Elezioni in Venezuela: Chavez accusato di comprare i “partiti avversari”

di REDAZIONE

Il candidato dell’opposizione venezuelana per le presidenziali del 7 ottobre, Hugo Capriles, ha denunciato il governo di Hugo Chavez per essersi lanciato in una ”guerra sporca” nella campagna elettorale, accusandolo di aver ”comprato i partiti” che nei giorni scorsi hanno ritirato il loro appoggio al cosiddetto Tavolo dell’Unità Democratica (Mud, nella sua sigla in spagnolo) che riuniva la ventina di gruppi fedeli a Capriles.

Varie organizzazioni politiche – Piedras, Unità Democratica, Cambio Pana, Mani per Venezuela – hanno consegnato una dichiarazione formale al Consiglio Nazionale Elettorale (Cne) nella quale ritirano il loro appoggio a Capriles, affermando di sentirsi ”esclusi dalle decisioni in materia di politiche elettorali e alleanze in vista del voto in seno al Mud”. Leonardo Chirinos, dirigente di Piedras, ha precisato che ”Non appoggeremo un altro candidato – ha detto Leonardo Chirinos, dirigente di Piedras -, non chiederemo che si voti contro Capriles”, aggiungendo di ”non avere nessun rapporto con il governo nazionale”.

Il candidato oppositore, ex governatore dello Stato di Miranda, ha però denunciato in un meeting elettorale che ”il governo sta lanciando una guerra sporca contro di noi”, sostenendo che ”adesso stanno distribuendo soldi, cercando di comperare partiti e dirigenti politici”. Un deputato dell’opposizione ha inoltre denunciato che David De Lima, uno dei dirigenti che ha ritirato il suo appoggio a Capriles, gli ha offerto 200 mila dollari per ritirarsi dalla coalizione di opposizione, precisando perfino il posto dove sarebbe avvenuta la proposta di corruzione: ”E’ stato nella stanza 409 dell’Hotel El Conde”, un noto albergo di Caracas. De Lima, ex governatore dello Stato di Anzoategui, è uno dei dirigenti dell’opposizione venezuelana che ha accusato nei giorni scorsi Capriles di aver preparato un pacchetto riservato di drastiche misure liberali da varare in caso di vittoria nelle urne, il cosiddetto ”paquetazo” che da allora è diventato uno del principali cavalli di battaglia della campagna elettorale di Chavez.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Unione Cisalpina says:

    dimentikavo…. è razzista antibianko, antieuropeo, antiamerikano… pur di kombattere l’Occidente appoggia ogni dittatore e mentekatto suo pari in medio oriente ed estremo pure…
    appoggia ogni movimento terrorista islamiko (ke giustifika sempre nei loro krimini) ke kombatta israele e noi occidentali kùi addossa ogni sorta di facezia akkusandoci sempre d’essere la kausa del male mondiale …

    • Alex says:

      sarà… in italia berlusconi ha comprato a destra e a manca, non mi pare che ci sia stato tutto sto scandalo come adesso! PS: tutte ste k da dove vengono? PPS: dovresti un attimo guardare la situazione mediorientale nell’interezza e lasciar perdere il tg1 ed il tg4… Ti spieghi ad esempio come mai i regimi di arabia saudita e bahrain sono tollerati e quelli di assad e gheddafi no? Ti spieghi perchè gli USA hanno inventato le armi di distruzione di massa per attaccare Saddam o perchè hanno insegnato guerriglia ai Talebani creando con le loro stesse mani la rete terroristica chiamata poi AlQaeda? Ti spieghi ancora perchè Luis Posada Carriles, acclarato terrorista al soldo CIA, mandante dell’attentato a Cuba dove perse la vita Fabio Di Celmo, vive tranquillo a Miami mentre a Guantanamo non tutti i prigionieri sono colpevoli? Chavez non sarà Padre Pio, ma non è neanche il male di questo mondo… Il male è il capitalismo sfrenato e senza regole che mangia esseri umani come cereali e se ne frega dei diritti di tutti.!

    • Laqualunque says:

      hai anche dimenticato di dirci che sei un fottuto ratto!
      ma questo lavevamo capito da soli

  2. Unione Cisalpina says:

    kuesto è il Chavez kastro komunista lke si krede la reinkarnazione di Simon Bolivar

    Confiscaciones, asalto a empresas y propiedades, toma de hoteles.

    Cárcel y exilio para adversarios, ministerios y embajadas para amigotes corruptos.

    Entregarle el país a los cubanos y chinos.

    Regalar toda la plata ke pueda para comprar respeto interesado.

    Mantener a medio país vendiendo cachivaches en las calles.

    Tener a unos dos millones de personas esperando de rodillas por una vivienda.

    Buena vida para ministros, familiares y militares.

    Destruir al sector privado para asegurar obediencia.

    Dólares libres para familia y amigotes. Dólares Cadivi carpeteados para los súbditos del reino.

    Devaluación cada dos años, aunque inventa el bolívar fuerte para taparse.

    Llevar la deuda pública hasta 200 mil millones de dólares.

    Calcular en el presupuesto el precio petrolero a 50 dólares por barril para kedarse con la diferencia y gastársela como un rey.

    Limitar la entrega de recursos a gobernadores o alcaldes de oposición en perjuicio del pueblo.

    Utilizar el poder del Estado para despojar a los ciudadanos de sus propiedades.

Leave a Comment