Casa, aumentano le tasse. Per le imprese la Tasi costerà 1 miliardo

di CARLO CAGLIANI

Anziché vergognarsi per aver nuovamente aumentato le tasse sulla casa – fingendo di aver abolito l’Imu – il governo invia ai giornali comunicati stampa in cui sollecita a non mancare gli appuntamenti con le scadenze.

Il ministero dell’Economia, in una nota, ricorda le scadenze per i pagamenti della Iuc, della mini Imu e della Tares. In particolare, per l’imposta unica comunale (Iuc) che si compone dell’Imu, della Tari e della Tasi i termini di versamento sono per l’Imu: il 16 giugno e il 16 dicembre; per la Tari e la Tasi almeno due rate a scadenza semestrale i cui termini sono stabiliti da ciascun comune in maniera anche differenziata fra i due tributi. A proposito di Tasi, secondo uno studio della CGIA, l’introduzione del nuovo tributo sui servizi indivisibili costerà al mondo delle imprese almeno un miliardo di euro

Per la cosiddetta ”mini Imu”, vale a dire l’eventuale parte residuale della seconda rata dell’Imu 2013 a carico del contribuente, il prossimo 24 gennaio; invece per la maggiorazione standard della Tares il prossimo 24 gennaio, a meno che il versamento non sia stato gia’ effettuato entro il 2013.

E’ prevista – scrive la nota ministeriale – la possibilità del pagamento in un’unica soluzione entro il 16 giugno.  E se invece la gente cominciasse a disobbedire?

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. Carlo says:

    La costituzione dice che le tasse si pagano in base alle proprie possibiltà….siccome le mie possibilità sono scarse si attaccano letteralmente al cazzo……

  2. Tommaso says:

    Pagate alla svelta e senza fiatare.
    Siete nati domestici e domestici morirete.
    Non avete altra scelta.
    Siete dei subalterni ai romani di Lombardia.
    Gliele avete date voi le poltrone ai romanacci di via Bellerio e adesso non vi potete lamentare.
    I veri indipendentisti della terra di Padania sono loro.
    Dovete farvene una ragione.
    Nemici acerrimi del grande prof. Miglio ( che dovette rompere con il quaquaraqua Bossi) e compagni di merenda del cavaliere di Arcore e dei fascisti.
    Questo siete stati in questi ultimi 20 anni.
    Perciò state zitti e sceglietevi le persone e i movimenti seri e giusti per fare una vera lotta indipendentista.
    Questo è il momento migliore, il paese dei vostri amichetti è allo sbando.

  3. Albert Nextein says:

    E’ da queste cose che si accerta a cosa e quanto servono associazioni come confindustria e confedilizia.
    Ad un cazzo.
    Scusate il francesismo, ma oggi mi sento in buona.

  4. Gio says:

    in sto paes de delinquenti lè meio esser barboni, altro che famiglia casa e lavoro.IMPICCATEVI TUTTI tanto io non pago e fa n cu lo la costituzion violada.

  5. luigi says:

    qui comandano le banche, loro hanno acquistato i btp e il Popolo sovrano (?) sta pagando gli interessi (con le tasse).

  6. Maurizio moretti says:

    Un immobile era una sicurezza per la famiglia. Adesso la cosa è ribaltata. L’accelerazione verso la povertá la si percepisce molto bene nei mercatini rionali. Abbiamo tagliato gli acquisti, vacanze, auto, medici, la ristrutturazione. Il vestiario. Paghiamo gli interesse sui btp di uno stato corrotto che ha contratto il debito per nostro conto.

  7. stefano says:

    ci prendono in giro, questo non e’ piu’ il paese dove sono nato ,siamo in piena dittatura, ridatici la nostra liberta’ di lavorare e mantenere le nostre famiglie.

  8. fabrizio says:

    Manca il coraggio.

Leave a Comment