Callegari: Veneto più forte della Germania, peccato sia in Italia…

0013 - Doppio cono saliente (paradosso meccanico)

di CORRADO CALLEGARI – C’è un sempre paradosso che spiega il senso delle cose. Tra Settecenco e Ottocento nei laboratori di fisica si utilizzavano degli strumenti stupefacenti per illustrare i cosiddetti “paradossi”. Il più classico era quello dei due coni uniti sulle loro rispettive basi che sorprendentemente, appoggiati su dei binari in discesa, come per magia li risalivano. Il “trucco” stava nella ricerca del baricentro, ma a prima vista appariva strano e magico che un corpo sfidasse la gravità. Dico questo perché anche il Veneto sta vivendo questo momento paradossale. Come il doppio cono, nonostante viva in Italia, la parte più bassa dei binari, riesce a risalire spontaneamente verso l’alto, sfidando l’apparente impossibilità di sfidare le leggi della fisica e, in questo caso, dell’economia.

L’ultimo dossier di Bankitalia avvisa che siamo in recessione. Questo quotidiano ne dà ampiamente notizia. E che sia proprio il Veneto a pagare per primo i segnali della crisi. Non è da oggi che le categorie imprenditoriali avvisano il governo che la prospettiva è grigia, che il lavoro manca ma qui nessuno sventola bandiera bianca. La disillusione verso chi governa è ampia. Era proprio al Nord che la Lega, per essere chiari, aveva dato i primi segnali di calo del consenso, guadagnando invece al Sud. Ci sarà pure un perché.

Ma il resto del paradosso veneto sta nel fatto che nonostante il piano inclinato porti verso il basso, il Veneto risale. Il suo baricentro è il lavoro. La cultura del lavoro. Leggiamo questi dati recenti per capire come la frustrazione salga davanti alle parole vane e vaghe di cambiamento. Ecco  il peso economico del Veneto sintetizzato in un’Ansa del 16 gennaio scorso: rappresenta l’8,4% delle imprese italiane, 9,3% del pil, 61 mld di export – ha valori che superano quelli medi della Germania. Lo afferma una ricerca della direzione studi di Intesa SanPaolo, “Filiere e distretti veneti e la sfida 4.0″, presentata a Padova in occasione di un incontro che il presidente dell’istituto, Gian maria Gros-Pietro, ha avuto a Padova con le autorità cittadine e regionali, ed alcuni esponenti dell’imprenditoria della regione. La ricerca evidenzia come il Veneto, oltre ad essere la terza regione per prodotto interno lordo, sia la seconda per penetrazione sui mercati internazionali (61,6 miliardi di euro nel 2017) e la prima per i flussi turistici, 69,2 milioni di presenze, pari al 22,4% delle presenze straniere in Italia)”.

Ha solo un problema, il Veneto. Deve dare da mangiare al resto d’Italia, è in Italia, ed è governato anche da veneti che non governano per il Veneto, per il Nord, per competere con l’Europa e il mondo.

 

Corrado Callegari, Responsabile Veneto Confederazione Grande Nord callegari

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. FIL DE FER says:

    La Sardegna, i Sardi hanno dato l’esempio a noi Veneti di come si deve fare per far capire a roma che i tempi sono cambiati e che il cambiamento è necessario arrivando a dire qualsiasi esso sia pur di scardinare questo sistema italiano fatto di corruzione, inefficienze, gruppi delinquenziali, furberie, burocrazia asfissiante e talvolta inutile, incapacità politiche di governare e gestire etc..etc..etc…
    Nel Veneto da tempo diversi gruppi indipendentisti stanno svolgendo un’intensa campagna informativa verso i Veneti affinché aprano gli occhi difronte alla loro storia e a quella a cui sono stati costretti a subire per decenni.
    La consapevolezza è il primo passo verso la critica a questo paese. Poi tutto il resto viene di conseguenza. Siamo a buon punto ed il voto sull’autonomia lo dimostra.
    Questa volta nessuno può illudersi che se l’autonomia del Veneto non sarà completa e soprattutto incentrata sulle risorse finanziarie disponibili per tutte le materie di cui la stessa costituzione parla, allora la spallata anche ai più moderati o a coloro che sino ad ora non credevano all’indipendenza si ricrederanno e si convinceranno che ormai l’italia ci va strettissima come una morsa che ci porterà al crollo economico e con esso la rivolta morale e sociale che ormai sarebbe ora si sviluppasse in concreto.
    Questo Governo partito come un governo della libertà e del cambiamento se non starà ai patti avrà di che lamentarsi come si possono vedere anche per PD e F.I.
    Non ci sono più spazi per politici fanfaroni, inconcludenti o collusi con qual si voglia settore della società.
    Come si dice in una famosa frase, oggi si cambia come segue : “Qui o si cambia l’italia o saranno gli italiani a ambiarla senza alcun partito al seguito.” E’ e sarà inevitabile. I fossi sono pieni di promesse mai mantenute ma soprattutto di sprechi e mangiatoie oggi intollerabili e impossibili da comprendere.
    Il messaggio è chiaro i VENETI, ma anche molti altri della penisola, isole comprese ne hanno le tasche piene di questa italia inconcludente ma soprattutto lanciata verso un DEFAULT che si avvicina a passi da gigante. Il debito pubblico ( inesistente ) in continuo aumento ce lo dimostra.
    Scrivo “inesistente” perché tutti sappiamo che togliere la sovranità monetaria agli stati e donarla ai privati con le loro banche è diventato una truffa sotto gli occhi di tutti.
    WSM

Leave a Comment