Brasile: indios asserragliati per difendere il loro museo

di REDAZIONE

Vogliono chiudere il loro museo, nella zona nord di Rio de Janeiro, e gli indios che vivono in un piccolo insediamento nei pressi dello stadio Maracana’ sono pronti anche a morire per impedirne la distruzione.

”Siamo disposti a tutto, anche a non uscire da qui vivi”, ha detto Afonso Aporina, uno dei leader indigeni del locale villaggio. Recentemente, la presidente del Tribunale regionale federale (Trf) ha respinto due ordinanze che impedivano la demolizione dell’edificio dove funzionava il ‘Museu do Indio’, dal 1910 al 1978, oltre a proibire l’evacuazione dei suoi occupanti.

Preoccupati che la decisione del Tribunale Regionale Federale possa accelerare il processo di rimozione dall’area, gli indigeni promettono di reagire con ogni mezzo e stanno facendo tutto il giorno la sentinella nella zona.


Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Semo in man de i soiti:
    BRIGANTI, RAPINATORI E MANTEGNESTI.

    Xe ori ke komanda e no i popoi.

    I ne ciama a votar soeo pa esar vaidai nee so karike de magna magna.

    Purtropo a va kusi’ da partuto. Ramai xe devegnesta na moda o tendensa.

    Saeuti

  2. Alberto Pento says:

    Coanto ca ghemo da enparare naltri veneti, sti indios no li gà tanti pacioladori e vendidori de iluxion, tra de lori e li va driti en fondo co la so degnetà

Leave a Comment