Casale Monferrato, al via il mercatino dell’antiquariato

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Sabato 13 e domenica 14 aprile torna il Mercatino dell’Antiquariato, appuntamento che porta a Casale, al Mercato Pavia, la seconda domenica di ogni mese (ed il sabato che la precede), ad eccezione di agosto molti espositori  (e visitatori) provenienti da tutta l’Italia Nord Occidentale. Lo staff organizzativo di Monferrato Eventi in liquidazione (Beppe Balbi, Daniela Balbi, Adriano Taricco) ha, intanto, già incassato molte prenotazioni di espositori, grazie al bel tempo che  (finalmente) si preannuncia per le giornate di sabato e domenica. L’edizione di aprile avrà anche un tocco di internazionalità con la presenza di un espositore che arriva dall’Inghilterra.  Non si tratta di una  novità assoluta perché è un ritorno che si ripete tutti gli anni, a dimostrazione di quanto sia considerato come appuntamento, ance fuori Italia, il Mercatino dell’Antiquariato di Casale Monferrato.

Nell’area esterna al Mercato Pavia, poi, si conferma “Farmer Market”, con i suoi prodotti contadini a chilometri zero, che saranno anch’essi in buon numero, a dimostrazione di quanto questa iniziativa che si svolge in contemporanea con l’Antiquariato sia gradita dal pubblico.

Nella Cappella del Castello Paleologo, invece, prosegue l’iniziativa “Antiquariato per la vita”, ove chiunque, dall’inizio di settembre, può portare dei propri oggetti di antiquariato, lasciarli in conto vendita, e – se venduti – una parte verrà devoluta alla Delegazione “Monferrato” della Lilt – Lega contro i tumori, che li utilizzerà per la lotta all’amianto, nello specifico per la banca biologica del mesotelioma pleurico. In esposizione, tra gli altri c’è un nuovo quadro dell’artista casalese Mazzoli, apprezzato ritrattista (in particolare dei Papi) ed uno di Pietro Amisano.

Per informazioni rivolgersi a Monferrato Eventi in liquidazione, tel. 347/1987860 oppure 338/5965066

E ANCHE IL NUOVO SITO INTERNET: www.monferratoeventi.altervista.org

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Ottimo articolo, davvero molto interessante

Leave a Comment