BOSSI SENZA VERGOGNA: BRAVO BELSITO!

del DIRETTORE

Tante polemiche su Francesco Belsito, il discusso tesoriere della Lega che ha investito i soldi all’estero, triangolando con la Tanzania? Zitti tutti voi che non capite nulla, parla Bossi: «Belsito è un buon amministratore, ha scelto bene come investire soldi, non in Africa, ma in Norvegia». Il leader della Lega  ha risposto così a chi gli chiedeva un giudizio sul tesoriere del partito. «È anche grazie agli investimenti che ha fatto – ha detto da Sassuolo – che la Lega è cresciuta. La prossima volta magari chieda a me prima di fare investimenti all’estero». «La Lega – ha aggiunto Bossi – è riuscita a crescere anche perché ha sempre amministratori che investivano all’estero e che le hanno azzeccate tutte. Noi non avevamo i soldi che hanno Berlusconi e le cooperative rosse, quindi dovevamo arrangiarci». Tuttavia, nel confermare la fiducia a Belsito, Bossi ha auspicato di essere consultato prima dei prossimi investimenti all’estero: «Io  sono meno pratico di economia, ma sono più pratico di politica, e la Lega non è una fabbrica, ma è una forza politica».

Bene, così abbiamo saputo che, mentre molte sezioni chiedono la “carità” ai militanti per poter pagare l’affitto dei locali, dal “leader massimo padano” apprendiamo che Belsito è un ottimo investitore e moltiplica gli euro, così la Lega può diventare sempre più forte. Piacerebbe sapere a molti, però, se quei soldi investiti all’estero tornano effettivamente indietro per finanziare l’attività del movimento, oppure se restano confinati su conti di società che non appartengono alla Lega, ma a singole persone a cominciare dagli esponenti della famiglia Bossi. Comunque, se di questa situazione sono contenti tutti gli altri dirigenti leghisti e son contenti pure i militanti, vorrà dire che va bene così madama  la marchesa.

Sempre sa Sassuolo il Senatur ha parlato di altro: quella delle amministrative di maggio «sarà una sfida molto difficile, ma è molto meglio perdere se vincere poi significa essere costretti a imbrogliare la gente». Con queste parole ha ribadito la volontà del suo partito di presentarsi da solo alle elezioni. A chi gli chiedeva se potrebbero esserci delle eccezioni, a questa linea, Bossi ha detto di non escluderlo. «Sistematicamente, però, cerchiamo di andare da soli», ha aggiunto, ricordando quello che aveva stabilito un congresso della Lega Nord: «Tentiamo adesso di fare un partito egemonico al nord, perchè gli altri hanno combinato abbastanza danni. Tasse, tasse, tasse, e hanno tolto le pensioni ai lavoratori. Se la gente sbaglia a votare stavolta vuol dire che non c’è niente da fare». Un congresso della Lega Nord? Ma quale se l’ultimo risale a dieci anni fa? Bossi sta dicendo ora al suo popolo che intende ripartire da dieci anni fa. E nel frattempo cosa è successo? Forse che lui non ha preso per i fondelli la gente che l’ha votato? Passiamo oltre che forse è meglio…

Il proscioglimento di Berlusconi per avvenuta prescrizione. Bossi, dopo un giorno di silenzio, ha elaborato l’interpretazione utile a se stesso: «I giudici non sono ciechi e sordi, vivono anche loro il momento politico. Berlusconi è stato abile, pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo. Magari non aveva commesso niente, come sosteneva lui, però vista da fuori è una brutta impressione». Ma scusate, quest’uomo ci fa o ci è? Adesso che i due amichetti si sono divisi, viene a raccontarci che le vicende processuali in cui è coinvolto il Cainano fanno una brutta impressione. E che impressione gli facevano, invece, quando pappavano insieme il lunedì sera ad Arcore, ridendo di tutti gli elettori che in buona fede credevano alle loro panzane? Nessuna impressione, anzi, con lo spadone giussanesco l’Umberto da Gemonio era il più strenuo difensore del Berlusca.

Andiamo a casa, che mi scappa da ridere…

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

45 Comments

  1. nick says:

    Non solo le sezioni ricevevano ben poco dal partito, ma le stesse emanazioni, come l’ Associazione Donne Padane, sui 15 euro ricevute da ogni tesserata, ne versava 8 a Milano. Qui da noi la presidente delle Padane (gratificata sempre con qualche cadreghino) continuava a raccomandare di non chiedere mai niente al partito, stanti le direttive rigidissime di Milano!
    Ma se le varie sezioni e le associazioni non dovevano chiedere mai e continuavano a dare, dove finivano i soldi?.

  2. gemma says:

    Una volta la gente per timidezza non si diceva leghista, poi la gente si è detta leghista per disperazione e per speranza, oggi nega di aver mai conosciuto la Lega o i leghisti per profonda vergogna, rabbia e schifo e disgusto! (e per non far la figura dell’idiota)

  3. jesse james says:

    E basta con la favola dei congressi che dovranno cambiare il mondo leghista! Ma chi ci crede ancora? basta dire che fra pochi giorni in Piemonte il congresso leghista nominerà segretario sapete chi? il grande Cota, vero esempio di democristiano che si schiera un poco con Maroni e un poco con i cerchisti a seconda dei momenti e delle convenienze. E in lombardia che metteranno? e in veneto? visto che vogliono far fuori Tosi, chi metteranno? Pricolo o il Gobbo? per l’amor di Dio… La piantino di raccontarci balle. e soprattutto: MARONI SVEGLIATI MA SUBITO altrimenti anche tu finirai nel nulla…

  4. evira says:

    Ti porterò le fragole in prigione/ perchè di arance non è più stagione (elvis carcano)

  5. domanda says:

    La frase di Bossi “se la gente sbaglia a votare stavolta vuol dire che non c’é niente da fare”, suscita l’orticaria. E’ irritante perché può essere un falso “piangersi addosso” perché tanto si sa che la Lega é già stata “svenduta” da un pezzo.. e tanto vale buttarla sempre in vacca e dare la colpa alla gente, tanto non costa niente… Fatto sta che, se “non c’é niente da fare”, restano comunque tanti bei soldi: mi chiedo anche io a chi vanno se la lega va a gambe per aria. Penso che la decisione di investire il danaro leghista come un tesoretto qualsiasi, invece che nel progetto e nelle frequenze radiofoniche (per le quali si pietiscono sempre soldi a pensionati e casalinghe) é moralmente inaccettabile.E’ un bene che sia emersa la verità sull’esistenza del gruzzolo! E’ un bene che si sappia che, se avessero davvero voluto,.. avrebbero potuto….

    • ramon says:

      I soldini per la radio e il giornaletto invece che pietire da pensionati e poveracci , bei bambini, fateveli dare da tutti quelli che avete sistemato in giro a spese del contribuente, facce di palta!

  6. Dan says:

    La mia modesta opinione riguardo lo scempio delle sezioni consiste nel fatto che tutte quelle che oggi sono costrette a vivere di elemosina, in vista delle prossime elezioni, dovrebbero bloccare ogni campagna di tesseramento (non che serva molto perchè tanto bastano un po’ di firme false per compensare) ed organizzare delle vere e proprie serrate fino a quando sior bossi non dica al suo tesoriere di far rientrare i soldi dall’estero e li impegni concretamente per ridare dignità alle varie sezioni.
    Ho diversi contatti con una sezione in particolare, dove a forza di andare avanti ad elemosina (chi porta le scrivanie, chi le sedie, chi il computer, chi il telefono, eccetera eccetera eccetera…), senza le quali sarebbe completamente vuota (ci potremmo letteralmente sedere per terra e bere thè alla menta) alcuni membri della stessa, sono praticamente arrivati ad eleggerla a loro seconda casa, trattandola a dir poco come una comune: una cosa a dir poco impresentabile.
    Volgarmente (ed esagerando un pochino, ma a dire il vero neanche troppo) parlando è inevitabile che se si è talmente straccioni da aver bisogno che qualcuno porti il bidet da casa non ci si può lamentare se quella persona un giorno si fa venire la grandissima idea di presentarsi con l’asciugamano ed il progetto di lavarsi le palle in sezione.
    E’ un autentico schifo !
    Potevo capire la richiesta di contributo rivolto a sostenitori e militanti di vent’anni fa quando la lega era piccola e scarsamente finanziata ma al giorno d’oggi con 30 milioni di euro di finanziamenti (illegali) pubblici ed un po po di gente eletta e quindi mantenuta dallo stato a tutti i suoi livelli non è assolutamente logico che ci si presenti dalle persone comuni (lavoratori e pensionati che arrivano a malappena alla fine del mese, per non parlare di disoccupati e studenti) e ci si aspetti che questi mantengano il baraccone mentre gli altri stanno ad intascare vagonate di soldi senza contribuire.

  7. re ribalta says:

    Bon Cremonesi, amico del Calderolo, del Carcano e del Boriani…un mix vivace e luminoso!

  8. reciot says:

    La prossima bomba che sentiamo è che Tosi è bravo e che Zaia è etero e piace alle donne…..

  9. raffaele says:

    Leonardo! Gianluca! Purgateli tutti, ha ragione Lorusso! Purgateli per tutti noi!

  10. Lorusso Carmela says:

    Io, da leghista, trovo che la cosa più triste della’articolo di oggi sul Corriere sia l’intervento dell’ex direttore della Padania Boriani: ma che persona è mai uno che adesso scopre e dice ste cose dopo che per mesi e anni ha cacciato balle e tenuto gli occhi chiusi stando alle sue bellem scoperte di oggi? Era bravo a dare le caramelle al capo e a ridere se raccontava di toccare il culo a questa o quella il bravo direttore ma oggi fa il suo giornaletto? ma dove va? A Marchi invece riconosco una dignità fuori dal comune e si è fatto anni di purgatorio senza sputar beleno o sentenze e oggi trionfa e purga tante merde!

  11. sora says:

    Bossi ha meticciato la Padania! Bossi ce lo ha mollo!

  12. morder says:

    L’unica salvezza è Salv ini….questo grasso ex giovane con le sue brillanti idee può davvero stravolgere la situazione…magari si allea con qualche giornalista suo amico e fa una nuova realtà virtuale…dicaimo con quelli di Max che mandano i suoi amici alpinisti sulle montagne con la bandiera rossa di Max invece di quella della Padania.. e poi manco vanno in vetta ma la provincia di Sondrio sborsa denaro pubblico e sponsorizza…ah ah cari i miei fessacchiotti…

  13. morder says:

    Per fortuna che Bossi andandosene ci lascia qualcosa su cui intervenire, i suoi figli e i suoi servi, così ridiamo unmpoco anche noi in futuro…

  14. birdis says:

    La mia e’ una risposta a Bacchus, scusate:

  15. birdis says:

    Ma sta lì pure a fare i conti? allora sei propri un leghista! Ma vi fanno credere di tutto e ci perdete pure del tempo a discutere? Allora hanno ragione i napoletani quando ci sfottono a noi del nord dicendo che siamo fessi! ma cavolini di bruxelles! Claci in bocca dovremmo dare a questa gentaglia, calci in bocca a loro e a quelli che li votano! E lo si farà….

  16. goss says:

    Cara l’Indipendenza, mi piacerebbe leggere una vostra bella analisi sullo sfascio leghista e sul fatto che molti leghisti anche storici (perchè gli ultimi arrivati mi sembrano proprio tonti) hanno già da tempo preso vie traverse, facendosi una propria linea politica, per approdare a nuovi protettori in altri partiti o schieramenti….Alla fine nel fortino di via Bellerio troverannho solo il portinaio!!!

    • batwoman says:

      quali partiti? se sono leghisti storici dovrebbero trovarsi in un partito indipendentista ma , a parte la lega nord, non ci sono in giro partiti indipendentisti padani…

      • gianluca says:

        Ma ancora credi alla favoletta della Lega partito indipendentista? Annamo bene… per dirla all’italiota
        dir

        • batwoman says:

          Gianluca, probablimente tu sei più informato di me, ma al momento io vedo un solo partito che si dichiara indipendetista e uno solo che lo ha dichiara: la lega nord.
          Gli altri sono tutti di derivazione italiota: regionalisti, autonomisti, nostalgici, anticentralisti… centralisti.
          Dimmi tu se ne vedi in giro qualche altro ceh è indipendentista padano e che mi è sfuggito…e indicami con quali comportamenti e parole è più indipendetista padano della lega nord. Così fai il tuo dovere e mi informi…:)

      • goss says:

        sta batwoman ci è o ci fa? leghisti sono passati a frange di forza italia-pdl, a ex dc e sopratutto all’area siciliana degli ex an ex msi, ex dc di destra…commistioni complesse ma che sono sopravvissute a tutto. Sveglia! Quanto ai partiti indipendentisti mica ci vanno…sono viziati, hanno sstipendioni e posizioni comode che cazzo vanno a fare far la fame e a cercare di costruire qualcosa a cinqunt’anni, semmai fossero capacvi di costruire qualcosa sti raccomandati di merda alla faccia dei veri militanti???

      • ludwig says:

        Marchi mordigli il culo a sti imbroglioni e ai loro sostenitori che si infilano anche tra i lettori dell’Indipendenza per metter zizzania, tipo batwoman….

    • ugo says:

      Sbagliato: troveranno il portinaio e batwoman

  17. alice says:

    Carissimo Marchi rido! Apro il Corriere e rido! Perbacco, adesso la Lega è veramente finita…Legga il pezzo firmato Marco Cremonesi, uno che secondo alcuni leghisti è ”un amico” (che strano un tempo la Lega considerava qualsiasi giornalista meno di una merda e un nemico mortale di cui diffidare..). Uno che andava alle loro feste anche private…E cosa scrive? Che la Lega è pressochè finita..Se lo dice lui…E per dimostrarlo aggiunge che ieri per tutta la giornata non c’è stata una sola agenzia sulla lega prima del comizio di Bossi..Imperdibile analisi. Ma non è quella che conta. Conta che si stanno affilando le unghiette sulle teste dei vari Calderoli (una volpe) e Giorgetti e Maroni, quelli che avavno comunque migliori rapporti con i media…E poi gli arriverà il calcio del mulo. Ecco, la fine è nota, ed annunciat sui giornali…Ma certamente con una corazzata come la Padania sapranno contratare….Pardossalmente lei sarebbe stato l’unico possibile salvatore della patria leghista (ma sono convinto che non avrebbe accettato, leggendo la sua storia) ma tanto bossiani o cechisti o maroniti non capiscono più nulla da dieci anni….

  18. werner says:

    Perchè tanta cattiveria? Non prendetevela con lui. Bossi non c’è più e nonostante ciò, se ci pensate, ha la lucidita del serpente con la testa mozzata, si agita ancora…Ma gli altri? Quelle morchie che vievano e vivono delle idee altrui? Dove è la Lega? Lascia in omaggio al suo presunto popolo una bella Rai infarcita di marchettari messi lì perchè non sapevano dove mertterli, alcunoi presidenti di provincia imabarazzanti a dir poco. Quwalche sindaco, brava persona, ma politicamente zero senza l’apparato Bossi dietro el spalle. Una pletora di teste vuote negli enti pubblici, una paio di parenti rifilati alle spalle dei contribuenti in enti pubblici…Che orrore, Se finissse come in piazzale Loreto non mi stupirei. Ma non portateci in vecchio, lui è stato spietato e ha fatto errori sovraumani ma era uomo. Portaeci i suoi e le sue leccaculo!

  19. Diego Tagliabue says:

    Investire in valuta pregiata contro l’Euro traballante? Non è una cattiva idea.

    Il problema è che questi soldi rimangono in Norvegia e, se tornano in Padania, non vanno a finanziare progetti per il popolo o il partito Lega Nord, bensì familiari e amici del cerchio magico.

  20. Giacomo says:

    Bossi e la sua “classe dirigente”, con rispetto parlando, sono coloro che, con le loro piazzate da venditori di cocco fresco, hanno regalato l’80% dell’elettorato del nord ai partiti italiani. Sono la classe dirigente più impresentabile e imbarazzante che il nord potesse esprimere, e sono riusciti nel compito non facile di mettere in frigorifero la rabbia e la voglia di riscossa dei popoli padano-alpini per oltre vent’anni. Se fossero stati pagati per farlo non avrebbero potuto riuscire “meglio” di così. Occorre capire che usciremo dal ghetto solo il giorno in cui i traditori del nord se ne andranno a zappare l’orto. Ricominciamo facendo finta che non esistano.

    • cuvignone says:

      Concordo con lei caro Giacomo, soprattutto sul fatto che hanno regalto l’80% dell’elettorato ai partiti italiani. Analisi acuta, ce ne fossero di giornalisti come lei! Buona giornata

  21. Bacchus says:

    Ci sarà da ridere quando anche l’investimento in corone norvegesi comincerà a perdere quota. Le corone scandinave non sono più un porto sicuro, la Svezia ha tagliato in poco tempo due volte i tassi d’interesse e lotta con un’esportazione in drastico calo; la banca centrale norvegese ha pure tagliato i tassi d’interesse e subisce la debole richiesta dell’euromercato, che ha portato alla chiusura di diverse aziende a Oslo con i dipendenti lasciati per strada. L’OECD dà la corona svedese di un 25% troppo sopravvalutata, quella norvegese adirittura del 40%.

    • Dan says:

      Con i tempi che corrono un tesoriere furbo si sarebbe procurato metalli preziosi e diritti di sfruttamento minerario in qualche zona tranquilla del globo, altro che comprare pezzi di latta rotondi con scritto un numero sopra

      • sciadurei says:

        Pistacchi avrebbe preso, minchia! pistacchi! E immaginette della patrona di Catania!

        • Dan says:

          Avesse comprato un campo di banane sarebbe stato sempre meglio di valuta monetaria. Solo un’idiota o uno completamente disinformato non si sarebbe accorto del collasso globale in atto. Tutte le grandi valute di riferimento stanno cadendo sotto una crisi inflazionaria globale e quelle cosidette di rifugio o sono sopravalutate (il caso di norvegia e svezia) o sono destinate a crollare perchè, spinte dalla necessità di ridurre i tassi di interesse introducendo nuova valuta.

Leave a Comment