Canone in bolletta e Ires ai migranti: le belle novità di Renzi

canone Rai di CASSANDRA – “Il canone era a 113 e ora va a 100. Se lo pagavi il prossimo anno sarà di meno meno. La curva del canone sarà discendente a 95 euro nel 2017, continuerà a scendere e si pagherà in bolletta”, ha detto Renzi ieri illustrando le misure di finanza pubblica. Che piaccia o no, se la si guardi o meno, la Rai è una tassa. A prescindere dall’uso e dal controllo sulle spese dalla sua gestione. Sarebbe come dire di trovarsi Mediaset Premium in bolletta o Sky che si vede anche sul digitale terrestre, perché così deve essere.

Ma la chicca, nascosta tra le pieghe, è questo passaggio “sifulo”: Nella “versione base” la manovra 2016 vale poco meno di 27 miliardi, nella “versione accessoriata 30 miliardi”. La differenza sta nell’utilizzo della clausola sui migranti che vale circa 3 miliardi.

E che vuol dire? Beh, lo spiega meglio l’Ansa nel catenaccio della notizia dove scrive riportando le parole del premier: “Se ok Ue a 0,2% migranti anticipiamo Ires”.

A gonfie vele, Italia.

Print Friendly

Articoli Recenti

Lascia un Commento