Bossi: la Padania si farà, seguire l’esempio della Catalogna (sic!)

di GIANMARCO LUCCHI

“La Padania si farà perché i popoli di Europa sono in marcia e si stanno unendo contro la canaglia centralista. Sta già avvenendo in Catalogna dove 400 chilometri di catena umana sono solo l’inizio, poi c’è la Scozia e poi ci sarà la Padania”. È quanto dichiarato da Umberto Bossi nel suo comizio alla Festa dei popoli padani al Pian della Regina, sul Monviso.

“Stiamo raccogliendo le firme affinchè i popoli possano chiedere un referendum per l’autodeterminazione”, ha ricordato Bossi che ha poi fatto riferimento alla macro regione del nord, sottolineando che “bisogna darsi da fare perché Roma, che non è nostra amica ma solo dei nostri portafogli, non ce la darà mai. La macro regione del nord si farà quando una catena umana unirà Torino con Milano e Milano con Venezia”.

Il Senatur ha poi voluto ricordare il rito leghista dell’ampolla che si svolgeva fino a qualche anno fa alle sorgenti del Po al Pian del Re, spiegando che “qualcuno non ha più voluto andare a raccogliere l’acqua e ha detto che anche la cerimonia di Venezia (dove il contenuto dell’ampolla veniva versato dopo aver percorso tutta la Pianura Padana, ndr) non andava più tanto bene, ma io invece penso che i simboli servano, che sono fondamentali perché l’uomo ha uno spirito. L’identità è legata ai simboli e i simboli sono le nostre tradizioni. Senza identità diventiamo strumento del centralismo che ci vuole schiacchiare. Nulla di quello che è importante scompare, la vita ha un andamento circolare, siamo partiti da qui e qui torneremo”, ha concluso Bossi.

Peccato che in Padania si è andati all’indietro: in Catalogna hanno fatto la catena umana per dare l’ultima spallata ed arrivare al referendum; in Padania si è fatta la catena umana nel 1996, 17 anni fa sul Po, e adesso siamo al nulla…

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Gianni says:

    (ANSA) – VENEZIA, 16 SET – Una mozione di ‘sfiducia’ a Umberto Bossi, per eliminare dallo statuto la presidenza federale come ‘carica a vita’ data al Senatur, sarà votata stasera all’assemblea della Liga Veneta-Lega Nord, a Vicenza. Al documento (che l’ANSA ha potuto visionare), firmato da un segretario di sezione bellunese, hanno lavorato alcuni degli uomini vicini al segretario Tosi. La mozione, che definisce ‘eccessivi i poteri del presidente’, chiede l’eliminazione dei commi 1/O e 5/O dell’art.14 dello Statuto.

    che sia a seguito delle sue dichiarazioni sulla “la padania si farà” ?? misteri

  2. balabiott says:

    E’ vero, come tanti ci credevamo ed eravamo presenti sia sul po che a venezia.
    Ci credevamo davvero! Poi vi siete mangiati la credibilità stando a Roma e facendovi impiccionare in maniera banale, ammettete almeno questo.
    Vedere poi oggi anche quel farabutto democristiano di cota sul Monviso mi fa ribrezzo, lui che, davvero , non ci ha mai creduto in tutto questo.
    Ci vorranno anni per ricominciare e sicuramente non si potrà ricominciare con chi ci ha portato in questo pantano.

  3. Riccardo Pozzi says:

    E’ una persona provata e malata ma, anche se con tutte le riserve dovute al fattivo fallimento dei pur minimi propositi leghisti, bisogna ammettere che ha più polso un Bossi malato di tutta la restante dirigenza sana.
    Capisce, il vecchio leone, che la gente ha bisogno di sentire un colpo, che sta smarrendo o ha già smarrito ogni speranza di reagire al sistema centralista.
    Poi , per carità, la sua vita è costellata di fallimenti e imbarazzanti posizioni politiche, i serenissimi, Miglio, l’alleanza col centrodestra, la penosa situazione della famiglia. Però resta un intuitivo. Questi non si stanno nemmeno rendendo conto del loro stesso fallimento e continuano a suonare su ponte. Forse perché si sono già pagati una scialuppa…

  4. noitaly says:

    Buffoni per buffoni quelli del cerchio magico fanno almeno ridere, quelli della lista duemarroni solo schifo.
    Affondiamoli tutti.

  5. ugo says:

    io ero sul PO quel giorno ,a Borgoforte-MN-.Con la moto passai sull argine .uno spettacolo . Altro .che quattro gatti come vollero far credere .ricordo che in tarda mattinata a Scorzarolo decine di pulman erano bloccati sulla strada, in colonna non riuscivano a raggiungere la postazione.Una marea di persone .ALCUNI CI CREDEVANO altri solo per curiosità. I filmati dall’ alto mostrarono la verità . E POI A VENEZIA migliaia di persone sotto il palco. RITENGO che quel giorno è stato il punto massimo di forza.insieme alla manifestazione tenuta a dicembre a Milano. Epoi? il giorno dopo la polizia in via bellerio. E poi ? QUELLA forza è stata dispersa. LA gente vuole fatti, un seguito alle azioni,un risultato.17 ANNIdopo siamo divisi e dispersi . IO ho le mie opinioni a riguardo.Ho i miei ideali e non li cambio di certo in base agli accadimenti o contando il numero di chi mi è vicino. Ma la realtà è fatta di numeri . Una possibilità per contarci volete darcela O NO? Se siamo quattro gatti che paura facciamo ? E ALURò ? UN SALUTO A TUTTI CARI FRATELLI.

    • lucia says:

      Ugo,anch’io c’ero.A Spessa Po.Con le stesse tue sensazioni.E non sapevo niente della lega e di Bossi.Solo curiosità e forse il desiderio di vedere se ci fosse una qualche novità che potesse dare speranza.Perchè i problemi di allora sono gli stessi di ora.Insicurezza,difficoltà economiche,smarrimento morale,pessimismo cosmico .E vedere tutte quelle persone radunate sulle rive senza alcuno scopo apparente,nessun concerto,nessun comizio,nessuna protesta,nessuna violenza.Solo avere la sensazione di essere parte di qualcosa.Ho sempre raccontato ai miei figli che mi sembrava proprio di essere parte del volgo disperso di Manzoni.Ma ciò che mi ha proprio convinta è stato verificare che per la stampa,per le televisioni,per tutto il palazzo noi,che eravamo stati lì non esistevamo.Girando da un ponte all’altro con la macchina e vedendo le rive colorate dal verde delle bandiere ascoltavo incredula le radio che non riferivano nulla come se non stesse succedendo nulla mentre vedevamo chiaramente gli elicotteri passare sopra di noi per riprenderci.Dio che sensazione!Io ero dalla parte della ragione e chi voleva ignorarci era dalla parte del prepotente e del torto!.Sensazione che ha continuato per 17 anni e continua ancora .Io voglio ancora essere parte di quel volgo perché so che esiste.E se qualcuno mi dà del buffone o mi reputa ingenua e ignorante e volgare e sognatrice,faccia pure.Ha ragione Bossi.Per queste ragioni e solo per queste ragioni la Lega ha avuto successo,non perchè i legisti siano più bravi o più onesti degli altri.Le stesse ragioni che hanno tutti gli indipendentisti sinceri,che non si scoraggiano se i risultati non sembrano arrivare mai e non fanno come i capponi di Renzo che si beccano fra loro mentre Renzo li sbatte da una parte all’altra nel suo gesticolare e non cambiano idea quando riescono a fare il sindaco o il presidente di regione o riescono a fare i segretari del partito.Io vedo bene il ritorno alla segreteria di Bossi,se se la sente.Se poi gli iscritti non lo vogliono,lo dicano chiaramente.Almeno la finiranno con questa storia che tutti sono grati a Bossi perché Bossi è la lega e poi lo pugnalano alle spalle e ridicolizzano tutto quello che Bossi ha fatto.E almeno Bossi sarà libero,semmai,di fare un altro partito.

  6. Lucafly says:

    Niente da fare il capo non si smentisce mai.
    Cialtrone era cialtrone è e cialtrone rimarrà fino alla fine dei suoi giorni.

  7. ultor says:

    Ma vai a cagare ladro. Hai tradito il nord. Meriti Piazzale Loreto.

  8. gian says:

    non so se posso condivide il mio pensiero su quanto buffoni siano, ma se dovessi incontrarlo io lo mando a cag..re
    con tutto il circo

  9. Marco Fabrini says:

    Bene bene, ma intanto per il momento facciamo il Veneto che è un obbiettivo più a buon punto. La lega che ha già avuto la sua occasione intanto dia una mano e poi faremo la Padania. OK?

Leave a Comment