Toscani (Lega): 752 euro per cartucce da caccia rimborsati dalla Regione

di REDAZIONE

Lo hanno rilanciato tutte le agenzie di stampa, ma le novità fioccano. L’ultima, in ordine di tempo è questa: il consigliere regionale lombardo della Lega Nord, Cesare Bossetti (foto a sinistra), avrebbe speso nel 2011 quasi 15 mila euro per comprare dolci in pasticceria e per fare colazioni con brioche e caffé. E’ quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Milano sui rimborsi regionali. Ad un altro consigliere lombardo, Angelo Giammario (Pdl), viene contestato invece di aver usato per fini personali oltre 27.000 euro di soldi pubblici. In particolare per noleggi auto e taxi.

Come già riportato, invece, tra i consiglieri regionali lombardi indagati dalla Procura di Milano per peculato risulta anche l’ex Renzo Bossi, figlio del Senatur. Secondo l’accusa le spese personali venivano addebitate al gruppo consiliare pur non trattandosi di costi sostenuti per l’attività politica. Ha comprato il libro «Mignottocrazia» e ha conservato lo scontrino, invece, Nicole Minetti, anche lei tra gli indagati dell’inchiesta. L’ex consigliera regionale ha speso 16 euro di soldi pubblici per comprare il testo «Mignottocrazia». Ma non solo. Ha pagato 832 euro un aperitivo all’hotel principe di Savoia e 400 euro una cena da «Giannino». L’ex consigliera ha anche comprato un iPad da 750 euro, nonostante la Regione Lombardia ne avesse già dato uno ad ogni consigliere. In tutto, le spese di Nicole Minetti fatte con i fondi del Pirellone ammontano a decine di migliaia di euro.

Tra le spese piu’ curiose sostenute dal consigliere leghista, Alessandro Marelli (nella foto), e contestate dal pm di Milano nell’inchiesta sui rimborsi regionali, ci sono anche quelle per acquistare fuochi d’artificio da un rivenditore cinese. Ma non solo: il consigliere del Carroccio ha comprato anche almeno sei computer e moltissimi articoli di elettronica, tra cui stampanti e web cam. Poi vengono elencate dai finanzieri anche spese piu’ amene, come diverse cene in pizzerie napoletane, l’acquisto di un ovetto Kinder sorpresa, carne in macelleria, oltre a giocattoli come un Pinocchio e una clessidra. Ma anche aerei di carta da 15 euro e sono indicati anche numerosi scontrini per comprare birra, grappe e panini, in bar in orari notturni. Marelli ha anche acquistato tre Ipad e due libri per bambini. Diverse le spese onerose in ristoranti chic come ‘Da Berti’ e ‘A Riccione’.
E’ di circa 2 milioni di euro la cifra contestata a 22 consiglieri lombardi coinvolti nell’inchiesta coordinata dal pm di Milano Alfredo Robledo, insieme ai sostituti Paolo Filippini e Antonio D’Alessio. Per tutti gli esponenti di Pdl e Lega l’accusa e’ di peculato, ossia di aver speso soldi pubblici per finalita’ private. In particolare, nel capo d’imputazione, al capogruppo del Pdl Paolo Valentini vengono contestati spese dubbie per 119 mila euro tra il 2008 e il 2012, mentre la consigliera del Pdl Nicole Minetti avrebbe consegnato scontrini ‘sospetti’ per oltre 27 mila euro tra il 2010 e il 2012.

Nei resoconti ora nelle mani della Procura, dopo l’acquisizione da parte degli uomini della Guardia di Finanza, figurano anche spese per sigarette e cioccolatini, un ovetto Kinder sorpresa, carne acquistata in macelleria, giocattoli tra cui un Pinocchio, una
clessidra e aerei di carta. Cene in pizzerie napoletane o ristoranti alla moda, scontrini delle migliori pasticcerie. Ci sono anche 752 euro spesi da Pierluigi Toscani per acquistare munizioni da caccia o 127 euro spesi per una cena a base di ostriche. Spese saldate con i soldi del partito, anche se ‘estraneee’ rispetto all’attivita’ di partito.

C’e’ anche il presidente del consiglio regionale lombardo Fabrizio Cecchetti tra i protagonisti dell’inchiesta milanese che vede circa 40 esponenti, tra Pdl e Lega, indagati per peculato. Al momento sono 22 le persone a cui e’ stato notificato dagli inquirenti l’invito a comparire, si tratta di 11 esponenti della Lega e altrettanti del Pdl. Oltre a Cecchetti, saranno ascoltati la prossima settimana il capogruppo della Lega Stefano Galli, Angelo Ciocca, Alessandro Marelli, Enio Moretti, Massimiliano Orsatti, Ugo Parolo, Roberto Pedretto, Luciana Ruffinelli. E ancora: Pierluigi Toscani, Cesare Bossetti, Giovanni Borderi, Giulio Boscagli (cognato del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, ndr), Alessandro Colucci, Giuseppe Angelo Giammario, Antonella Maiolo, Nicole Minetti, Marcello Raimondi, Gianluca Rinaldin, Carlo Saffioti, il capogruppo del Pdl Paolo Valentini e Sante Zuffada.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

50 Comments

  1. Angelo says:

    Non occorre scaldarsi. Basterebbe una legge, ad hoc, che prevede che di quello che si è rubato si deve restituire il doppio, e si sta in galera finchè i soldi rubati saltano fuori.
    E non si esce nemmeno su cauzione, si esce solo quando si restituisce il doppio di ciò che è stato rubato.
    Allora si che poi i soldini saltano fuori, e di “furbi” ce ne sarebbero un po’ meno e quei pochi dietro le sbarre…

  2. rodolfo says:

    e questa sarebbe la LEGA 2.0 hahahaaaaahh … cialtroni !!

  3. Veritas says:

    Possibile che nessun commentatore capisca che esiste una regìa occulta su tutto questo bailamme?
    A dire il vero io me l’aspettavo, qualcosa del genere.
    Ma non volete capire che “qualcuno” sta facendo di tutto per prendersi la Lombardia??
    Ricordatevi che, all’inizio, i giornali parlarono anche della Regione Emilia Romagna, ma su tale argomento è caduto il silenzio, quasi immediatamente. Come mai??
    Meditate, gente, meditate…..
    Qui occorre che si controllino tutte le sedi regionali dove, esisteranno senz’altro scandali assai superiori all’acquisto di cioccolatini::: Sveglia !!!

    • gianluca says:

      Lei continua con sta storia del complotto, ma è debole mio caro: se i consiglieri leghisti avessero tenuto un comportamento corretto, tutto questo non sarebbe successo. Dire: guardate me ma non guardate lui non assolve nessuno ed è un comportamento tipicamente italiano. Ci rifletta. Per quanto riguarda l’Emilia Romagna, il presidente Errani è stato processato e assolto: che ci piaccia o no, questo è successo

      • Veritas says:

        Che i consiglieri leghisti avrebbero dovuto essere corretti è senz’altro vero, ma da’ fastdio che venga presa di mira soltanto la nostra Regione.
        Quanto alle indagini sull’Emilia Romagna, parlavo della seconda volta, pochi giorni dopo il fatto ndranghetoso della Regione Lombardia: i giornali parlaroni di accertamenti necessari anche per Emilia Romagna e Piemonte.

  4. Dan says:

    Formigoni: Non c’è nessun Batman da noi

    Batman: Eh grazie al Pinguino, non ho fatto in tempo a farmi rimborsare mantello e Bat Mobile

  5. Roberto says:

    E’ ventanni che voto LEGA NORD E DA17 MILITANTE bene un centesimo che uno di sgravio fiscale non lo visto, forse con ritardo comincio a capire qualcosa meglio tardi che mai sveglia creduloni
    Roberto

  6. Ferruccio says:

    Anche FABRIZIO CECCHETTI il pupillo di MASSIMO GARAVAGLIA…..

    Domani e Domenica tutti a firmare ai gazebo CIOCCOLATINI e CARTUCCE per tutti………mentre noi porteremo i manici delle scope per darglieli sulle SCHIENE

    Prima il Nord …..Prima il Nord….

  7. barbio68 says:

    La Lega ha toccato il fondo. Non so se sia mai stata diversa, ma ora che si è dimostrata uguale agli altri partiti in termini di clientelismo, nepotismo e frode, con quale faccia verrà a proporsi come elemento di rottura?
    A parte queste amare riflessioni, chi si propone di fare informazione e cronaca giornalistica dovrebbe avere almeno qualche nozione di come si scrive un articolo in termini di schema (introduzione, corpo, discussione, conclusioni, etc…) e di grammatica italiana!!!
    Sigh…ci siamo trasformati in un popolo barbaro di illetterati.

    • FrancescoPD says:

      E’ sempre stata uguale fin dal 1992 !

      riporto da Wikipedia
      http://it.wikipedia.org/wiki/Umberto_Bossi

      Procedimenti giudiziari

      ENIMONT – Il 5 gennaio 1994, al processo ENIMONT[61], Umberto Bossi ha riconosciuto la colpevolezza dell’amministratore del movimento Alessandro Patelli[62] relativamente ad un finanziamento illecito ricevuto dallo stesso da parte di Carlo Sama[63] della Montedison. Dopo aver restituito integralmente la somma di 200.000.000 di lire, raccolta dagli stessi militanti leghisti, e dopo l’allontanamento dal partito di Patelli, Umberto Bossi è stato condannato con sentenza definitiva dalla Cassazione a 8 mesi di reclusione per violazione della legge sul finanziamento pubblico ai partiti, condanna definitiva[64].

    • Micky says:

      la lega è stata creata solo per EVITARE lo spaccamento in 2 dell italia.

      SVEGLIAAAAAA

  8. luca says:

    Militanti e simpatizzanti che si fanno il culo con i gazebi per sostenere un gruppo di persone nulla facenti.
    Se è veramente così, mi dispiace ma abbandono.
    Maroni presidente….

  9. Jesse James says:

    MARONI deve circondarsi di gente pulita, via tutti quelli della precedente gestione. Abbia questa forza, candidi solo gente seria, preparata e incensurata. Altrimenti e’ la fine. Sveglia MARONI!

    • Dan says:

      Adesso deve ? E ad Assago con la scopa in mano cosa aveva promesso ? Di mettercela nel culo come il suo predecessore ?

    • Mario bruseghin says:

      Se Maroni caccia via i lazzaroni, in Lega Nord rimangono solo quattro gatti. Sono rimasti ben pochi onesti militonti fessi in Lega Nord, tutti gli altri sono cialtroni affaristi furbacchioni entrati in Lega per farsi gli affari propri, e sono tanti sti cialtroni arruffoni!!

  10. Giacomo says:

    che due belle facce da zanza. Non a caso il condottiero li sceglieva personalmente, uno a uno.

    TRADITORI.

  11. Carla says:

    40 consiglieri della regione Lombardia indagati per spese non consentite a carico dei loro contribuenti.Che vergogna.La politica italiana è come una mela marcia dove scappano perfino i vermi.

  12. nanetto says:

    Aurora sta pensando un titolo della Padania di domani : CINESI E BARISTI CON GLI SCONTRINI CONGIURANO CONTRO IL NORD!

    • Marco says:

      Se tanto mi dà tanto, considerando che oggi ha titolato con “L’AMMUCCHIATA DI M.” riferendosi a Monti e a quelli che lo appoggiano politicamente, domani, vista la brillante figura fatta dai consiglieri regionali leghisti, sarebbe giusto aspettarsi un “PARTITO DI L.”

      Espusioni espulsioni, cominciamo a fare pulizia (oh certo, come no, non ho dubbi…).

      • Dan says:

        Se puttane e spacciatori rilasciassero regolare ricevuta sono sicuro che a quest’ora avremmo già beccato qualche consigliere, deputato e/o ministro che avrebbe avuto la faccia tosta di farsi rimborsare il pompino mentre tirava di coca.

  13. willer bordonali says:

    Dai cinesiiii! Dai C I N E S I i!!! Da non credersi! E poi fanno i gradassi contro l’immigrazione e contro i cinesi che tolgono lavoro ai nostri artigiani!!! Al rogo!

  14. Lucky says:

    mettetevelo un quel cappoccione, morta la lega rien ne va plus, potete chiudere anche il giornale online tanto non si parlerà più ne di indipendenza ne di federalismo, ne di unioni padane, ne di indipendenza veneta, ne di veneto stato o ausonia libera, ne di nessun’ altra amenità del genere. tra due mesi si vota ed era inevitabile che venisse fuori uno scandalo che verrà chiuso dopo le elezioni e chi è stato colpito colpevole o innocente, sicuramente rovinato se ne farà una ragione, per lo stato sono effetti collaterali che l’unità non puo fare da meno.

    beati voi che siete felice, io indipendentista lo sono per davvero e non gioisco affatto.

    attenti alla pelagra, meno polenta e più carne

    adieu

    • ranbaldo says:

      ma no Lucku! Il federalismo vive nel lavoro fenomenale di Rai Parlamento che fa tante belle trasmissioni, seguite da folle immense, con i profesori che hanno inventato il federalismo e grandi federalisti calabresi e siciliani e comunisti emiliani! Che cazzo!”

    • leghistanco says:

      Ehi, pistolero muilitonto!
      Pellagra si scrive con due “elle”, proprio come legaiolo !
      Nè si scrive con l’accento, come va’ a dà via i pè !
      Ciao, primio Nobel dei pistola !

    • Unione Cisalpina says:

      …mettetevelo un quel cappoccione, morta la lega rien ne va plus…
      beh, su kuesto fatto, prenso proprio l’opposto :”morta la lekka nodde si apre una nuova fase ke vedrà movimenti Liberal_libertari, di sx ed anke kjristiani (ankorkè kattolici, pervikaci romanisti … purtroppo) riprendere sinergikamente le redini del movimento di Liberazione di Padania, da 20 anni sodomizzato da bossi e sua coorte di ciarlatani arraffoni e buzzurri… 😀

      • Lucky says:

        vedrai, amico mio, hanno trovato il modo di distruggere il sogno, già da domani puoi ritenerti, per quanto riguarda la libertà, in pensione. il nazifascismpo è nato e alberga in italia, tienilo sempre presente

        • Unione Cisalpina says:

          sì … il nazifascismo è domestiko … ti dirò di +, la sua kausa non è mai morta x kùi rimane latente x forza ! ….

          e xò debbo dirti ke attualmente, in kuesta merda di paese italiko a kolonizzazione levantin_duosikuliana, la dittatura subdola lobbistiko_mafiosa è imperante ed affida agli intrallacci e potere della Magggistratura e forze di polizzzia asservita e komplice (investigazioni e skandali ad orologria … fuga di notizie prima e processi poi), il kompito di kondizionare la vita civile di kiunkue e klikkessia, in specie in ambito politiko … investigano dove vogliono, intercettano ki vogliono, perseguono ki vogliono ed assolvono kuelli ke vogliono loro… se vogliono trovinare kiunkue, lo possono fare … ne hanno ptere e fakoltà (io investigherei proprio kuesti “servitori dello stato”… sai kuante ne verrebbero fuori !?)

          è la “giustizia” ke va kambiata e sua amministrazione di parte e konvenienza kriminale ed antidemokratika…

    • San Marco says:

      Questo lo dice tu,sono convinto che andrà così invece;
      http://www.pnveneto.org/2012/12/paolo-luca-bernardini-lindipendenza-veneta-e-un-processo-storico-inarrestabile/

      Veneti,sfruttati,insultati,umiliati,prevaricati,vessati da uno stato mafiomassonico,1100 anni di storia buttati nel cesso secondo il volere savoiardo (e non solo).
      Torneremo padroni a casa nostra,in caso contrario resterà il deserto produttivo e in ogni caso lo pseudo illegittimo stato italiota non avrà più la sua gallina dalle uova d’oro.
      Cazzi loro.

    • Vittore Vantini says:

      E, allora, collabora invece di distruggere.

    • barbio68 says:

      L’indipendenza del nord, come tutti i moti indipendentisti e separatisti, è una bufala. Ogni moto separatista nasce da interessi economici di una oligarchia che smuove il consenso di gente scontenta per vari motivi. E’ la storia che ci insegna questo ed è nella natura dell’uomo cercare il proprio tornaconto.
      Se fossimo veramente un popolo unito e stufo di questo modo di fare politica alle elezioni cambieremmo veramente e non perdoneremmo a nessun partito il fatto di aver frodato i suoi elettori, ma il tuo commento dimostra che anche di fronte all’evidenza continui a “scusare” la Lega, come altri “scuseranno” il PD o il PDL e via discorrendo. Così non si cambierà mai.

  15. lavinia says:

    Domani tutti ai gazebo a incontrare i martiti leghisti del cappuccino e briosc!!!! Con Salvini, accorrete numerosi!

  16. renezulli says:

    A quanto si apprende Territori la trasmissione di Rai Parlamento farà una punta speciale domani contro la corruzione negli enti pubblici denunciando tutti gli sprechi e le manchevolezze. Questa è informazione leghista!

    • renezulli says:

      E ci sarà anche un elenco di tutti gli indagti, inquisiti e mandati a processo!

      • luigia benassi says:

        No, magari quel servizio lì lo fanno un’altra volta. Domani c’e’ ospite d’onore il grande presidente della provincia di Milano Podestà, grande difensore delle Province, questo è un argomento importante altro che i gossip! E la Lega si occupa di cose serie, mica di chicchiere!

  17. AlbertoPd says:

    Roma ladrona?

  18. Unione Cisalpina says:

    mi paiono kose futili fatte apposta da ki vuole skreditare i padani e basta… x poter dire tutto il mondo è paese e kosì giustifikare la feccia romanista levantoin italika e loro putrescenti amministratori ed amministrazioni…

    manka solo ke si dika ke hanno speso, a kariko della REGIONE € 1,50 x karta igienika… e poi, in mezzo a ‘ste spesucce, non c’era, x kaso, anke un biglietto ingresso di teatro da € 25 ? …suh daih …. siamo seri e non facciamoci strumentalizzare ..

    avete mai fatto pranzi e cene di lavoro !? …. 7 o 8 persone kredete ke kostino meno di 400 € !? … senza voler pranzare all’hilton hotel !?

    un uso metodiko di taxi kuanto pensate possa kostare !? …. forse si potevano evitare sì, kuelle spese e magari anke c’è pure la solita kresta sui rimborsi …
    pensate al Napoletano Presidente e suoi voli Virgin Airways napoli_roma_bruxelles frodati a noi ed all’EU

    non facciamoci strumentalizzare nè usiamo kueste kose x motivi di spicciola propaganda elettorale ke non porta konsensi proprio xkè spicciola e meskina pure, kome i biasimati ed i levantini inkuisitori, nostri padroni ed espropriatori ke tirano, koscienti, l’akkua al loro mulino di korruzione e malavita legalizzata…

    • Dan says:

      Scusa ma con tutti i soldi che prendono già così, hanno ancora bisogno di farsi rimborsare qualcosa ? Giustificato o meno c’è sempre quella cosa che si chiama senso della decenza.

      La gente normale, quella che ha la fortuna di lavorare e di avere uno stipendio, quello stipendio lo usa per vivere ovvero ci carica sopra le spese e nessuno gliele rimborsa neppure un centesimo, neppure l’uso metodico del taxi per andare sul posto di lavoro o le famose cene con i colleghi.

      • Unione Cisalpina says:

        andiamo a sbirciare sui rimborsi spese e stipendi ed intrallazzi di kuestori, pretori, prefetti, maggggistrati e PM, kapi e komandanti dei karabbbbineri etc.inkluso loro famigliari ed amanti… e vediamo kuale skifo ne vien fuori… primi fra tutti kuegli stessi sgherri ke investigano il kaso…

    • Unione Cisalpina says:

      non kapisko xkè anke kuà si kaski nel trukko levantino in atto (attraverso inkieste pretestuose e sceneggiate delle prefetture, kuesturini, GdF, karabbbiberi e magggistratura di stanza in Padania) di dimostrare ke i cisalpini siamo kome i terroni in kuanto a korruzione, ben sapendo ke un pekkato veniale non è mortale e ke alkuni imbroglioni non sono la regola, kome lo è dalle loro parti, in italia, kuà autorità espropriatrici di diritti autoktoni in perfetta rappresentazione d’amministrazione koloniale di foresti, estranei, ke ci komandano e dileggiano pure …

      fuori dall’amministrazione pubblika, in Padania, i kolonialisti levantini ke ci manipolano, sottomettono e diskriminano pure …

      DENUNCIARE i FATTI SI’,farsi strumentalizzare kome babbei NO ! …

    • Roby says:

      Non si tratta di screditare i padani ma i legaioli pagati coi nostri schei per fare la Padania e invece pescati a fare la Pa-magna… sveglia, col caprone di Gemonio non si va da nessuna parte!

  19. Culitto Salvatore says:

    grande bossetti (ma è un piccolo bossi?) quando entrava al bar offriva a tutti, anche quando usciva o ci passava di lato…

  20. Renzo Riva says:

    Appena scritto cinque minuti fa.

    Renzo Riva .
    .
    Condivido quanto scritto da Anna Irish Mocellin,
    “matematica e scienze alle medie, c’è bisogno di buone basi x affrontare le superiori”
    .
    Anche se penso ormai sia tutto inutile.
    .
    Se ne riparlerà dopo la dittatura prossima ventura.
    .
    Non parlatemi di Mussolini: troppo all’acqua di rose.
    .
    Solo Stalin potrebbe tagliare almeno 20 milioni di teste
    oltre che inutili dannose.
    .

Leave a Comment