Cari svizzeri, fate attenzione al “Rischio paese”

di TITO TETTAMANTI*

Qualche tempo fa il presidente del Con­siglio italiano Letta si è recato a New York allo scopo di convincere opera­tori economici statunitensi ad investire in Italia. Apprezzabi­le sforzo; dubito del risultato. Nei mesi scorsi il presidente francese Hollande ha convo­cato gli industriali francesi chiedendo loro di investire nel Paese e cercando di convin­cerli che le politiche del suo Governo non erano pregiudi­zialmente contro i loro inte­ressi e la loro categoria. Dubbi legittimi, specie dopo l’atteg­giamento nei confronti dell’Al­catel, e atmosfera freddina.

Paesi sviluppati ed economie emergenti, Governi di ogni colore cercano di attrarre atti­vità imprenditoriali nel pro­prio territorio, spesso offrendo incentivi e sussidi (non sem­pre indispensabili e talvolta neppure utili). Comprensibi­le. Nuovi investimenti voglio­no dire nuovi posti di lavoro, acquisti di macchine, costru­zioni di capannoni, necessità di case, maggior incasso di imposte sui redditi, lavoro per l’indotto (trasporti, assicura­zioni, subappaltanti, fornito­ri), soldi nelle tasche dei lavo­ratori che sono al contempo consumatori e contribuenti.

Ovvio che un industriale esa­mini tutti i possibili aspetti positivi (o negativi) che ac­compagnano l’ubicazione di un investimento. La disponi­bilità di mano d’opera prepa­rata (una delle prime preoc­cupazioni), il costo del lavoro che non è rappresentato dal solo salario, ma anche dalla serie di contributi che in alcu­ni Paesi raddoppiano per l’a­zienda l’ammontare che fini­sce nelle tasche del collabora­tore. La flessibilità ed elastici­tà del mercato del lavoro, l’atteggiamento realistico e   concreto o per contro ideologico (sostanzialmente antisistema) dei sindacati, l’efficienza della burocrazia (o addirittura la corruzione o l’inerzia che accompagna atti dovuti). Ovviamente, anche la fiscalità ha la sua importanza compresa una flessibilità che eviti atteggiamenti scioccamente punitivi. Ma forse l’elemento determinante per la decisione è il rischio Paese .

L’attività industriale ha come orizzonte i decenni, il mordi e fuggi non è nel suo DNA. Si deve quindi poter contare su Paesi e politiche che assicurino stabilità e diano certezza, salvo investimenti pionieristici in Paesi emergenti dove si conta che l’alto rischio venga compensato da altissimi redditi. Modifiche repentine di leggi e ordinanze, o peggio ancora dei criteri di applicazione, interpretazioni cervellotiche pur di favorire le casse dello Stato, ipotizzabili retroattività di atti legislativi o amministrativi sono ciò che più spaventa. Queste riflessioni mi sono venute alla mente leggendo il comunicato della Conferenza dei direttori dell’economia dei Cantoni svizzeri. Si viene a sapere che nel 2012 il totale di ditte straniere che hanno iniziato un’attività in Svizzera è diminuito del 20%. Peggio ancora dal punto di vista dei posti di lavoro creati, diminuiti del 40%.

Forse qualche ammiratore dei Flintstones e del buon tempo antico sarà contento. A mio parere, pur senza lasciarsi prendere da ansie inopportune, c’è da sperare che il trend non continui in tale direzione. Anche le ricchezze apparentemente più solide possono subire contraccolpi pesanti. Il regresso denunciato del 20% è sicuramente conseguenza della crisi generale e di quella europea in particolare. Di un clima preoccupante e di un’economia alimentata dalle flebo delle banche centrali che non invitano ad investire.  Mi sono però anche chiesto: non è che recenti atteggiamenti e proposte di leggi in Svizzera abbiano indotto possibili potenziali investitori stranieri alla prudenza? Le informazioni corrono velocemente e dinanzi alle proposte della sinistra di controllo dei salari (1:12), introduzione del salario minimo, salario di cittadinanza, imposta ereditaria confiscatoria, è ipotizzabile che qualche interessato si chieda se la Svizzera stia per cambiare. Potrebbe darsi che altre destinazioni si impegnino per offrire una stabilità che sembra noi si voglia mettere in gioco.

Domanda legittima dinanzi a un disegno e proposte volti a mutare il quadro dell’economia svizzera. Domanda che dovremmo porci anche noi: abbiamo interesse che la Svizzera economica cambi ed il suo benessere venga messo in forse?

Tratto da http://www.cdt.ch

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment