Camera(ti?) con vista elezioni. La destra, Salvini, Alemanno

ALEMANNO-E-SALVINIFoto Mauro Scrobogna /LaPresse 24-11-2012 Roma Politica Manifestazione Casa Pound Italia contro politiche economiche Governo Monti Nella foto: manifestanti dell'organizzazione di destra Casa Pound durante il corteo Photo Mauro Scrobogna /LaPresse 24-11-2012 Rome Politics Protest of lthe right wing movement Casa Pound against the economic policy of Monti Government In the picture: Casa Pound demonstrants during the parade

Il Rompiballe – Alemanno lancia Salvini premier. “Un grande polo sovranista per un centrodestra unito”. Intanto il leader della Lega difende CasaPound. Tra ex missini e transfughi democristiani siciliani rimarrà gran poco della vecchia guardia.

 

Come da mesi vi andiamo raccontando la Lega è sempre meno Nord e sempre più romanocentrica e spostata verso lidi di destra (Ostia). Proprio ieri il leader del Movimento nazionale per la sovranità Gianni Alemanno ha per l’ennesima volta ribadito la stretta simbiosi ed il feeling tra il suo partito e la nuova Lega targata Salvini, annunciando una manifestazione nazionale per il 30 novembre a Napoli (una volta la Lega faceva il Parlamento del Nord a Vicenza…) con il vicesegretario della Lega Giancarlo Giorgetti che dovrebbe sancire la nascita di questo soggetto “ex padano-ex missino”.

 

“Il Movimento nazionale per la sovranità crede nell’unità del centrodestra appoggiando la candidatura di Salvini premier – afferma Alemanno – Il nostro movimento, secondo i  sondaggi dell’Euroreserch della Ghisleri, vale almeno l’uno per cento su scala nazionale. Vogliamo essere della partita, in un contesto che ha nella “sovranità” il suo riferimento e le sue linee guida all’interno di un centrodestra unito”. L’ex sindaco di Roma non esclude la possibilità di presentare una lista del movimento nella coalizione di centrodestra alle prossime politiche, magari chiedendo ospitalità per i suoi rappresentanti tra le fila della Lega. Sembra così sempre più variopinta e trasversale la compagine scelta dal leader leghista che sarà candidata alle politiche. Ex missini, la Destra di Storace, profughi pugliesi di Raffaele Fitto, democristiani cuffariani, andreottiani e lombardiani dalla Sicilia e tanti altri. Un vero e proprio minestrone, un’accozzaglia di reduci ed esponenti politici distanti anni luce dagli ideali della Lega di Bossi e Miglio, ma che invece vengono con orgoglio rivalutati e resi protagonisti dallo stesso Salvini, nel nome di una Lega “sempre più forte su tutto il territorio nazionale”.  Come dargli torto? L’uno per cento raccolto alle regionali siciliane sono solo un antipasto.

 

A dimostrazione del forte feeling tra il Matteo “fu padano” e le componenti di estrema destra arriva anche la difesa del segretario di via Bellerio nei confronti di Casapound. “Ogni singolo voto espresso da ogni singolo italiano ha il mio rispetto, non ritengo che ci siano voti pericolosi. In democrazia è bello confrontarsi, poi io ritengo che il futuro dell’Italia sia almeno per i prossimi 10 anni il centrodestra e in questo centrodestra, a differenza del passato, la Lega è determinante. Poi il voto dei cittadini va rispettato, punto”, ha detto il leader della Lega parlando con i giornalisti a Montecitorio, in merito ai voti di CasaPound e i recenti casi di Ostia.

Vuoi vedere che anche esponenti di militanti di CasaPound saranno candidati con la Lega? Ormai non ci si stupisce più di nulla. Lo sanno bene i vecchi colonnelli che da anni siedono in Parlamento. Raccontano nei palazzi romani che molti di loro siano molto preoccupati.

alemanno
 GIORGETTI (1)STORACE-ALEMANNO (1)
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment