Buon Natale dagli animali. Che è meglio del Natale secondo i politici…

cibo animalirassegna stampa

Vediamo cosa ci hanno portato le istituzioni per queste feste. A Como grazie all’ordinanza del sindaco è vietato sommistrare una tazza di latte caldo ai clochard che si riparano sotto i portici del centro, almeno fino al 10 di gennaio così da non disturbare i passanti. Poi possono tornare a ripararsi in centro. A Savona altra ordinanza per bandire i cani in centro dai marciapiedi, con l’idea di estendere il divieto al resto della città. Poi c’è un’elevazione al crimine che arriva da senatore Centinaio, parlando della pedofilia. Avrebbe affermato, testuali parole, riferendosi a chi abusa dei bambini: “Per questi animali che commettono simili reati e soprusi non c’e’ altra pena che la castrazione chimica”.

Partirei da qui, dal parlamentare antropocentrico, per il quale l’uomo è l’essere perfetto al centro dell’universo mentre  tutto ciò che vi ruota attorno è cosa indegna. Gli animali rappresentano il male. I pedofili sono come gli animali, afferma, come se l’istinto animale sodomizzasse, procurasse violenza nei confronti dei loro cuccioli. Avete mai visto un animale violentare o uccidere un proprio piccolo per procurarsi piacere? Ci pare vero il contrario ma il vizio culturale di credere l’uomo migliore, pretende che le altre specie siano feroci e intollerabili, abominevoli. Sporche. Come i barboni e i cani di Savona. Al punto da diventare criminali come un pedofilo.

Eppure sono gli uomini a maltrattare gli animali, e non gli animali a maltrattare gli uomini. Sono gli uomini a uccidere senza stordire gli animali, tanto sono bestie. L’uomo degrada, distrugge, annienta, desertifica, perché si ritiene pari a Dio e quindi può decidere se un barbone come a Como abbia o meno bisogno di una colazione calda nelle settimane di gelo o se invece non meriti un bel calcio nel sedere perché puzza in luogo pubblico.

La politica insudicia, sporca, trama, corrompe, devasta, smaltisce qualsiasi cosa. Eppure la lezione è quella dell’intolleranza verso i cani sui marciapiedi. E’ vero, possono sporcare, ma né più né meno come gli uomini che svuotano i posacenere ai semafori, sputano a terra lasciando la gelatinosa patina bianca del loro catarro o i mozziconi di sigaretta ammessi e concessi perché fumare è umano. Defecare da cani no. Si pulisce e se non si pulisce si punisca chi non provvede. Una settimana di lavori socialmente utili e il padrone maleducato è educato. Le città non sono a misura di animali, lo sono per i consumatori, per i pigri in auto, lo sono per i borseggiatori, lo sono per i venditori abusivi e per chi lascia nei parchetti di tutto e di più. Ma non si devono accogliere secondo la visione veterotestamentaria, i cani indegni. Lo erano per gli ebrei, e lo sono ancora per molti musulmani. Lo sono di certo per molti  politici e  sindaci. (di Stefania Piazzo)

 

segue su:

https://www.legadelcane.org/giornale-online/barboni-senza-colazione-a-como-cani-giu-da-marciapiede-a-savona-e-animali-come-pedofili-per-il-senatore-il-natale-piu-umano-secondo-i-politici/

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    BUON NATALE A TUTTI.
    OGGI NIENTE DI MEGLIO CHE SORRIDERE A TUTTI E RACCONTARE BELLE STORIE AI NOSTRI NIPOTINI, MAGARI MANGIANDO IL PANDORO O IL PANETONE O LE PASTINE CON LA CREMA.
    Anche così si può sconfiggere la politica sporca che ci circonda ogni giorno.
    La politica oggi è bandita ma non scordata.
    Tanto per essere chiari, ribadisco che coloro che agognano diventare politici e poi assessori, parlamentari etc.. per legge dovrebbero sottoporsi ad un esame serio ed approfondito non solo sulle loro competenze, la loro laurea, la loro psicologia, ma soprattutto perché vogliono fare i politici.
    Forse dopo potremo avere politici meno ladri, mafiosi e corrotti.
    BUON NATALE A TUTTI DAVVERO E CHE CHI CI GUARDA DA LASSU’ DECIDA FINALMENTE DI SCENDERE A GIUDICARE CHI DI DOVERE O MEGLIO COLORO CHE NON MERITANO IL PERDONO.
    WSM

Leave a Comment