BORGHEZIO E BASTONI: UN SITO CONTRO GLI EXTRACOMUNITARI

di REDAZIONE

Un sito «sull’esempio positivo di quanto già realizzato in Olanda da Geert Wilders», che «anche da noi in Padania» offra «la possibilità a tutti i cittadini di segnalare fatti e comportamenti di rilievo inerenti gli immigrati extracomunitari». È l’iniziativa lanciata oggi a Strasburgo dall’eurodeputato della Lega Nord Mario Borghezio insieme al consigliere comunale di Milano Max Bastoni, sulla scia del sito web per denunciare gli immigrati dell’Europa dell’Est creato dal leader del partito dell’estrema destra olandese, che ha già ricevuto la condanna della Commissione Ue. «Troppe situazioni negative o, quantomeno, censurabili – spiegano i promotori dell’iniziativa patrocinata dall’associazione Volontari Verdi, responsabile del sito – rimangono, per vari motivi, prive di adeguati riscontri e formali denunce sia alle competenti autorità, sia alla stessa opinione pubblica, perchè filtrate dai mass media sottoposti alla dittatura del ‘politicamente correttò». Per questo il sito, ha spiegato Bastoni, «sarà il piatto forte della vetrina web dei Volontari Verdi che stiamo per inaugurare e che avrà anche contenuti culturali e metapolitici di riferimento per tutta la vasta area dell’orgoglio patriottico padano». Borghezio si attende «un mare di segnalazioni provenienti da città, paesi, frazioni e quartieri del nostro territorio in cui è maggiore e più pericolosa la presenza di un’immigrazione irregolare e/o clandestina», perchè «la ‘maggioranza silenziosà di coloro a cui finora non è stato possibile aver voce per denunciare» il «volto negativo di certa immigrazione, troverà finalmente uno spazio per esprimersi». Il sito si chiamerà «l’altro volto dell’immigrazione» e sarà «uno spazio di libertà aperto alla collaborazione di tutti, uomini e donne delle forze dell’ordine ovviamente compresi, ai quali garantiremo l’anonimato», ha concluso Bastoni.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. ferdinando says:

    Che significa un Sito contro gli Extracomunitari? Ci sono extracomunitari buoni e cattivi e non ha senso genedralizzare

  2. aliveso says:

    biorghezio sei un co…. megagalattico…

  3. mor says:

    si vede che borghesio non ha studiato la storia dell europa del secolo scorso …questo mantenuto annebiato del odfio…..mandatelo a lavorare…….

  4. Ex Vv says:

    Bah, non date retta a queste sparate. E’ tutta bassa propaganda, dietro ai cosidetti VV non c’è nulla di nulla. Altro che ‘camicie nero-verdi’ e ‘fascipadani’, e’ solo una patetica mossa pre-elettorale.

    Un ex-VV molto ma moooolto deluso da sta gente!

  5. ferdinandogallozzi says:

    Io sono del sud e non ho nulla a che vedere con la Padania ma se veramente riuscirete a diventare padroni in casa vostra, per cui occorrerà sottrarsi all’influenza amaricana allora, se ci riuscirete verrò a festeggiare con voi la nascita della Padani Libera.

    • giovanni says:

      Domanda: chi “segnalerete” se a commettere il reato, per esempio non pagare il biglietto dell’autobus, saranno in due: un extracomunitario e un Italiano?

    • Alex says:

      Sleight:Giusto per ciahrire io non ho sminuito i primi usando i secondi .Ragiono con realismo, conoscendo i risvolti all’oscuro dei piu’,visto che comunque in tanti blog si e’ utilazzata la stessa tecnica che tu hai abbozzato con me: sminuire tutti con la scusa dei pochi (e non mi interessa di chi,ma insulti anche pesanti ci sono stati).Se poi il messaggio viene mal interpretato non so cosa farci (visto che non mi sembra che nessuno degli altri si sia premunito perche’ un senso distorto di cio’ che veniva detto in molte accuse non passasse)E’ altrettanto inutile che tu mi scartabelli nomi di autori giapponesi dicendomi che non possono essere conosciuti(e ti sorprenderesti di quanta gente non conosce Miyazaki).E perche’ mai? solo perche’ nell’ambito degli otaku sono dei miti?Vorrei ricordare che e’ spesso normale che un mito per qualcuno sia un totale sconosciuto per altri,per cui il ragionamento che e’ necessario conoscerli non regge.Come dice Licia se il copiato era uno sconosciuto allora sarebbe stato tutto piu’ lieve ? non regge nemmeno questo.Le decine di persone online con un bagaglio di conoscenza manga svanirebbero di fronte alla cultura fumettistica che hanno i responsabili Panini tirati in ballo ogni volta (cultura fumettistica che spazia in tutti i tipi di arte,che non e’ rappresentata solo dal mondo giapponese,giusto per ciahrire) .Se poi alla fine si continua a discutere con i toni del si pero’ dovevano accorgersi comunque perche’ sono dei professionisti ,ricominciamo sempre con l’annullare il realismo dei fatti,cercando empiriche teorie di conoscenza totale che non sono attuabili.Se come dici tu i criteri tradizionali di supervisione sono superati tu cosa proponi(aldila’ delle giuste critiche del tuo punto di vista).Forse ogni casa editrice dovrebbe avere 100-200-300 supervisori che con ogni fumetto/libro controllano tutta la produzione umana della storia?O cos’altro?Capisco la delusione tua e dei tanti,(e ti parla uno che adora Miyazaki),ma occorre ragionare con un po’ piu’ di realismo, e non con l’intenzione comunque di trovare colpevoli per defraudare un mondo che non ha nulla da invidiare ai miti nipponici.

  6. ferdinandogallozzi says:

    Ottima iniziativa se non ha lo scopo di cercare scontri a tutti i costi ma di aver come fine la convivenza tra individui di diverse culture e provenienze facendo rilevare comportamenti, sia pure involontare, che possono dispiacere agli altri individui che vivono sul territorio.
    Tutti dobbiamo correggere le nostre abitudini per renderci ben accetti agli altri.
    Una prima denuncia è ‘arrivo di molti giovani neri africani che mendicano in strada in concorrenza con i zingari e i nostri vecchi. Stranamente si fermano solo donne italiane a conversare con loro.

  7. aussiebloke says:

    I comunicati stampa per annunciare un sito web che “stiamo per inaugurare” sono come quelli per annunciare il federalismo che “sta per arrivare”, e tutte le altre iniziative della ditta bellerio & sons. Come diceva il suo fondatore, “mi sto per laureare”.

  8. Unità Popolare Veneta says:

    Le soite boiade da camixe nero-verdi…

Leave a Comment