Cari veneti, oggi noi festeggiamo il capodanno

di ETTORE BEGGIATO

Il primo marzo è sempre stato considerato nella storia della Repubblica Veneta il capodanno veneto;  nei documenti e nei libri di storia si trovano le date relative ai mesi di gennaio e febbraio seguite da “more veneto” per sottolineare questa peculiarità veneta: incominciando l’anno veneto il primo di marzo, gennaio e febbraio erano gli ultimi mesi dell’anno passato (si veda, come esempio, la data del comunicato).

Il capodanno veneto originariamente era stato fissato al 25 marzo, giorno della fondazione di Venezia (421),  per i credenti giorno dell’annunciazione del Signore,  e, secondo una leggenda greca, giorno della creazione del mondo; in un secondo tempo fu anticipato al primo marzo per comodità di calcolo. Emblematico quanto successe il 9 marzo 1510 nel luogo ove adesso sorge il Santuario della Madonna dei Miracoli a Motta di Livenza (Tv), la Madonna apparve a un contadino del posto e gli disse “Bon dì e bon ano!”

Un altro tassello della nostra storia e della nostra identità che è andato perso e del quale dobbiamo riappropriarci, anche per onorare il Serenissimo Bepin Segato che più di ogni altro si era impegnato per riproporre questa festa.

Recentemente  è stato festeggiato in diverse città venete  il capodanno cinese (è l’anno del serpente); l’ 11 febbraio gli amici tibetani hanno festeggiato il loro capodanno (Losar) e per tutti noi è stato un momento per ribadire la nostra solidarietà alla  nazione del Tibet  vergognosamente calpestata dalla Cina;  non parliamo poi delle ricorrenze e delle celebrazioni  di altri popoli, di altre religioni  (si pensi solo al Ramadan).

E allora un bel “Viva San Marco”  per festeggiare l’arrivo del nuovo anno veneto.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

8 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Proprio vero.

    BON ANO VENETO A TUTI..!

    PS:
    (ghe go manda’ ea notisia aea proloco del me paexe. Forse no i savea gnente. Pori nialtri)…

  2. Nessuno says:

    Ah questa non la sapevo!
    …..E pensare che io festeggiavo per conto mio il capodanno il 3 di marzo…. Ora sposterò i festeggiamenti al primo. Grazie per l’informazione.

  3. Frà says:

    Che ne se vèrxa on bèl àno!
    😉

  4. ferdinando says:

    anch’io festeggio stasera la fine e la nascita del nuovo capodanno veneto…

  5. nicola says:

    grande Ettore…… per conto mio auguro a tutti i Veneti,ma anche Istriani,Dalmati,etc un felice anno nuovomore Veneto ;D

  6. Lucky says:

    Domani è il “batimarso”, il giorno in cui i bambini fanno il massimo di rumore per risvegliare la natura. l’inizio del nuovo ciclo vitale

    http://www.provincia.pd.it/index.php?page=batimarso

  7. Piero says:

    Certo è che festeggiare il capodanno il I° marzo ha una sua logica. La natura si risveglia dopo il lungo sonno invernale, le piante cominciano a germogliare, gli animali in letargo si ridestano, le giornate si allungano, l’erba dei prati inizia a verdeggiare, viene da dire che inizia una nuova vita. La conta dei mesi ha una sua logica, partendo da marzo ecco che settembre è il settimo mese così via fino al decimo, dicembre. Poi è a fine anno che normalmente si fanno i bilanci, ecco allora che per quadrare i conti arriva febbraio con i suoi 28 o 29 giorni. Comunque, Buon Anno a tutti i Veneti. WSM

Leave a Comment