Blondet: Parigi, un false flag? Quale lezione dalla strage?

grafico parigidi MAURIZIO BLONDET-“Un 11 septembre à la française” era stato ampiamente profetizzato da settimane dai servizi. Ora, sapremo se la strage di Parigi è un “false flag” come l’11 Settembre, fatto apposta per innescare una guerra senza fine “al terrorismo” – il terrorismo che gli Usa addestrano, i sauditi pagano e i turchi ricoverano contro la Siria – se la lezione che Hollande, la NATO, gli Usa trarranno dalla strage sarà:

L’Occidente deve intervenire in Siria con tutte le forze militari allo scopo di rovesciare Assad, perché altrimenti i jihadisti diventeranno sempre più forti e meno moderati. La distruzione di Assad è la soluzione, altrimenti l’ISIS non si può vincere. Dovevamo già farlo nel 2012, ce l’ha impedito Obama vacillando….

Non sarà un false flag se la conclusione che gli stati occidentali sarà invece la seguente:

“Noi occidentali dobbiamo piantarla di reclutare, pagare, armare ed addestrare i jihadisti. Lo stiamo facendo dalla guerra antisovietica in Afghanistan, dove la Cia ha reclutato in un decennio (1982-92) 35 mila terroristi da 43 paesi: allora la formazione si chiamava Al Qaeda. Venendo ai giorni nostri: contro la Siria, fin dal 2011 – attestò allora DEBKA File – fu lanciata “una campagna per arruolare volontari islamici per combattere a fianco dei ribelli siriani. L’esercito turco li alloggerà, li addestrarà e assicurerà il loro passaggio in Siria” (DEBKAfile, NATO to give rebels anti-tank weapons, August 14, 2011.)”

La Turchia, è il caso di ricordare, è membro della NATO. L’ISIS nasce da una costola di Al Qaeda per riconquistare la Siria all’islamismo wahabita, e poi viene esteso all’Irak per riprendere l’area sunnita. In Siria ci sono con i terroristi corpi speciali inglesi; gli Usa conducono contro l’ISIS bombardamenti che sono in realtà lanci di rifornimenti. Ankara mantiene i suoi terroristi per creare una zona-cuscinetto in Siria, che intende poi inglobare allo stato turco: una Crimea ottomana. L’Occidente vuole sloggiare la flotta russa dalla sua unica base in Mediterraneo; vuole liberare territorio per costruire il gasdottotra il Katar e la Turchia onde sostituire le forniture energetiche russe all’Europa. Per questo l’Occidente aiuta e soccorre i terroristi islamici.

Quanto a Parigi, ha fornito armamenti ai “ribelli” jihadisti libici anti-gheddafi, affiliati ad Al Qaeda e che poi hanno millantato la loro adesione al Califfato.

 

https://www.washingtonpost.com/world/france-sent-arms-to-libyan-rebels/2011/06/29/AGcBxkqH_story.html

 

Ha fornito copertura aerea ai terroristi mentre avanzavano compiendo atrocità. Nel 2012, Hollande ardeva dalla voglia di mandare caccia ed armati in Siria ad abbattere Assad e – quindi – insediare al potere i terroristi islamici wahabiti, insieme all’Arabia Saudita e alla Turchia. Fu architettato un false flag – “Assad stermina coi gas il suo stesso popolo” come pretesto all’intervento. Il presidente Obama per motivi mai ben chiariti esitò, si ritirò (disse che veva bisogno dell’approvazione del Congresso) sicché l’invasione occidentale contro la Siria restò sospesa. Ed è restata sospesa ancor oggi. Sospesa, non cancellata.

Nel 2013, la Francia e la Gran Bretagna fecero sforzi straordinari perchè l’Unione Europea togliessero un (presunto) embargo sulle armi da far giungere ai ribelli terroristi islamisti: hanno avuto successo, l’Europa ha consentito, le armi arrivano ai ribelli terroristi ed hanno prolungato la strage in Siria di altri due anni.

https://www.rt.com/news/eu-syria-arms-embargo-864/

Adesso, nelle ore dell’eccidio a Parigi, Obama è apparso in tv a fare il discorso delle grandi occasioni, del nuovo 11 Settembre. Promettendo l’intervento a fianco dei francesi:

“Abbiamo sempre potuto contare sul popolo di Francia al nostro fianco. Sono stati un partner straordinario nell’antiterrorismo, e noi intendiamo essere con loro in questo frangente”.

In realtà, questo stare “spalla a spalla” ha avuto qualche eccezione. Nell’autunno 2014, un drone Usa aveva preso di mira ed ucciso un jihadista francese combattente presso Aleppo.

http://www.metronews.fr/info/syrie-le-djihadiste-francais-david-drugeon-tue-par-une-frappe-aerienne-confirme-le-pentagone/moiw!64MKEWDEUSGKc/

 

Non era nemmeno un musulmano, si chiamava David Drugeon, ma era sicuramente ben addestrato nei corpi speciali francesi, tanto che era diventato il capo di un gruppo di qaedisti chiamato Khorassan. Agli americani non piaceva come Drugeon faceva il terrorista per conto di Parigi. C’è voluta anche la strage di Charlie per portare la Francia in linea nella “guerra al terrorismo” senza troppa autonomia.

Adesso l’attacco “dell’ISIS” ai parigini – classica strategia della tensione – può avere anche il senso di una punizione: per il fatto che Hollande, appoggiato da Juncker, hanno alzato la voce contro le sanzioni europee a Mosca, ventilando che andrebbero tolte? Chissà. Invece è certo che la orribile tragedia è stata profetizzata.

Lo dicevano dal 2 ottobre
Lo dicevano dal 2 ottobre

Su Paris Match del 2 ottobre un giudice Trévédic profetava: “Gli attentati in Francia saranno di una scala paragonabile all’11 Settembre”. Le Nouvel Observateur: “I servizi temono un 11 Settembre francese”.

Se questa tragedia è stata chiamata in anticipo “Un 11 Settembre”, vuol dire che ci attendono altri 15 anni di “guerra globale al terrorismo”.  Eventualmente anche contro la Russia, la sola che – con Assad – sta davvero cercando di eliminare il terrorismo islamico. Se  traessimo la lezione giusta, ci affiancheremmo alla Russia.   Invece volete scommettere che  non avverrà?

Infine:

Se non fosse un false flag, già si eleverebbe il grido: Basta col lasciar passare centinaia di migliaia di “profughi” cosiddetti “siriani”, quasi tutti maschi e giovani in età militare, alle frontiere orientali d’Europa! Fra di loro ci sono certamente jihadisti, aspiranti jihadisti, wahabiti tagliagole. Che stiamo facendo?

Ora, dai media almeno, questo grido non si alza. Strano. Che lezione stiamo traendo dalla strage di Parigi?

 

Print Friendly

Related Posts

4 Comments

  1. GPaolo says:

    Non comprendo perchè si deve rovesciare Assad. Quei paesi, con quella religione che hanno, che sembra fatta apposta perché i popoli rimangano fermi nel Medio Evo, hanno bisogno dell’uomo forte al comando altrimenti avranno solo e sempre terrorismo, guerre e quando finirà il petrolio anche miseria. Ci vuole tanto sale in zucca per capirlo!

  2. luigi bandiera says:

    Quale lezione..?
    Nessuna.
    Meglio esercitare l’arte (intellettuale) della censura che ricevere gli input. Gia’, anche dagli analfabeti.
    Nella multi nazionale tedesca dove lavoravo si accettava qualsiasi input perche’ ancvhe se misero era a pro della produzione a minor costo. Spesso meritava al 99% di essere adottato.
    Tuttavia, posso dire tranquillamente: IO VE LO AVEVO DETTO..!
    E come successe a Cassandra (che ebbe ragione) invece di darle ragione la umiliavano.
    SOCCOMBETTERO..!
    Ma remember (serve il repetita juvant?): …quando questi mai classificati ufficialmente INVASORI, che arrivano senza sosta qua con veste da agnello (i moderati), riceveranno l’ordine di agire: tolto il mantello dell’agnello, ci ammazzeranno senza pieta’, salvo la sottomissione.
    NON SCHERZANO..!!
    SOPRATTUTTO E’ VERO..!
    Sono come i ladri che entrano in casa per derubarci: NON SCHERZANO..! CI MASSACRANO DI BOTTE..!
    Pero’ ocio e guai difendersi usando la regola naturale della LEGITTIMA DIFESA.
    Lo stato deve difendersi in modo e o in maniera tale quale la legittima difesa applicata per i singoli cittadini..? Se lo fara’ sara’ OCCUPATO DAGLI AMICI DELL’ISIS..! A BREVE..!
    Stessa legge che si applica quando uno si difende sparando e cioe’: il ladro salvo e risarcito e il derubato in galera..??
    Se vale col terrorismo dormiamo che e’ moltomeglio: nel sonno non si sente dolore..!!
    STIAMO SOCCOMBENDO e ma pero’, meglio la censura che la sveglia..!!
    In che fameja de mati che me trovo..!
    E c’e’ gente che vorrebbe cambiare con questi chiari di Luna..??
    Ha ragione Ad kul nostrum (nome inventato ma che da’ l’idea): NON SERVE A NULLA.
    Potete fare manifestazioni e anche i credini e duddo guando, che noi vi massacreremo (dico io).
    Dai, su, censurate noi, non loro e ne vedremo si… e delle bellissime. Veramente tantissime..!
    Salam

Leave a Comment