BONI SPIEGHERA’ DOMANI IN CONSIGLIO? FORSE SI, FORSE NO

di REDAZIONE

Domani dovrebbe essere il giorno in cui Davide Boni prenderà la parola nel Consiglio regionale che presiede per spiegare le recenti vicende giudiziarie che l’hanno coinvolto. Così lui stesso aveva annunciato la scorsa settimana. Tuttavia il condizionale è d’obbligo, perché  non è più così certo che il presidente del Consiglio regionale della Lombardia prenderà la parola in Aula per riferire sulle accuse di corruzione che gli ha mosso una settimana fa la Procura di Milano. Magari – ma anche questa è per ora solo un’ipotesi – si limiterà a lasciare un discorso scritto. Il ‘giallò è stato alimentato per tutta la giornata da voci sempre più insistenti nei corridoi del Pirellone. «Non ho ancora deciso», ha infine confermato Boni incrociando brevemente i giornalisti, curiosi di sapere che cosa farà veramente domani.

Non si sa che cosa sia cambiato da quando, giovedì scorso, il presidente leghista ha deciso di offrire un gesto di trasparenza istituzionale. Oggi, per capire come affrontare questo difficile passaggio, Boni è tornato ‘a rapporto’ in via Bellerio, la sede federale della Lega che finora gli ha assicurato piena fiducia. L’unica certezza che si ha in queste ore al Pirellone è che su Boni si fa sempre più pressante la richiesta di dimissioni da presidente. Domani sarà messa all’ordine del giorno dell’Aula una mozione urgente di tutte le opposizioni – Pd, Idv, Udc, Sel e Pensionati – che gli chiederanno «di voler lasciare il suo incarico». Una richiesta sostenuta, sempre oggi a Milano, dal segretario Democratico, Pierluigi Bersani, e dal suo vice Enrico Letta, mentre la Pdl Viviana Beccalossi ha sostenuto che, lei, si sarebbe «autosospesa». Stamane i due membri di minoranza (del Pd) dell’Ufficio di presidenza hanno disertato la consueta riunione del lunedì. «Aspettiamo di vedere che cosa succederà domani», è stata la spiegazione della vicepresidente, Sara Valmaggi, e del consigliere segretario Carlo Spreafico. E così la seduta di domani – che Boni parli veramente oppure nemmeno si faccia vedere – diventa sempre più carica di attese. Anche il presidente della Regione, Roberto Formigoni, ha assicurato che sarà in Aula. Ma Boni deciderà solo all’ultimo che cosa fare e come farlo.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Se facessero cosi’ con tutti i presidenti e tutti si dimettessero, PORA ITALIETTA del kax…

    Meglio stare boni no..?

    Potrebbe chiedere un mese di ferie… o di aspettativa no..?

    Ah, non e’ previsto…

    Ohi ohi, telefono casa…

Leave a Comment