Bossi ha fatto la Lega. I lombardi l’hanno distrutta

Foto bandiera Lega Lombarda

di Stefania Piazzo – Chi ha visto il docufilm Umberto B. ha ascoltato più voci. Quelle di chi ha assistito innanzitutto alla nascita della Lega, alla sua esplosione elettorale. Al suo tramonto sotto i colpi delle inchieste. Tutti volti lombardi. Solo volti lombardi. Perché la Lega Lombarda di Umberto Bossi era nata nella testa di Bossi. Perché aveva fatto i primi passi  a Varese. Ma chi conosce la Lega, sa bene che prima nacque la Liga Veneta. E che l’idea bossiana di federare i movimenti autonomisti portò i veneti a far parte della Lega Nord. Un contenitore che in realtà era tutt’uno col suo Capo. Quando esiste un leader, e del carico di Bossi, colui che trasformò il lessico della politica, animale politico di portata epica, ebbene, si sa che tutte le energie convergono verso il centro e ciò che è parte di quel corpo, alla sua periferia, per quanto viva in modo autonomo, sempre dipende dal cuore del mattatore.

Analizziamo i volti della debacle del 2012. Dove sono i veneti? Non se ne vedono. Scorgiamo solo lombardi. Lombardi i due successori del Capo. Maroni e Salvini. Lombardi i volti degli amministratori del Carroccio e loro esecutori testamentari. Lombardo il silenzio che avvolge la trasformazione del partito territoriale in sovranista. Il Veneto traina il referendum sull’autonomia, i volti del nuovo corso non sono però quelli dei veneti. Restano lombardi. E lombardi sono gli uomini di Salvini che lo portano a organizzare il congresso della svolta.

Eppure è paradossale. Di lombardo non c’è più nulla nella nuova Lega di Salvini.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Zaia punta in alto, al governo dell’ Italia. E’ per questo che corre dietro a Salvini. Amministratore capace, buon comunicatore, con la giusta esperienza, adeguatamente pacato, dovrebbe essere, nel cdx il più ben accetto per il governo del Paese chiamato Italia. Conclusione : non è un patriota Veneto, è solo un classico opportunista come ce ne sono tanti in Italia.
    Xe meio lasarlo perder prima che se pol

  2. Vero è che i Veneti a livello regionale non si sentono più leghisti ma sono tornati alle origini anche se non più con il nome di LIGA VENETA, ma PARTITO DEI VENETI.
    Sicuramente a livello nazionale i Veneti voteranno ancora in massa la LEGA ed è corretto farlo perché non c’è altro da votare, ma a livello regionale le cose cambieranno anche se LEGA e PARTITO DEI VENETI potrebbero anche essere degli alleati e non degli avversari. Dipenderà molto da ZAIA se capirà che la LEGA non rappresenta più quel partito identitario e territoriale che la LEGA NORD rappresentava per i VENETI ed era il suo partito di riferimento.
    La battaglia è già iniziata ma chi vincerà la guerra????
    Lo stesso assisteremo in Lombardia dove dopo l’ex grande U.Bossi &C. e dopo la sua rovinosa caduta i successori non sono all’altezza dei compiti specie ai vertici. Grande Nord sarà il fratello del PARTITO DEI VENETI e anche questo è corretto perché gli interessi sono comuni e comuni saranno i programmi da portare avanti anche se con qualche piccola differenza che non inficerà sul buon rapporto che dovremo tenere per essere più forti nei confronti di Roma.
    WSM
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Scuola gonfia di burocrazia, diamoci un taglio

Articolo successivo

#Senzasconti, Negri, Olivieri e Rossati ad Antenna 3