Bitonci: scuola veneta in crisi grazie alle zucche vuote romane

di REDAZIONE

“Se i cervelli fuggono, questa vicenda dimostra che negli uffici dei ministeri romani le zucche vuote sono ben rappresentate. La nostra Regione paga ogni anno 70 miliardi di soldi veri a Roma, che un po’ li restituisce sotto forma di servizi, un po’ li sperpera lungo lo stivale, pagando lauti salari. Ecco perché, a ben vedere, lo stipendio ai funzionari che hanno sbagliato i conti, facendo scomparire 3500 studenti veneti e tarando l’organico per l’anno scolastico 2013/14 con un difetto di 150 docenti, lo paghiamo proprio noi. E’ quindi giusto che siamo noi a chiedere al Ministro competente, la signora Carrozza, non solo di provvedere a una riassegnazione delle cattedre prima che sia troppo tardi, ma anche di licenziarli, come fa un qualsiasi titolare d’azienda nel caso in cui un dipendente metta a repentaglio il lavoro di tutti”.

Lo dichiara – come scrive il suo ufficio stampa – Massimo Bitonci, presidente dei senatori della Lega Nord, che ha depositato un’interrogazione parlamentare per il Ministro Carrozza in relazione all’allarme lanciato da Gianna Miola, direttore dell’Ufficio scolastico regionale veneto.

“Strade che mancano, debiti alle imprese che non vengono pagati, rimborsi per disastri naturali che non arrivano mai e poi, addirittura, studenti che restano senza insegnanti perché qualcuno ha sbagliato a contare. Questa è l’Italia delle zucche vuote dalla quale non solo i giovani cervelli, ma tutti i veneti vogliono fuggire”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

9 Comments

  1. BILFAB74 says:

    Caro Bitonci, cominciamo a fare nomi e cognomi piuttosto che dire qualunquisticamente ZUCCHE VUOTE ROMANE. A Roma ci sono pure tantissimi politici del nord e della Lega a comandare da 25 anni… inoltre se vogliamo rispondere con l’arma del qualunquismo, avendo conosciuto il veneto medio, non mi sembra di riscontrare una grande intelligenza e senso del cosmopolitismo anzi, ho notato una falsità e grandissima chiusura mentale…. se poi andiamo ancora più a nord cominciando da Austria e Svizzera, i veneti e i lombardi sono considerati dei terroni; questo a voi brucia moltissimo e non lo accettate. Perciò quando insulti e accusi e offendi fallo ai diretti interessati e faccia a faccia e non dal tuo ufficio dove devi prendere in giro i conterranei cantandogli gli sfottò che più amano al fine di farti votare e di non risolvere i problemi!!!

  2. alex75 says:

    Bitonci, se sei ancora il veneto valido e competente che hai dimostrato di essere a Cittadella, inizia a lottare dal di dentro per l’indipendenza del Veneto!!! Hai 5 milioni di persone che ti chiedono di non continuare a propinanrci l’eutanasia con cui questo stato ci sta facendo morire. Non credo che dovevi andare a Roma per capire le cose che ci dici adesso, QUINDI FATE SU LE MANEGHE ANCA TI E INIZIA A LOTTARE PER LA LIBERTA’ DEL TUO POPOLO, se no non sta piu’ rompere i c….., e va a sugare a tresette con TOSI e MARONI, che de politici “romani” non vogliamo piu’ saverghene!!!!!

  3. lory says:

    da una parte abbiamo delle zucche vuote e delinquenti dall’altra parte abbiamo la Lega che ha fatto solo proclami e stupidate !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Veritas says:

    Bitonci mi sembra una persona molto preparata e fattiva e credo che terrà duro sulla questione

  5. LUIGI says:

    Caro Massimo e le soluzioni? Siamo stanchi di sentire l’elenco delle cose che non vanno bene ! Sono le soluzioni che non vediamo/tochiamo, sentiamo solo annunci: E BASTA ! Anche tu, leggi WAY4FREEDOM e conoscerai quella parte di verità/realtà che ancora ti sfugge. Saluti a Cittadella da San Martino di Lupari.

  6. luigi bandiera says:

    Vero, e thoke xe thoke.

    Ci si affida troppo a chi ha le pergamene stampate. Purtroppo.

    Carlo Magno era analfabeta… per dire che non servono per stabilire se uno e’ o non e’ “MONACO”. Ovviamente politicamente parlando.

    Altro disk e’ sul tecnico.

    Noi abbiamo bisogno di gente NOSTRANA lì a INSEGNARE… con o senza pergamene.
    Importante e’ la conoscenza e la saggezza nell’educazione.

    Sim sala bim

  7. gigi ragagnin says:

    lui si lamenta …

Leave a Comment