Callegari, da Bankitalia bollettino di guerra: debito cresce al 132,2%. Nord sonnambulo si svegli

prima-nord

di CORRADO CALLEGARI* – Neppure in un condominio si confermerebbe l’amministratore che non sa far quadrare i conti e che aiuta con sussidi assistenziali del fondo cassa i condomini che non pagano le rate. Eppure è così. L’Italia è sotto assedio mediatico e psicologico degli artisti della rete e così nessuno fa caso all’ultimo bollettino di guerra di Bankitalia che ha fornito le stime aggiornate del debito delle Amministrazioni pubbliche per gli anni 2015-18. I dati sono stati rivisti in occasione della Notifica trasmessa alla Commissione europea nei giorni scorsi nell’ambito della Procedura per i disavanzi eccessivi.
Rispetto ai dati diffusi lo scorso 15 marzo, il debito è stato rivisto al rialzo di 0,8 miliardi nel 2016, 5,5 miliardi nel 2017 e 5,3 miliardi nel 2018.

Doveva essere un anno bellissimo. Il decreto dignità doveva ridare lavoro. Il reddito di cittadinanza generare ripresa. Lo stop agli sbarchi offrire lavoro e servizi a “prima gli italiani”. Invece si affonda. A breve, dovremo noi salire su qualche barcone ed emigrare altrove.

I dati tecnici dicono che a seguito delle revisioni il debito delle Amministrazioni pubbliche al 31 dicembre del 2018 ammonta a 2.322 miliardi, pari al 132,2 per cento del Pil; alla fine del 2017 il debito risulta pari a 2.269 miliardi (131,4 per cento del Pil).

Dobbiamo aspettare il prossimo 15 aprile per avere altri dati aggiornati. Ma tanto il cittadino sembra colpito da sonnambulismo. Non si accorge di quello che gli sta accadendo intorno.

Principi come autonomia, residuo fiscale, suonano come vecchi arnesi. La gente cerca l’uomo forte, autoritario, che si mette di traverso rispetto alle debolezze che ci governano attorno, dall’Europa all’inconsistenza delle opposizioni. Abbassare la guardia sarebbe un errore, occorre restare a tenere ferme le posizioni. Il Nord non può non avere una rappresentanza politica, non sono gli stati nazionali la soluzione ai mali del paese.

*Responsabile coordinamento Confederazione Grande Nord Veneto

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Speriamo anche che alle prossime elezioni europee ci sia un ricambio generalizzato al fine di creare una nuova Europa in cui ogni paese o regione siano indipendenti e sovrani, ma federati/e su basi federali come abbiamo negli USA, SVIZZERA,GERMANIA etc..etc..
    Senza una Europa Federale è inutile proseguire con la fallimentare UNIONE EUROPEA che tanti danni ha fatto e continua a fare dato che al suo interno solo la GERMANIA e la FRANCIA la fanno da padroni ed i padroni a casa mia non vanno più di moda.
    WSM

  2. giancarlo says:

    I politici stolti hanno voluto cambiare il sistema monetario in un sistema bancario privato.
    Le banche centrali dei vari paesi europei non servono più a stampare moneta per conto degli stati ma devono chiedere il permesso alla BCE anch’essa banca centrale Europea Privata, cioè di banche private di proprietà di privati.
    Siamo alla follia e manco a dirlo alla criminalità organizzata.
    Non siamo più indipendenti dal momento che non abbiamo più la possibilità di gestire una propria moneta anche in funzione del debito pubblico. E’ vero che la BCE con Draghi ha acquistato una minima parte del debito pubblico di tutti i paesi europei, quindi anche dell’Italia, ma la famosa ultima istanza….non esiste !!!!!!!!!!!!!!
    Esiste solo un potere economico. finanziario .bancario che fa solo i propri interessi e non quelli dei Popoli che anzi ne sono assoggettati, schiavi delle loro politiche assolutistiche finalizzate a omogeneizzare tutto e tutti in un grande calderone in cui nessuno più ha la possibilità di differenziarsi o di avere ancora una propria identità.
    Come detto siamo alla follia e tutto questo lo stiamo già pagando da anni con politiche facenti parte del famoso ” caos ” per distogliere l’opinione pubblica da ciò che realmente certi signori hanno escogitato in passato e che ora vogliono assolutamente concretizzare per avere i massimi profitti possibili.
    Il debito pubblico da quando sono le banche private a stampare la moneta unica è illegale se non peggio.
    Se qualche luminare mi vuole smentire o illuminare su eventuali mie errate valutazioni o scritti come questo sarò grato per avermi smentito con prove di fatto o argomentazioni valide e senza possibilità di essere smentite. Grazie !!!!!!!!
    WSM

Leave a Comment