Crisi e fame, si allungano del 31% le file alla Caritas

di REDAZIONE

Dal 2008 al 2012 sono aumentati del 31,4% coloro che domandano pacchi viveri e piccoli aiuti materiali. Nel corso del 2012 gli italiani che hanno chiesto cibo ai centri sono stati il 37%, percentuale pressoché pari a quella registrata tra gli stranieri. Aumenta chi non riesce a trovare più lavoro. Continua a crescere, soprattutto tra gli italiani, il numero di chi non ha un reddito sufficiente per soddisfare i bisogni primari. E’ quanto emerge dal 12° Rapporto sulle povertà nella diocesi di Milano, basato sui dati raccolti dagli operatori dei centri di ascolto e dei servizi di Caritas Ambrosiana nel corso di tutto il 2012.

La crisi non solo sta privando di opportunità una fascia crescente della popolazione, ma sta ormai rubando anche la speranza di potere ritrovare un lavoro a chi lo ha perso. Spia di questo fenomeno, secondo il rapporto, è anche il calo della popolazione straniera, che comincia ad avvertirsi soprattutto tra alcune nazionalità. Calo, che benché appaia più determinato dalla rinuncia a ricongiungere nel nuovo paese il nucleo familiare piuttosto che dalla decisione di andarsene altrove o rimpatriare, dimostra quanto la crisi stia modificando il progetto migratorio di chi era venuto tra noi in cerca di un futuro migliore.

Il dato più drammatico – come riporta l’agenzia ADNKronos – che emerge dai primi dati analizzati riguarda l’aumento dell’11,5% dei disoccupati da oltre 1 anno. In questo scenario ad entrare in crisi è anche la speranza di poter ritrovare un nuovo posto di lavoro. Prevalgono frustrazione e rassegnazione. Questi sentimenti spiegano perché, ad esempio, continuino a crescere le richieste ai centri di ascolto di aiuti immediati. Proprio tra gli italiani il bisogno di reddito supera quello di occupazione ed è pari al 57,6%, con un incremento di 3 punti percentuali rispetto al 2011. Questo è particolarmente avvertito dalle donne italiane, tra le quali raggiunge il 62,4%, con un incremento di 4,5 punti percentuali sul 2011. In questo quadro si pone la questione degli immigrati. Gli stranieri (tra comunitari, extracomunitari irregolari e regolari) continuano a costituire oltre il 70% degli utenti dei centri di ascolto, anche se il dato fa registrare un calo di 2 punti percentuali rispetto al 2011.

La contrazione del dato relativo alla componente straniera è in gran parte riconducibile al sensibile calo nella presenza di persone provenienti dal Perù e dall’Ucraina, da sempre tra le prime 5 nazioni di provenienza degli assistiti della rete Caritas: le prime sono diminuite del 18% rispetto all’anno precedente, le seconde del 19,5%. Durante i colloqui con gli operatori Caritas molti stranieri provenienti da questi Paesi hanno apertamente manifestato il desiderio di ritornare in patria. Il Rapporto non rileva dati circa i rientri di fatto avvenuti tra coloro che si sono rivolti ai centri di ascolto, ma sicuramente questo desiderio sta limitando l’avvio di procedure per i ricongiungimenti familiari e per chiamate di parenti e amici. Si tratta di un fenomeno strettamente connesso alla crisi economica, che ha fortemente condizionato le possibilità di inserimento lavorativo degli stranieri, e li ha disillusi sulla possibilità di superare i loro problemi economici nel nostro Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Nazione Toscana says:

    Colpa nostra.
    La spallata allo stato andava già data.
    Ora c’è bobo e movimenti alla spicciolata.
    Sigh!

  2. BRUNO DOLFINI says:

    IL VENTO DEL NORD (dolfini bruno,lega nord 3.0)

    E COSI’ RITORNIAMO ALLA “DOLENTE NOTA”
    CHE IO CONTINUO A RIPETERE INASCOLTATO:
    –MANCA IL PANE SULLA TAVOLA DEGLI ITALIANI!–
    ED E’ QUESTA TRAGICA SITUAZIONE CHE STA’
    ALLA BASE DEL CROLLO DELLE ISTITUZIONI.
    LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
    CON LE SUE ISTITUZIONI NON DA’ MODO AL
    POPOLO DI PROCURARSI IL CIBO PER IL FATTO
    SEMPLICE CHE HA LASCIATO MORIRE LA
    COLTIVAZIONE DELLA TERRA E GLI ALLEVAMENTI
    DEGLI ANIMALI SOPRATUTTO IN PADANIA ED,
    INOLTRE,HA LASCIATO MORIRE PESCI E FAUNA
    IN GENERE DEI MARI,DEI FIUMI E DEI LAGHI.
    STIAMO PER MORIRE DI FAME !!! E NON DITEMI
    CHE E’ UN’ESAGERAZIONE ! SE,A QUESTO
    PUNTO,IL POPOLO PRENDE IN MANO LE ARMI
    E SI SCATENA NELLE PIAZZE,SARA’ GIUSTIFICATO.
    LA POLITICA E’ IL PASSO PRIMA DELLA GUERRA
    E,SE LA POLITICA NON RISOLVE IL PROBLEMA
    DELLA FAME,SI PASSA INEVITABILMENTE
    ALLE ARMI : NON DICO NULLA DI NUOVO.
    Saluti e lacrime.

Leave a Comment