Boni, la Milano delle periferie ha votato NO

boni

In merito all’esito del Referendum nel capoluogo lombardo, è intervenuto il Segretario provinciale della LEGA Nord, Davide Boni: “In generale siamo ovviamente soddisfatti del risultato, – commenta Boni- seppure a Milano il SI l’abbia spuntata per un soffio rispetto a quanto avvenuto nei comuni dell’hinterland, dove la maggioranza di quest’ultimi ha segnato un risultato netto a favore del No”. “Se poi entriamo nel merito dei numeri, – sottolinea Boni – ci sono una serie di fattori positivi da rimarcare: prima di tutto la grande affluenza, segno che la voglia di democrazia è forte nei cittadini che vogliono decidere del proprio destino. In secondo luogo è che analizzando le zone, il No ha vinto dove i milanesi vivono sulla propria pelle i problemi e i disagi, come in zona 9, mentre il Si ha vinto nelle zone centrali, regno di lobby e radical chic”. “Questo è un segnale importante ma sappiamo che c’è ancora molto da lavorare. Per il momento ci godiamo l’esito di questo referendum, – conclude Boni – reso possibile dall’impegno di militanti e sostenitori della LEGA Nord che fino all’ultimo sono stati in mezzo alla gente per spiegare la pericolosità di una riforma che ci avrebbe reso schiavi dell’Europa e di un bieco centralismo”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Orazio says:

    E’ fin troppo evidente.
    Se guardiamo alle votazioni del sud, come ieri in Facebook notavo, il no a raggiunto vette elevatissime con quasi il 70%.
    Perché? Per il semplice motivo che la crisi indotta dal capitale, la truffa sul debito pubblico alle stelle con tasse pazzesche, non che per questi pseudo profughi, andati a prenderli, cui lo stato li sta foraggiando alla grande, ha portato come ovvia conseguenza tale voto.
    Oppure se volete, il voto arriva dalla “pancia” nel senso che credo non molti si siano dedicati a capirne il senso del referendum, ma era un modo per segnalare il proprio dissenso.
    A Milano ha vinto il si? Vuole dire che il “benessere ” di una cospicua maggioranza dei milanesi non è ancora stata toccata.

Leave a Comment