Caldoro: le proposte della Lega? Uno spreco improduttivo

di REDAZIONE

Il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro si scaglia con decisione contro il Carroccio. “La proposta della Lega di trattenere il 75% del gettito prodotto e’ uno spreco improduttivo” dichiara il governatore campano. Per Caldoro, in questo modo “realizzerebbe una rendita non utile, non investibile per i limiti posti dal patto di stabilita’. Con una idea simile qualsiasi impresa produttiva fallirebbe in pochi mesi”.

“La Lega – aggiunge Caldoro – invece di proporre soluzioni parassitarie e di spreco accetti la sfida delle migliori performance: chi e’ piu bravo e migliora i suoi fondamentali avra’ piu risorse, non il piu’ ricco ma il piu’ bravo deve essere premiato”. Il governatore lancia poi la carica del Mezzogiorno: “Il sud e’ pronto a questa sfida nell’interesse del Paese. Una sfida competitiva e meritocratica“.

Pronta la risposta a Caldoro del Presidente della regione Veneto Luca Zaia. “Non condivido quanto dichiarato dal presidente della Campania, Stefano Caldoro, sulla proposta di trattenere il 75% del gettito prodotto, perche’ il Nord l’ha formulata a ragion veduta” dichiara Zaia. “E’ il Veneto che ha le tasche piene di pagare per chi spreca, per tutti gli sprechi che sono la rovina dell’Italia e che hanno prodotto come unico risultato di avere duemila miliardi di debito pubblico e il pagamento di 80 miliardi di euro l’anno di interessi – continua – Ricordo a Caldoro che il Veneto ha sempre dato allo Stato molto di piu’ di quello che riceve, a cominciare da quei 16 miliardi di residuo fiscale che, tolto il monte tasse complessivo, invece di tornare a beneficio dei veneti che li hanno pagati restano comunque nelle casse romane. Sfido invece Caldoro a sostenere l’applicazione dei costi dell’amministrazione del Veneto, in modo che, come indicano gli studi effettuati, a livello nazionale questo si tradurrebbe in un risparmio di 28 miliardi di risorse, ovvero circa un terzo degli interessi che l’Italia paga per il suo debito pubblico”.

Anche Roberto Cota replica al governatore campano, affermando che si tratterebbe di “un atto di giustizia verso il Nord e verso chi paga le tasse” oltre ad essere “l’unico modo per poter abbassare la pressione fiscale la’ dove si lavora e si produce”. Cota conclude con un esempio: “trattenendo in Piemonte almeno il 75% delle entrate tributarie potremmo subito togliere l’Irap, che vale da sola 2,7 miliardi, eliminare l’Imu sulla prima casa, realizzare tutte le infrastrutture e aiutare chi ha bisogno. Se poi occorre modificare le regole del patto di stabilita’, lo si puo’ fare tranquillamente: le regole sbagliate si modificano. Non e’ possibile che il Nord, che e’ in grado di competere con tutti i sistemi produttivi avanzati, non possa farlo perche’ lo Stato impone una pressione fiscale allucinante portando via le risorse dal territorio”.

da www.campania24news.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

15 Comments

  1. mario says:

    ma caldoro, si droga?

  2. Gian says:

    Ci vuole veramente una faccia di… di… diciamo di bronzo da guinnes dei primati per dire certe idiozie, certe vaccate, certe boiate.

    La vergognosa e indecente accusa di proporre “soluzioni parassitarie e di spreco” ha forse fatto passare in secondo piano la trappola nascosta nelle parole di Caldoro che propone: “chi e’ piu bravo e migliora i suoi fondamentali avra’ piu risorse, non il piu’ ricco ma il piu’ bravo deve essere premiato”.

    Bella fregatura, infatti noi che abbiamo tutto in regola, quanto possiamo migliorare? Qualcosa di sicuro, ma non tantissimo, loro che hanno tutto sgarruppato (così Caldoro mi capisce) hanno invece amplissimi margini di miglioramento e quindi con poca fatica avrebbero ancora moltissime risorse. Come dire che lo scudetto non va alla prima in classifica, ma a quella che è migliorata di più rispetto all’anno prima, ovvero quest’anno alla Juve non basterebbe neppure arrivare prima!!!!!!

    Insomma il tipico pacco alla napoletana!

  3. Marino says:

    Cota e Zaia hanno ragione

  4. berg says:

    Penso che la questione su cui riflette non stia tanto nelle dichiarazioni di Caldoro, che tutto sommato sono scontate, ma nel fatto che quelli che nel proprio programma elettorale vogliono trattenere il 75% delle tasse al nord, siano gli stessi che alla fine per rimanere a galla, molto probabilmente, si alleeranno una volta ancora con il partito di cui il Caldoro è espressione…nella mia ignoranza ritengo che sia questo il vero paradosso.

  5. lucafly says:

    Caldoro…….ma va FANCULO !!!!!!! Amen.

  6. Le dichiarazioni di Caldoro sono da stampare 10m x 10m come manifesti elettorali della Lega Nord.
    Quale migliore campagna pro indipendenza?

    Caldoro tiene la faccia come ‘o c….

  7. lombardi-cerri says:

    Caldoro deve smettere di comportarsi da “parlator cortese”.
    Vuol dare un premio alle migliori amministrazioni regionali?
    Semplice! Lasci alle Regioni del Nord il 75% degli incassi fiscali .
    A meno che non abbia già in mente la soluzione, tipicamente mediterranea, di dichiarare le regioni del Sud “vincitrici a priori”.
    E per fare un passo alla vota, cominciamo la gara con il settore sanitario ricordando anzitutto che i debiti delle ASL meridionali verso le ASL padane che hanno prestato assistenza “conto terzi”, vanno pagati.

  8. Il bue che dà del cornuto all’asino… “La Lega – aggiunge Caldoro – invece di proporre soluzioni parassitarie e di spreco accetti la sfida delle migliori performance:”….
    Guarda che la Lombardia è la migliore di tutte nei parametri di buona amministrazione ignorante d’un napoletano!

  9. Veritas says:

    Eh, ti pareva! Doveva proprio essere un napoletano a criticare la proposta leghista. E credo sia il primo in assoluto.
    Lui dovrebbe pensare ad aministrare la sua regione e non interferire con i progetti delle altre!

  10. lucky says:

    ma perchè caldoro si lamenta, anche la campania trattenerebbe il 75%, non capisco………………………….

    • Brixiano says:

      Butto lì a caso….. perchè il loro 75% corrisponde al nostro 10%…..forse….e non ci sarebbe più nessuno che gli ripiana i debiti a piè di lista. Devono avere un pippaculo tremendo…

  11. nomenade says:

    beh…speriamo non si rimettano insieme PDL-lega solo per la paura dei comunisti (???)
    A mio parere é piú semplice spiegare a un “comunista” del nord che a un pdllino del sud la storia el 75%…peró…io non conto molto…

Leave a Comment