLI FUORI DALL BALLE !

  3. FrancescoPD says:

    Ieri sera castelli se l’è cercata come sempre, ma l’intervenuto sardo doveva estendere l’insulto a entrambi i presenti da santoro.
    Quando aprivano bocca quei due, la puzza si sentiva anche via TV, completamente slegati dalla realtà, assolutamente indegni di rappresentare chiunque.

  4. luigi bandiera says:

    Non so dire se ha fatto bene o male, e’ certa una cosa: la gente e’ INCAZZATA DaVVERO.
    Ma i governanti pensano all’art.18.
    Eliminato quello ci sara’ una esondazione di lavoro… campa cavallo.

    Poi fanno paragoni de danno conati continui…

    E paragonano l’italia con gli USA; e con la Germania; e con la Francia…. e ecc..

    MA IL VERO PROBLEMA CHE HA L’ITALIA NON LO SI SENTE MAI ESTERNARE.

    Ma se eliminano l’ARTINCOLO 18 come per incanto TUTTO SARA’ COME UN PARADISO TERRESTRE E cosi’ si spera non faranno piu’ PARAGONI DEL KAX.
    La stessa farsa fu con l’abolizione della scala mobile, rea di mandare in rovina lo stato.

    Il nostro, si fa per dire nostro, o e’ anche nostro, problema e’ che: BRIGANTI, MANTENUTI E RAPINATORI si sono istituzionalizzati.

    Loro governano e non possiamo far nulla se non una distruzione di questo stato di merrrrdddd.

    Quindi..?

    Puo’ essere che Castelli abbia esagerato, ma era ovvio che forse non sapeva rispondere al sardo, magari komunista e magari parente alla lunghissima del noto brigante dei due mondi GMG. L’italiano vero.

    I governanti cercano tutti di guadagnare tempo… perche’ NON sanno come dare lavoro a chi grida solo LAVORO..!!!
    Ovvio, nel frattempo intascano e moilto.

    Saluti

  5. berg says:

    Che dire…un’altra dimostrazione di autolesionismo mediatico della Lega. In questo Castelli è un campione indiscusso.
    Mi chiedo, ma fanno apposta?

Leave a Comment