Caracas, oggi altri 2 morti. Repressione nella zona di Chacao

di REDAZIONE

Oggi son continuate le manifestazioni a Caracas contro il regime di Maduro. In molte zone della cittò sono state allestite barricate dai cittadini, ma la Guardia Nacional ha continuato la sua repressione contro i manifestanti, azioni pesanti soprattutto durante la notte scorsa, in particolare nella zona di Chacao, dove gli uomini del governo hanno sparato contro le finestre degli edifici della zona di Chacao.

Il sindaco Ramón Muchacho ha descritto le zioni come “repressione vigliacca, sproporzionata, ingiustificabile e in violazione dei residenti”.

Altri scontri, pesantissimi, sono avvenuti nella zona di “Los Ruices” (FOTO), dove in azione ci sono anche i paramilitari al soldo del governo, che hanno obbligato i passanti alla fuga. Due sono i morti registrati, morti causati dai cosiddetti “collettivi” chiamati direttamente all’azione dal presidente Maduro. Durante le violenze attuate dai paramilitari, sono state date alle fiamme (FOTO) alcune auto dei residenti, parcheggiate in zona.

Rotte le relazioni, nel frattempo, fra il Venezuela e Panama, che ha detto che dal canale non passeranno imbarcazioni venezuelane. La scarsità di merci e prodotti non potrà che aggravarsi ulteriormente. Continua a funzionare, intanto, il silenziatore imposto dalla stampa e dai media italiani.

QUI IL VIDEO DELLA REPRESSIONE NEL QUARTIERE DI CHACAO

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Piemonte: il Tar dà una settimana a Cota per indire le elezioni

Articolo successivo

Indipendenza della Scozia, il colosso Shell si schiera per il no