Campania: 523 primari e 1915 dirigenti in più, reparti fotocopia. Ma sanno farci pagare i loro sprechi

campaniaLa Guardia di Finanza di Napoli sta notificando numerosi provvedimenti giudiziari emessi dalla Corte dei Conti di Napoli a dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie campane per danno erariale. Dovevano controllare, tutti hanno controllato ma se non era per  la guardia di Finanza, a tutti andava bene che in un ospedale con un posto letto di nefrologia vi fossero un primario, un viceprimario e tutto lo staff al seguito. Ed è uno dei tanti esempi che orami non ci scandalizzano più.
Le indagini hanno permesso di riscontrare somme indebitamente spese a carico del bilancio della Regione Campania pari a circa 16 milioni di euro in ragione dell’assegnazione di incarichi di primario e vice primario negli ospedali campani in esubero rispetto a quanto imposto dal governo in tema di “spending review”.

Tra il 2014 e il 2015 sono stati retribuiti 523 incarichi di primari e pagate 1915 indennità di dirigenza in eccedenza rispetto alla dotazione organica prevista. C’è anche questo dietro i 49 provvedimenti giudiziari – 29 inviti a dedurre e 20 ordini autoritativi – emessi dalla Corte dei Conti di Napoli nei confronti di dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie per danno erariale. Secondo quanto accertato dalle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, nonostante il decreto commissariale emesso dalla Regione Campania nel 2014, nei limiti dei parametri definiti dall’intesa Stato-Regioni, in tutte le strutture della Campania – ne esce indenne l’Asl Napoli 1 – non si è mai provveduto all’esigenza di contenimento della spesa generando un disavanzo per le casse della Regione pari a 16 milioni di euro.

Richieste cautelari finalizzate ad interrompere, immediatamente, il pagamento degli incarichi individuati così da impedire un ulteriore dispendi di risorse: ben 2 milioni di euro al mese. Ha chiesto anche questo la Corte dei Conti di Napoli per mettere fine a sprechi e ad un danno erariale che, in ragione dell’assegnazione di incarichi di primario e di vice primario negli ospedali campani in esubero rispetto a quanto imposto dal Governo in tema di spending review, ha determinato un danno erariale di circa 16milioni di euro. In merito a questo punto la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti deciderà il 29 febbraio ma è probabile che la Regione Campania – oggi è stato notificato tutto al governatore Vincenzo De Luca – intervenga prima.

All’ospedale di Nola c’è un primario e uno staff nonostante sia previsto un solo posto letto mentre all’ospedale Cardarelli di Napoli ci sono cinque reparti di medicina – con cinque primari – tre di chirurgia e due di ortopedia: reparti fotocopia. E se alla Federico II ci sono tre reparti di neurochirugia, all’Asl di Avellino risultano 28 dirigenti in più mentre all’Asl Salerno ad essere in eccedenza sono trenta unità operative complesse, il ‘primo posto’, quanto a sprechi spetta all’Asl Napoli 3 Sud – area di Torre del Greco – con ben 132 primari e 254 vice in più. C’è tutto questo dietro i provvedimenti giudiziari notificati  dalla Corte dei Conti di Napoli e dietro le indagini condotte dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, diretto dal generale Gianluigi D’Alfonso, con l’ausilio del gruppo di Torre Annunziata, diretto dal colonnello Carmine Virno, e dal reparto di Nola diretto dal capitano Luca Modestino Gelormino. In barba a quanto previsto, e cioè che ci dovrebbe essere un primario ogni 17,5 posti letto, in Campania avveniva tutt’altro. Duplicazioni e in alcuni casi triplicazioni di reparti, anche in strutture che registrano sofferenza di personale.

Print Friendly

Articoli Collegati

2 Commenti

  1. Giancarlo says:

    Il VENETO non è più disposto a mantenere più nessuno.
    150 anni di questo andazzo bastano ed avanzano. Ma cosa credono da FIRENZE in giù che noi si continui come in passato con la famosa frase veneta : PAGA E TASI !!!!!
    Ormai queste notizie che tutti i giorni ,( solo adesso guarda caso) si vengono a sapere, sono delle vere e proprie PROVOCAZIONI !!!!
    A forza di provocazioni passate, presenti e ce ne saranno anche in futuro scoppierà qualcosa che nessuno auspica, ma che alla fine della fiera scippierà.
    Quindi Signori italiani per favore niente annichilimenti, niente rimanere sorpresi, in questo caso vale il proverbio conosciuto da tutti che: TANTO TUONO’ CHE PIOVVE !!!!!
    WSM

  2. renato says:

    “……….è uno dei tanti esempi che ormai non ci scandalizzano più ” E allora perché parlarne ? A scopo statistico ? E’ questa accettazione supina, rinunciataria che favorisce il perdurare del malcostume. E anche il solo parlarne senza rimarcare certi aspetti aberranti chiaramente antisociali con parole di netto sdegno e accusa significa tollerare ciò che è intollerabile (nel suo significato più puro). Bisogna dare del farabutto al farabutto, del ladro al ladro, del delinquente (participio presente del verbo delinquere) al delinquente. Nascondersi dietro pericolosi ed inutili eufemismi significa giustificare.l’ingiustificabile. Tutti noi conosciamo la cronaca degli ultimi quarant’anni, resa pubblica dalla TV con i suoi servizi su certe autostrade che nel sud finiscono improvvisamente nel nulla; di certi ospedali nuovi che non hanno mai iniziato la loro attività; del soprannumero di dipendenti negli enti pubblici e la contestuale inefficienza e via dicendo, e tutti noi abbiamo deciso di parlarne ridacchiando, buttando tutto in scherzo, con aria ridanciana, cogliendo l’occasione per una battuta di spirito che fa ridere solo noi e nessun altro in Europa e nel mondo. Confondiamo fin troppo facilmente l’essere codardi con l’essere spiritosi .

Lascia un Commento