Boni: la lista civica Fontana, dependance della Lega Salvini premier, per “tener buoni” gli autonomisti?

fontana2

di DAVIDE BONI – Devo premettere che stimo tantissimo l’attuale Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. di più, l’ho avuto come Presidente del Consiglio in Regione. Di più, sinceramente lo considero un amico, una di quelle persone che è una fortuna averlo come amico e leader. Fatta questa premessa, ho letto con interesse il lancio di questa lista civica a suo nome, molto interessante, se combatte per l’autonomia (quella vera, però), troverà in me e in Grande Nord dei validi alleati.

Una cosa però mi balza all’occhio, la presenza alla prima del collega segretario nazionale della Lega Salvini Premier on. Paolo Grimoldi (altra persona che stimo) e dell’amico Anelli, capogruppo della Lega Salvini Premier in regione Lombardia. Allora mi pongo tre domande: ma se l’ambizione è una lista civica, perché la presenza di un segretario di un altro partito? Pare quasi, nessuno me ne voglia,  una dependance della Lega Salvini Premier, atta a recuperare persone e politici del Centrodestra in uscita dalle loro formazioni. La seconda, un artifizio per calmare coloro che vedono nella battaglia autonomista attuale la non risposta alle giuste esigenze del territorio, insomma un po’ l’italica “state qui, che poi vedremo, intanto non fate casino”.

La terza e ultima, non me ne vogliano qui, i Forzisti e i Fratelli d’Italia, la manovra di costituire un centro destra (ora Lombardo , poi si vedrà) con il superamento del Berlusca e della Meloni. In qualsiasi caso, perdonate il pensiero, chi vuole Autonomia e Federalismo (finanche l’Indipendenza) non può collocarsi a destra o a sinistra, ma solo per il territorio. Sempre con il massimo rispetto, ma se il padrinaggio è questo (e non è riferito ad Attilio) sono cose già viste, purtroppo con obiettivi meno nobili ed ideali di quanto sbandierato. Con stima e sempre disponibili per battaglie vere per il Nord. #daestaovest #GrandeNord #PrimailNord

fontana

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. mumble says:

    Mi sembra abbastanza evidente che l’obiettivo sia quello di cercare di fermare l’emorragia verso Grande Nord, con una lista che dovrebbe, nelle intenzioni, attrarre quegli autonomisti che non si riconoscono nella linea politica di Salvini.
    Non credo che l’obiettivo sia quello di drenare voti da Forza Italia o dalla Meloni: a quello ci pensa già Salvini con la sua lega nazionale italiana.
    Di fronte a questi attacchi, Bossi alzava la bandiera della causa indipendentista e secessionista: per marcare la netta differenza con i tentativi di intorbidire le acque.

Leave a Comment