CASSA INTEGRAZIONE, GENNAIO E FEBBRAIO DA RECORD

di REDAZIONE

Nei primi due mesi dell’anno sono stati coinvolti in cassa integrazione a zero ore l’equivalente di 400.000 lavoratori con una perdita pro capite in busta paga di circa 1.300 euro. È il calcolo fatto dalla Cgil sui dati diffusi nei giorni scorsi dall’Inps precisando che nel complesso c’è stato un taglio del reddito pari a 525 milioni di euro. A febbraio sono stati autorizzati alle aziende 82 milioni di ore di cassa integrazione con un vero e proprio boom rispetto a gennaio (+49,1%), mese però nel quale si era registrato il dato più basso dall’agosto del 2009. Rispetto a febbraio 2011 l’aumento delle ore autorizzate è stato del 16,8%. Nei primi due mesi dell’anno sono state autorizzate alle aziende 136,9 milioni di ore di cassa integrazione a fronte dei 130,2 milioni del 2011 (+5,1%).

Il dato andrà poi depurato quando saranno disponibili i dati sul tiraggio, ovvero l’uso effettivo della cassa da parte delle aziende (nel 2011 è stato in media del 48% rispetto alle ore chieste). «Il nostro sistema produttivo – afferma il segretario confederale Vincenzo Scudiere – è invischiato in una crisi profondissima con prospettive pericolose di declino. La cosiddetta ‘recessione tecnicà comincia a dispiegare i suoi effetti sui lavoratori con un balzo deciso nella richiesta di ore di cassa. È sempre pi— difficile immaginare una inversione di tendenza senza una ripresa nelle produzioni e nei consumi». L’aumento consistente di febbraio Š dovuto soprattutto al balzo della cassa in deroga che con oltre 31 milioni di ore segna un +133,96% su gennaio. Nel bimestre gennaio-febbraio le ore autorizzate di cassa in deroga (45,3 milioni) segnano un +10,44% sullo stesso bimestre del 2011.

Nel bimestre l’aumento tendenziale maggiore per la cigd è per il commercio (oltre 15 milioni di ore con un +28,46%). La cassa integrazione ordinaria (cigo) a febbraio ha segnato un +23,9% sul mese precedente con 25,1 milioni di ore autorizzate. Nei primi due mesi del 2012 il totale delle ore di cigo Š stato pari a 45,5 milioni con un aumento sullo stesso periodo dello scorso anno del +21,47%. In aumento la richiesta di ore anche per la cassa integrazione straordinaria (cigs) con 25,7 milioni di ore autorizzate a febbraio (+20,39% su gennaio). Le ore autorizzate nei due mesi di quest’anno (47,2 milioni) diminuiscono dell’11,56% sullo stesso periodo dell’anno passato.

“Nel bimestre gennaio-febbraio – precisa la Cgil – considerando un ricorso medio alla cig, pari al 50% del tempo lavorabile globale (quattro settimane), sono coinvolti 796.334 lavoratori in cigo, cigs e in cigd. Se invece si considerano i lavoratori equivalenti a zero ore, pari a nove settimane lavorative, si determina un’assenza completa dall’attività produttiva per 398.167 lavoratori, di cui 137 mila in cigs e 128 mila in cigd”. Dai calcoli dell’Osservatorio cig, si rileva come i lavoratori parzialmente tutelati dalla cig “abbiano perso nel loro reddito 525.200.000 euro, pari a 1.300 euro per ogni singolo lavoratore”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. FRANCO says:

    fino a quando puo durare andar avanti cosi

Leave a Comment