Bossi a Berlusca: non fare l’errore di mollare Fitto… Già qualcuno ha sbagliato a espellere…

di ANDREA TURATItosi-bossi

”Un leader deve sempre unire…”. Firmato e strafirmato Umberto Bossi. Messaggio del mittente con due indirizzi, ufficialmente Berlusconi e indirettamente Salvini, per via di quello “svarione” che ha portato all’espulsione di Tosi dal Carroccio. Fatto sta che il senatur arriva alla buvette di Montecitorio e dice la sua all’Adnkronos sulla guerra interna a Forza Italia tra il ‘cerchio magico’ e i “fittiani”.  Occhio, Silvio, dice Umberto, ci sono troppi fermenti:c’è infatti il rischio ‘scissione’ dopo quella degli alfaniani e gli consiglia di evitare la rottura con Raffaele Fitto. ”Fitto mi sembra un ragazzo in gamba -sottolinea il senatur- Berlusconi dovrebbe mettere tutti insieme, non è mai un bene perdere pezzi…”. Come dire, evita di fare quello che è appena accaduto a casa nostra.
Ma Bossi insiste: ”E’ meglio tenere tutti insieme, anche Fitto”. Poi su voto è prudente:  ”In Veneto possiamo vincere, grazie alla Lega Nord. In Puglia pure può essere che ce la si fa. Sulla Campania, non dico nullo, perchè non so bene come stanno andando le cose…”.

E mentre Bossi parlava…. ecco di nuovo Tosi a riprendere il filo del discorso: “Salvini sta facendo tutto il contrario della Lega di Bossi, che era autonomista e federalista. Ora la Lega, con l’alleanza con la Le Pen, è centralista e nazionalista”. “Sarà un percorso lungo, ma
il centrodestra deve superare i personalismi – aggiunge Tosi -. Bisogna, insieme, costruire un’alternativa seria a Renzi. In un Paese normale funziona così: bisogna poter scegliere tra un “blocco A” e un “blocco B”. Non ci può essere un Renzi contro nessuno”.

Per ora è una guerra fratricida.

Print Friendly

Articoli Collegati

Lascia un Commento