Cari lettori, Buon anno! La nostra libertà dipende solo da voi

DALLA REDAZIONE

Cari lettori, grazie per la passione con cui ci avete seguito e per il sostegno che ci avete dato. Un altro anno è passato, un altro anno in cui abbiamo fatto del nostro meglio con le poche risorse che abbiamo disponibili e che cerchiamo di mettere a frutto.

Oggi, grazie a voi (e grazie agli straordinari collaboratori che apportano idee e passione volontariamente) siamo riusciti a trasformare questo piccolo giornale in un vero e proprio punto di riferimento di chi è indipendentista (senza mai scendere a compromessi), ma anche in un punto di riferimento per il resto dell’opinione pubblica, che osserva con attenzione ciò che noi scriviamo e che loro non possono scrivere. La nostra linea editoriale, in due anni, non è mai cambiata, la rotta è sempre quella: indipendenza e libertà.

In due anni (li compieremo l’8 gennaio prossimo) abbiamo una media di quasi 8.000 lettori al giorno. Certo, è possibile crescere, ma per farlo – come abbiamo già avuto modo di sottolineare – sono necessari investimenti, a cui siamo interessati solo se non incideranno sulla nostra mission e sulla nostra libertà di scrivere e pubblicare ciò che vogliamo, ciò che ci piace e sappiamo che vi piace, senza alcuna interferenza. Per parafrasare l’amico Paolo Bernardini “preferiamo essere l’ultimo dei quotidiani liberi piuttosto che i primi tra i servi di regime dell’informazione”.

In attesa del prossimo rientro del direttore (a cui la redazione augura un 2014 speciale), auguriamo a ciascuno di voi (anche i più critici) buon anno! A noi, invece, auguriamo di poter continuare ad esistere per tanti altri anni ancora. Continuiate a darci una mano quando potete, a leggerci sempre e a diffondere l’Indipendenza.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

20 Comments

  1. Francesco says:

    auguri a tutti e complimenti per i numeri raggiunti!!!
    Spero che il sito diventi sempre piú punto di riferimento per tutti coloro che vogliono l’agognata indipendenza.
    Per il 2014 vorrei che il giornale seguisse al meglio il percorso di indipendenza di Scozia e Catalogna, che sebbene non se ne parli potrebbe essere l’inizio della fine per gli stati nazione come li conosciamo. Buon ultima anche l’italia si dissolverá.
    Un fedele lettore dal Brasile

  2. Giuseppe d'Aritmaticea says:

    Buon anno a tutti Voi, specialmente a Gianluca. Viva la libertà, sempre! Auguriamoci anche dei decisivi passi in avanti verso … la realizzazione di un sogno di molte generazioni passate e di decenni di quella attuale.
    P.S.: Avete svolto un lavoro eccezionale e di altissimo valore morale e politico. Ne siamo consci…

  3. arcadico says:

    Chapeau!

    8.000 lettori medi al giorno non sono una piccola conquista ma … un … Grosso Risultato!!

    Non conosco le medie giornaliere di altri giornali on-line ma credo che non vi si avvicinino minimamente!

    Ci sono quotidiani che sebbene distribuiti capillarmente ad ogni punto-edicola non hanno questi risultati!!

    Ogni riferimento a giornali d’area è fortemente voluto!

    Certo non c’è nessun obbligo di acquisto e il finanziamento dello stesso è lasciato alle possibilità finanziarie di ciascheduno di chi ne fà parte e\o lo legge!

    Anzi faccio anch’io un appello per chi, tra di noi, a superare la sindrome da braccino corto e proceda a fare la propria offerta!!

    Meglio, molto meglio essere piccoli ed incisivi che un pò più grandicelli e fortemente vincolati!!

    D’altro canto siete voi che mi avete insegnato che la Storia la fanno le minoranze!!!

    Congratulazioni ancora e se il buon giorno si vede al mattino questo quotidiano non può che crescere!!

    Auguri ancora, se mi è consentito, ‘ragazzi’!!

    O come si usa dire … Grazie di Esistere!!!

    Vi voglio bene!!!

  4. luigi bandiera says:

    Grazie e altrettanto a voi dello STAFF.

    Non so se io sono peggio o meglio di Gianluca, per via della salute, ma auguro a lui di guarire molto presto. Per me spero solo di non vivere fino all’ultimo da malato.

    Prima di essere operato dicevo ai dottori: la mia unica preoccupazione e’ il DOPO L’INTERVENTO.

    Adesso sono solo convalescente in fase di miglioramento… ma che lento sto miglioramento.

    Spero solo di avere il tempo di vedere la LIBERTA’ e L’INDIPENDENZA prima di fare il GATEWAY.

    Saluti… e ancora auguri.

  5. jesse james says:

    Buon anno!

  6. Giorgio says:

    Mi, la me bona azion anco’ la go fata.
    Go rinova’ anticipatamente el me “abonamento” a l’Indipendenza versando la solita quota che ritegno equa e doverosa per l’inportante servizio reso da sta testata
    Nel vuoto pneumatico de la informasion italiana xe asolutamente necesaria e indispensabile na vose fora dal coro, non alinea’ a organizasion economiche, religiose o politiche che porta vanti na linea editorial de sto tipo.
    Grasie par el vostro lavoro. Continue’ ancora cosi’.
    Mi go serca’ de fare la me picola parte.
    Giorgio Roncolato

  7. Unione Cisalpina says:

    bonàn 2014

  8. Barbara Vr says:

    Auguri a tutto lo staff de L’ INDIPENDENZA… In particolare a Leo e Gianluca …uno STREPITOSO anno nuovo!
    Auguri anche a tutti i lettori …e che il 2014 sia l’anno buono…

  9. I nostri migliori auguri e un sincero ringraziamento, per tutto quanto avete fatto e ancora farete, allo scopo di diffondere le idee di libertà e indipendenza!
    Alex Storti e la Redazione di DirittodiVoto.org

  10. Dan says:

    >> La nostra libertà dipende solo da voi

    Concordo, chi vuole la libertà deve imparare a prenderla da solo e smetterla di dare credito a pseudo rivoluzionari dall’organigramma facile.

    Consiglierei alla redazione del sito una semplice dichiarazione d’intenti: non date più spazio a tizi che fanno annunci pomposi, italie che si fermano, rivolte del giorno della madonna, reazioni scomposte modello “arriviamo noi e spacchiamo tutto” che tanto poi non ci mettono neanche un mese a sconfessare tutto ed proporre simboli con relativi magna magna.

    Servono fatti reali, servono risultati concreti. La strage di ieri a collegno deve far riflettere seriamente sul livello di danno raggiunto da questa crisi e sulle conseguenze alle quali tutti rischiamo di andare incontro se un po’ di brave persone si rompono **veramente** il cazzo di tutto quanto.

    Chi annuncia la rivoluzione è tenuto a mantenere fede alla parola data altrimenti torni a fare il ratto e vada a nascondersi.

  11. lorenzo s. says:

    E pensare che l’Unità, con una diffusione giornaliera di 23.544 copie ottiene ben 3.615.894,65 euro di finanziamento pubblico.
    Mi chiedo quanto potrebbe andare avanti l’Indipendenza con 1,2 milioni di finanziamento pubblico (ossia un terzo di tale somma dato che ha un terzo dei lettori de l’Unità).

  12. Veritas says:

    GrAZIE E TANTI SINCERI AUGURI DI BUON ANNO A TUTTI VOI !

  13. Pedante says:

    Buon Anno a tutti voi.

Leave a Comment