Bobo Maroni a Pontida: la sfida per la vita della Lega

di GIANLUCA MARCHI

Domenica la Lega torna a Pontida per il suo più tradizionale degli appuntamenti, che lo scorso anno venne fatto saltare a causa delle convulsioni che colpirono il movimento bossiano dopo l’esplosione dello scandalo Tanzania e tutto quanto gli venne appresso, fino ad arrivare alle dimissioni del padre-padrone nonché fondatore. Sarà la prima Pontida di Roberto Maorni segretario federale, nonché fresco presidente della Regione Lombardia. E l’impressione generale è che non si tratterà di una semplice passerella per celebrare la conquista del Pirellone. I festeggiamenti ormai sono alle spalle e il popolo leghista, ma soprattutto quella parte di militanza affatto convinta dalla stagione maroniana (della Lega 2.0 che dir si voglia), si attende messaggi e segnali chiari per il prossimo futuro. Diversamente il Carroccio rischia di andare incontro a una sorta di disgregazione interna e a un probabile precipizio elettorale, di cui si sono già visti i segnali evidenti nelle recenti elezioni politiche, segnali non certo cancellati dal successo lombardo. Si vocifera anche di possibili contestazioni verso il nuovo corso: non sarebbe poi così clamoroso visto il malcontento che serpeggia.

A Maroni tuttavia non sfugge il momento delicato e martedì, intervenendo dai microfoni di Radio Padania, ha voluto lanciare qualche messaggio per galvanizzare i militanti: da Pontida, ha detto, comincerà una nuova storia per la Lega e ha parlato anche di una sorpresa che avrebbe in serbo. Il messaggio forte sarebbe una road map per dare sostanza alla Macroregione, imponendo al governo e allo Stato italici tempi precisi, perché se a Roma non vengono imposte delle scadenze, quelli tirano in lungo e ti prendono per i fondelli. Detta così potrebbe  già essere qualcosa e alcuni dei nostri lettori hanno voluto intravvedere in questo preannuncio una sorta di risposta alle ripetute sollecitazioni a muoversi che, da questo giornale, sono partite nei confronti del segretario/presidente. Poco o nulla importa che Maroni abbia raccolto o meno le nostre sollecitazioni, il vero punto nodale è che lui e la Lega non possono più traccheggiare di fronte al disfacimento dello Stato italiano. Ne va della stessa sopravvivenza del Carroccio, oltre che delle Regioni del Nord. Il rischio di fronte a Bobo è questo: passare probabilmente per buono e saggio amministratore della Regione Lombardia (sulla base della “concretezza” che ha scelto come parola chiave del suo governo), ma anche come segretario federale che sancisce il tramonto definitivo della Lega, avvalorando la maschera tratteggiata da Crozza al servizio di Berlusconi. Sarebbe un esito politicamente disastroso dopo la scelta di rimanere anche a capo di via Bellerio (sebbene col voto unanime del Consiglio federale).

Certo la strada, anzi il sentiero di fronte a Maroni è impervio: da una parte sa che deve evitare il più possibile le elezioni anticipate, che potrebbero essere letali per il Carroccio colto in mezzo al guado, e così sul teatro romano è costretto a partecipare a ogni tentativo per scongiurare tale prospettiva, compresa la oresenza di Giorgetti nella stramba congrega di “saggi” messa in piedi da Napolitano, sapendo che sono mosse destinate a sollevare più di una perplessità nella stessa base leghista. Dall’altra deve dare sostanza e determinazione a una idea politica che ridia slancio e prospettiva a un esercito ridotto, malconcio e attraversato da non poche lotte intestine. Se la nuova frontierà sarà appunto la Macroregione, questa dovrà essere riempita di sostanza e di scadenze, essendo rimasta finora troppo nebulosa. Se poi ci aggiunge qualche parola di verità  sul referendum consultivo per l’indipendenza sarebbe meglio, perché la cronaca al riguardo lui l’ha fermata durante la campagna elettorale quando, ad una manifestazione insieme a Luca Zaia, disse: “Ho chiesto al governatore del Veneto di aspettare sul referendum quando avremo conquistato anche la Lombardia, perché allora ci muoveremo tutti insieme”. Ecco, appunto, l’ora è giunta.

Questa, in definitiva, è la sfida politica di Pontida, sempre che i rapporti con gli alleati consentano a Maroni di giocarla fino in fondo. Un traccheggiamento in stile democristiano non sarebbe compreso e non lascerebbe scampo.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

62 Comments

  1. Miles Simplicius says:

    Aiutaci Obi Wan Maroni, sei la nostra unica speranza…

  2. raniero says:

    Maroni
    si deve dimettere immediatamente perchè non ha pagato i contributi alla badante di Bossi, la quale si è licenziata immediatamente.
    In un altro paese civile questo non sarebbe potuto accadere.
    I contributi per chi lavora vanno versati.
    Bossi non può essere essere lasciato solo …ma va aiutato , ha dei disagi seri e permanenti e ripeto va aiutato….
    faccio un appello a
    Elio, a Tere, a Ivana….cioè alle persone che più gli vogliono bene..
    Aiutatelo…fa pena…

    • Orso Mannaro says:

      Uè Cimabue, sei tu che hai bisogno d’aiuto, ma dubito che chiunque possa dartelo. Bossi è una persona che ha una malattia, razza di idiota, i disagi ce li hai tu, ma dalla nascita, e sono disagi mentali irrisolvibili. Bossi è una persona di una genialità ed una unicità tale che tu non sei neppure in grado di capire. Fatti un gargarismo con l’aceto prima di parlare di Bossi, Lega e Leghisti, razza di nullità. Sparisci pagliaccio di un italiano. Tu non fai pena, fai schifo!

    • Miki says:

      Parassita del Nord.
      Terrorizzato da un possibile ritorno della Ln 1.0 (cioè della Lega. PUNTO. L’unica possibile) e quindi non solamente da Umberto Bossi, ma anche da chi ne porterebbe avanti con forza i progetti (penso a Luca Zaia).
      Sempre pronto come un lombrico a tirar fuori la testa appena i falchi Nordisti lasciano (incautamente) spazio alle colombe 0.2
      ma prontissimo a rinascondersi nel caldo stercorario di mammà appena c’è il rischio di resa dei conti.
      Sicuramente di falsi invalidi ve ne intendete almeno quanto dei cumuli di immondizia e delle voragini nelle strade che vi hanno reso famosi nel mondo. Ma quella è la civiltà stercoraria,quella levantino-mediterranea che tanto piace (a voi) da sventolarla con orgoglio ad ogni occasione:150esimi,25 aprile,1 maggio, senza il benchè minimo pudore.

  3. Rtg says:

    La Lega di Maroni è una controllata.
    Se sgarra il Berlusca fa cadere le giunte regionali
    e allora addio bisi.
    Bossi ha margine di manovra in quanto amico del
    Berlusca.
    Dovevano, i barbari, sognare di meno ed essere più
    realisti, rompere con Bossi prima delle elezioni
    e parlare con vigore alla gente, come ha fatto Grillo.
    Non l’han fatto, di conseguenza la situazione s’è di
    fatto incancrenita e non si vedono soluzioni.
    Forse servono davvero nuove elezioni: con il 2%
    la Lega non sarebbe più un problema.

    • ilcippa says:

      Ancora credete che i maroniti fossero in buona fede???
      S_V_E_G_L_I_A

      • Orso Mannaro says:

        Ohhhh, finalmente uno sveglio, talmente sveglio che mentre continua a rompere i coglioni ai leghisti non si accorge che l’italia sodomizza lui e la sua stirpe. Ma sparisci, va, moccioso.

    • Orso Mannaro says:

      Toh, un altro genio. Questo articolo ha attirato le menti padane più sopraffine. La lega non sarebbe più un problema? Ah, e così il tuo problema sarebbe la Lega, non l’italia? Ma chi sei, Crozza in incognito o uno della Casaleggio & Associati in cerca di nuovi adepti? Unisciti a quell’altro sveglio del cippa e vai concimare anche tu un pò di campi che l’aria fresca fa bene al cervello.

  4. BRAVEHEART says:

    Cosa pensate che cambi????….La Casta di Via Bellerio è peggio del PSI di Craxi o della DC di De Mita….CULI GROSSI PER OCCUPARE TANTE POLTRONE …allla faccia dei padani…

    • Orso Mannaro says:

      Povero William Wallace, si starà rivoltando nella tomba a vedere il suo pseudonimo usato da uno che scrive cotante cazzate. Fatti vedere da uno bravo perchè, a giudicare dalle pirlate che scrivi, ne hai proprio bisogno. Continua cosi’, usa pure il tuo acume per insultare Lega e Leghisti, ed anche tu riceverai a stretto giro di posta da roma capitale la tessera del club “Sodomizzato e soddisfatto” autografata dal re partenopeo o dal suo successore.

    • Miki says:

      La segreteria: che si ritorni a parlare di SECESSIONE e non di cretinate 0.2
      Ma per fare questo ripongo più fiducia in Borghezio,Zaia e Gobbo che in Bobolo.
      Di sicuro mi godrò lo spettacolo di una testa che sicuramente rotolerà il 7 a Pontida,quella di Tosi.
      …alllla faccia dei democristiani italiani come lui…

  5. gigi ragagnin says:

    sono pronte le truppe cammellate ? le conteremo !

    • Miki says:

      Pioggia,neve o grandine: si!

    • ilcippa says:

      Gli ascari beneventani già ululano inneggiando allo sceicco Bobo Teroni.

      • Miki says:

        Ocio a fare troppo lo spiritoso che domenica potresti trovarti dietro le spalle la Nazione Veneto, a Pontida. Hai presente quelli che “non vengo perchè c’è umidità,mi spettino e torno alle 23”: se ti sentono dire troppe spiritosaggini ti fanno fare la fine di Tosi!
        Padania Libera.

    • Orso Mannaro says:

      Prova a contare le volte che i capò italiani ti sputano in faccia come ad un prigioniero padano anzichè rispettarti come un cittadino di seria A in quanto Padano, che forse ti conviene di più. Prova a contare i quattrini che ti fottono i colonizzatori con il tricolore ogni anno – se sei in grado di capire la tua dichiarazione dei rediti o le tue buste paga o le cedole della tua pensione – che forse ti conviene di più. Prova a contare gli immigrati, clandestini ed i criminali stranieri che girano indisturbati per la Padania e che prima o poi faranno visita anche a te o ai tuoi cari, che forse ti conviene di più. Prova a contare quanto più grande sarebbe la forza indipendentisata della Lega e quindi della Padania se ci fossero meno padani cuiuni ed autolesionisti e più patrioti Padani. Prova a contare.
      Padania Libera

  6. migliano says:

    La Lega-movimento è morto,la Lega -comitato elettorale è sostenuta appassionatamente solo da chi ha qualche interesse a farlo.
    Il futuro sono i giovani,ma fuori dalla Lega.

    • Miki says:

      Ecco bravo! Comincia a partire tu con qualche “superlegamegautonomista” dello 0,0001% che poi noi ti veniamo dietro.

      • ilcippa says:

        Non ti preoccupare, i giovani ex emmegippini che stanno per attivarsi con la nuova associazione (embrione del nuovo movimento politico) sono abituati a militare e volantinare quotidianamente nelle università e nelle scuole di Lombardia e Piemonte al contrario dei chiacchieroni che si sono visti fino ad ora.
        Speriamo di contare anche sul tuo attivismo non solo virtuale.

        • Miki says:

          Uno che ha paura di bagnarsi la zazzera a Pontida (poverino) che mi fa le pulci sull’attivismo è semplicemente il mondo alla rovescia. Comunque per distribuire 4 volantini del piffero con su scritto Macrrroreggione del Nord,Bobolo presidente l’abbiamo fatto tutti senza tirarsela troppo come fa qualcuno. Sono contento che agiate anche in autonomia senza diktat ma questo non ti/vi da il diritto di parlare sempre e comunque a nome di tutta la base “e il nuovo segretario non deve aver avuto incarichi/ e Bossi è il passato/ e Borghezio (manco fosse l’ultimo dei pirla) era in contatto con i nazionalsocialisti Polacchi e Nissa Rebela” ecc. ecc.
          Guarda che c’è gente che sa cos’è la Lega dal 1979 se non prima (non io perchè “non ho l’età”,come G. Cinquetti): e io prima di dire <> userei un minimo di prudenza.

    • Orso Mannaro says:

      Uè ecco qua un altro solone, un casaleggio dei poveri. Lascia parlare gli adulti, va, Tu di leghisti e leghismo ne sai quanto ne sanno gli italiani. Sei ridicolo.

  7. Lorenzo Canepa says:

    a mio parere l´unica soluzione per la lega e´allearsi con utti i movimenti autonomisti italiani ed europei. La vedo come unica possibilita´di ottenere autonomia.
    In euripa siamo poco presenti I rappresentanti della lega in europa sono tristissimi ed incapaci di lavorare per un successo autonomista. Speroni e´il peggior cadregaro . Da anni in europa non ha mai fatto nulla per non parlare di bossi.
    Se Maroni non riuscira´ a pesentare programmi nuovi Pontida purtroppo sara´lúltima nella storia.

    • Miki says:

      E se invece PRESENTERA’ NUOVI PROGRAMMI (ciumbia!) allora va bene..

    • ilcippa says:

      I movimenti indipendentisti europei non vogliono avere niente a che fare con noi perchè per un decennio a plasmare l’immagine del movimento e della causa padana in Europa è stato un certo Borghezio che l’unico contatto che ci ha procurato è stato con i neonazisti polacchi.Se pensi che l’altro nostro rappresentante è quel bimbetto pirla di Salvino.il meno peggio è il fontanone che è autonomista come io sono Sharon Stone.Sperone è davvero uno stoccafisso famoso più per le terronate in macchina a 1000 all’ora che per iniziative autonomiste.Insomma hanno ragione a non cagar*i nemmeno di striscio.

      • Orso Mannaro says:

        Cristo, ma ti credi veramente un tuttologo del Modno Lega!. Purtroppo per te in realtà però sei solo un pietoso frignone da tastiera che si infarcisce il cervello di tute le minchiate che legge su internet e poi aria alla bocca. Ma che inizative autonomiste hai preso tu? Poi impara a distinguere i termini : noi leghisti siamo indipendentisti, non autonomisti. Fatti un bel bagno di umiltà, collega il cervello e chiudila bocca. Il mondo reale non è internet. L’indipendenza non ce l’avrai mai stando a sparare minchiate dietro ad un computer. Vieni nel fango quotidiano di questo paese di merda e quando avrai capito che il tuo problema è l’italia e non la Lega (ma è veramente così, mi domando?) torna a farti vivo.

        • Miki says:

          Ma va! E’ il solito sBronzo dei five stars,imho. Uno che dice “se fossi Veneto non verrei perchè sarei a casa a mezzanotte e la pioggia mi rovinerebbe il ciuffo” vuol dire che non ha capito un CAZZO delle milizie Leghiste. Oppure ci fa

      • Miki says:

        Da questa pletora di minchiate si capisce che razza di Leghista (NON) sei! Torna pure sul sito di danieluccio sensi,in mezzo ai tuoi simili con tre narici,così magari trovi qualche fenomeno che ti dà retta.

  8. Lucky says:

    io vedo solo un fatto, la lega è ritornata al 4 per cento come nel 2000, poco e inservibile ma questi sono gli indipendentisti duri e puri e a tutti gli altri voglio rammentare, con tutto lo scodazzo di troll a seguito, che rimangono allo 0000,01% cioè un centimetro sopra la merda, che non sono diversi come saturazione polentacuta.

    mi sta sulle palle il sindaco di “vr msi” e il suo seguito di poltronari che andrebbero emarginati ma per fare questo c’è il bisogno di tutti, specialemente di quel 0001 per cento di polentacutati che credono di sapere tutto ma che sanno solo di pùpù….buona polentata a tutti

  9. Renzo says:

    Secondo me i leghisti a Pontida si aspettano appunto che Maroni proponga le “mosse” da effettuare per questa benedetta macro regione. Inoltre spero voglia cercare di mettere fine a tutte queste liti fra i suoi ras e soprattutto fra Bossiani e Maroniani. Personalmente spero sempre che il segretario voglia finalmente accettare l’invito proposto dal direttore de l’indipendenza e da Oneto con tutti i movimenti indipendentisti perchè se futuro deve esserci non può che passare da li.

    • migliano says:

      Scusa Renzo ma proprio non hai capito la gravita della situazione,non hai capito niente di quello che sta succedendo all’interno della Lega.

      • Miki says:

        Quoto! Basta sentire Moustafà Salvini che ogni tre parole dice “domenica a Pontida dovremo essere uniti,lasciar perdere le contestazioni (a Bobolo aggiungo io..)”. Altro che domenica di ..spiegazione dei programmi: bisognerà portarsi l’elmetto!

        • renzo says:

          Può anche darsi che ci sia della contestazione domenica. Non è che non ho capito cosa succeda in lega, basta seguire un poco le dichiarazioni dei colonelli
          che si “imporcano” fra loro, ma torno a ripetere che la parte buona della lega, che è ancora predominante, deve riuscire ad incontrarsi con i movimenti autonomisti,indipendentisti,ecc…Se non si parte da lì,la lega pian piano si va a schiantare, i movimenti indipendentisti resteranno sempre con lo 0,00000001%
          e sempre pronti a buttare fango( oltre quello meritato) su via Bellerio. Tutto qua.

        • ilcippa says:

          Non credo,i maroniti hanno congeniato questa edizione di Pontida per evitare che vi siano contestazione,da settimane stanno studiando tutti i dettagli per evitare contestazioni.Non è un caso che abbiano spostato i discorsi al pomeriggio:i veneti e i militanti delle leghe che sono state rovinate elettoralmente dalla gestione maronita non potranno partecipare perchè tornerebbero a casa troppo tardi.E al contrario dei belleriani maroniti la mattina si alzano presto per andare a lavorare.

          • Orso Mannaro says:

            Ma tu ce l’hai il permesso della mamma per venire a Pontida? E mi raccomando non fare tardi se no son botte. Fammi capire, vuoi contestare, rompi le palle e poi frigni perchè arrivi a casa tardi e poi devi andare al lavoro la mattina dopo? Poverino…sembri proprio un italiano. Io se devo mandare affanculo Tosi o chi ci sporca di tricolore rimango lì nel fango fino all’alba e il tricolore glielo faccio ingoiare! Mi devono portare via di forza! Hai capito? Poi mi faccio 150 km torno a casa, alle 5 sono di nuovo per strada e mi faccio altri 50km e prima delle 6 ho aperto l’azienda come tutte la mattine. Hai capito, rivoluzionario della mutua? Ma di che cazzo parli, maroniti…belleriani….ma stai a casa tua con la mamma va, bamboccio. Quelli come te sono più italiani di Tosi & C.

          • Miki says:

            Secondo me arriveranno a Pontida ancora più incaxxati. Pessima mossa se è stata studiata a tavolino..

  10. Rinaldo C. says:

    I popoli del Nord della Padania ne hanno pieno le balle di parole, le parole si dimenticano, si cancellano, i fatti si vedono e rimangono nel tempo sia in positivo che in negativo ed è ovvio farne il meno possibile di fatti negativi.
    lei GianLuca marchi, Leonardo Facco, Gilberto Oneto, avete scritto e riscritto esono tutti visibili, quanto voi avete consigliato per il bene del popolo del Nord e della Padania, aveye chiesto un intervista ma finora niente, penso che questo signor Bobo Maroni abbia paura o crede che voi abbiate la lebbra, anzi forse conquel sorrisino da presa per il c..o non è per niente carino.
    Dovrebbe lui chiedere a voi di poter essere intervistato o rispondere alle vostre richieste per il bene del popolo del Nord e della Padania, Inolttre sono convinto che in poco tempo la lega Nord scomparirà dalla scena politica nazionale e anche dal nord, leggendo o sentendo varie persone anche militanti sembrano delusi e non ci credono più. Voi e noi credenti indipendentisti è ora che ci muoviamo per conquistare con fatti e non con parole
    i veri indipendentisti di ogni movimento indipendentista.
    Gli accordi non potranno mai fare con la lega nord perchè è presuntuosa e crede di avere il credo dell’indiepndenza pur avendola spesso e volentieri tradita.
    Viva L’Indipendenza e l’autodetrminazione, in questo modo trionferemo nei nostri territori.

    Rinaldo Cometti

    • Miki says:

      Tutta sta roba per dire che serve un nuovo segretario? : D

      • ilcippa says:

        Il nuovo segretario dovrebbe essere uno che non abbia mai ricoperto incarichi politici o elettivi nel movimento,una vera e propria “vergine”.Peccato che sia già stato nominato d’ufficio nuovo segretario il bamboccio Matteo,uno col culo così largo da fare provincia.

        • Orso Mannaro says:

          Tu invece non sei un bamboccio, vero? Eppure da quello che scrivi direi proprio di si. Candidati tu che vediamo quali sono le tue qualità, pistola. Poi se tu sei vergine saranno problemi di alito o di brufoli Poveri noi, e questi vogliono fare la rivoluzione.

        • Miki says:

          E perchè mai? Certo non il prossimo sindaco di Milano, Salvini! Ma perchè un Leghista dell’ultimissima ora dovrebbe essere meglio di Luca Zaia (uno dei più papabili,se non l’unico!) me lo devi proprio spiegare
          Remember che Bobolo può dire tutti i nomi che vuole ma alla fine decide la base,tanto più che domenica la situazione si preannuncia rovente anche se dovesse piovere.

  11. giammarco.e says:

    A mio avviso, il problema consiste nel programma, ovvero quale sia la direzione da intraprendere, i tempi e i modi. La mia perplessità consiste nel non sapere se Bobo con il suo nuovo impegno al Pirellone, con tutti gli impegni e i problemi che quotidianamente si troverà sul tavolo, avrà anche il tempo da dedicare all’impegno che comporta, essere anche segretario Federale. Me lo auguro, perché altrimenti sarebbe il caso di formare una segreteria politica che discuta in tempi brevi e stabilisca un percorso comune da intraprendere. Siamo già in forte ritardo, il gorgo istituzionale che si è creato a Roma, costituirebbe un momento favorevole per spingere l’acceleratore delle richieste indipendentistiche del Nord, indire un referendum conoscitivo nelle regioni governate dalla Lega e nel frattempo creando unitariamente una petizione in Europa, ONU e corte dell’AIA. Non è più il tempo di tergiversare, Zaia questo l’ha capito e sta scalpitando, o vi è una proposta comune nei brevi termini che vada in questo senso o egli, è disposto ad andare avanti per conto proprio. Speriamo che Domenica,la dirigenza possa discutere, i dubbi e le perplessità si dipanino e possa nascere qualcosa d’importante, perché sinceramente la musica è finita, le proposte o gli annunci non bastano più, ora servono i fatti.

    • ilcippa says:

      Si e tu vai all’ONU a parlare di “nord”…che è solo un’espressione geografica ritirata fuori dai pusillanimi maroniti per evitare di dover parlare di Padania e quindi di indipendenza.

      • Orso Mannaro says:

        No, dai ci mandiamo un cuor di leone come te all’ONU a parlare di indipendenza della Padania. Ma va a ciapà i ratt, va.

    • Miki says:

      Non sei l’unico ad avere perplessità sul ruolo di segretario federale,che rischia di esserci solo sulla carta. Anch’io vedrei molto bene il nome di Zaia (o addirittura di Giampaolo Gobbo) per il dopo-Maroni ormai prossimo. E se non fosse possibile eleggere Luca Zaia immediatamente meglio un interim di alcuni mesi di Umberto Bossi,visto il rischio elezioni bis, per poi passare il testimone (appunto) a Zaia.
      Padania Libera.

      • Orso Mannaro says:

        Le perplessità ce le hanno in molti. Son d’accordo con te, Gobbo è un Signor Leghista. Zaia va anche bene, ma deve dare un taglio ai traccheggiamenti. Ma ci sono anche altri che hanno il dna giusto : Torazzi è uno di quelli. A me piace molto. E’ una persona concreta, che sa cosa vuol dire lavorare e vivere da coloni di roma, che ha chiaro in testa che l’unica soluzione per ridurre anche la Padanaia terzo mondo è la secessione dalla congrega romano-pelasgica.
        Padania Libera!

        • Miki says:

          Eh,lo so, ma se fermi uno per strada e gli chiedi “cosa ne pensi di Torazzi?” quello ti guarda come un marziano. La visibilità al di fuori del movimento è sempre stata un problema per gli esponenti della Ln; Zaia l’ha conquistata sul campo ma alcuni nomi (come Alberto Torazzi) sono sconosciuti, anche a chi, magari, vota Ln da anni ma non ha mai partecipato attivamente.
          Padania Libera!

  12. Damocle says:

    Maroni rischia proprio a causa delle dimissioni mancate in via Bellerio perchè è errato scrivere che le dimissioni sono state rifiutate (sebbene col voto unanime del Consiglio Federale) perchè un buon 50% dei presenti erano d’accordo per accoglierle. Salvo poi decidere di votare all’unanimità per dare una parvenza di unità e non spaccare la lega.

    • gianluca says:

      salvo poi decidere… non serve a nulla: o si vota in un modo o si vota nell’altro, se no siamo ai bizantinismi italici che tanto vorremmo contestare ma abbiamo invece introiettato in tutto e per tutto

    • ilcippa says:

      Il marone in fatto di accumulo di cadreghe ha appreso la lezione dal suo braccio destro salvino.
      ..italians, cioè belleriani

      • Orso Mannaro says:

        Tu come “italian” faresti invidia anche a Tosi. Tu che lezione hai appreso? Quella del re partenopeo che ti governa o quella della Casaleggio & Associati? Belleriani, certo che siamo Belleriani. E allora? Hai dei problemi? Siamo gente pulita, padani con i controcazzi, mica italiani come te! Va a nasconderti, va, nullità.

      • Orso Mannaro says:

        Sei una macchietta. Non sai nemmeno di che cazzo stai parlando. Girati dall’altra parte, vomita le tue cazzate sul tricolore se ne sei capace. Ma ho i miei dubbi che tu sia in grado di fare un qualcosa a riguardo, puzzi troppo di italiano, di italiano sinistro per essere precisi. Di sicuro sei un patetico autolesionista. Per fortuna quelli come te sono inutili per qualsiasi rivoluzione, figuriamoci per l’indipendenza della Padania.

      • Miki says:

        Tanto voi vi beccate Renzi. Il de profundis della sinistra italiona. E guardate in casa nostra? Se aveste un minimo di dignità capireste che il suicidio stoico è l’unica carta che vi rimane. Ah Ah Ah! Grillo da una parte e Renzi dall’altra! Attacco congiunto al cadavere della sinistra.

  13. Ferruccio says:

    Più che un “traccheggiamento in stile democristiano” è un occupazione di tutte le potrone possibili in stile Socialista Craxiano

    • gianluca says:

      Ma il problema è l’occupazione delle poltrone o avere una linea politica che preveda una prospettiva? Perché se è solo l’occupazione allora chi contesta Maroni vuole solo la sua quota e non si preoccupa affatto di avere un futuro e soprattutto dare un futuro a chi ancora li vota

      • Giuseppe says:

        Bravo, Gianluca! E’ ora di imparare a guardare con sapienza alla realtà. Per avere e nutrire speranze che non stiano fra il fantastico e l’onirico, cioè che non siano una perdita di tempo.

      • Ferruccio says:

        Non c’è prospettiva…….i quaquaraquà non hanno futuro
        La Lega farà la fine del Partito Repubblicano Italiano
        Anche loro sul simbolo avevano un edera di colore verde,
        ricorda ????

      • ilcippa says:

        Caro Gianluca distinguiamo per piacere chi contesta Maroni da dentro Bellerio e chi contesta Maroni (ma anche TUTTI gli altri dirigenti della Lega di TUTTE le correnti) come semplice militante o elettore. Ti assicuro che la stragrande maggioranza dei militanti della Lega e degli elettori rimasti ne ha le balle piene di TUTTI e dico TUTTI i dirigenti e delle loro false promesse per tenere buona la mandria.

        • Miki says:

          Di sicuro ne hanno le tasche piene della Lega 0.2 e di Tosi.

          • Orso Mannaro says:

            Questa roba 2.0 ha fatto comodo alle nullità come Tosi per conquistarsi una briciola di potere nel Movimento approfittando come avvoltoi del momento in cui eravamo circondati da tutte le forze del male tricolori, dal re partenopeo, agli sguatteri dei media, alle toghe rosse e quant’altro. Tosi & camerati tricoloriti hanno però capitalizzato una quota di disprezzo tra i leghisti veri, i secessionisti, di cui forse non si rendono conto.

        • Orso Mannaro says:

          E tu chi saresti, il portavoce di tutte le “correnti” e della “stragrande maggioranza dei militanti! ? Sciacquati la bocca pistola, le mandrie sono quelle che frequenti tu, noi siamo leghisti. Tu sei solo un italiano da quattro soldi, ma come cazzo di permetti? Cresci che ti conviene.

Leave a Comment