Bitonci: Il Nord smetta di pagare il canone Rai. Ecco come fare

di REDAZIONE

“Il Governo ci lascia al buio? Bene, noi lasceremo al buio la Rai.” Questo il commento di Massimo Bitonci, onorevole padovano della Lega Nord, alle novità introdotte dalla cosiddetta Legge di Stabilità: “Monti vuole fare cassa anche sulla pelle dei cittadini, obbligando i sindaci a spegnere i lampioni e spolverando i tagli lineari sulla Sanità, che, al Veneto, costeranno 140 milioni. Bene, i cittadini risponderanno facendo fallire il carrozzone televisivo di viale Mazzini – spiega il capogruppo della Commissione Bilancio alla Camera – Smettiamo di pagare il canone e lasciamo a bocca asciutta il presidente e il direttore generale imposti dal premier, che, in due, percepiscono 1 milione di euro l’anno; 366mila la Tarantola, 650mila Gubitosi”.

Bitonci annuncia un tour anti-canone attraverso il Veneto: “La prima tappa il 29 ottobre, a Due Carrare, in provincia di Padova; gli amici dell’Associazione per la tutela del consumatore, in collaborazione locale della Lega, spiegheranno come si può dare disdetta del canone Rai, senza il rischio di incorrere in sanzioni. Un vademecum è già disponibile agli utenti sul sito www.massimobitonci.it”.

Oltre all’uso politico di strisce e trasmissioni, che penalizza costantemente il Veneto e i veneti, dando di loro un’immagine negativa, Bitonci rimprovera alla Rai il fatto di vivere fuori dal mercato, sulle spalle dei cittadini: “La televisione di Stato ha il doppio dei dipendenti della sua prima concorrente, Mediaset, che però fattura di più: 3 miliardi circa la prima, 4 miliardi e rotti la seconda. La Rai paga stipendi da nababbo a conduttori e giornalisti: ricordo solo i 2 milioni a Fabio Fazio, il milione e 800mila euro a Luciana Littizzetto e Antonella Clerici, i 300mila di Christian Vieri, per un paio di balletti – insiste Bitonci – Mantiene inoltre una pletora di direttori e vice-direttori senza incarico, mentre sfrutta decine di precari con contratti a tempo o con finte collaborazioni a partita Iva, che finiscono inevitabilmente per fare causa all’azienda: un dipendente su dieci ha un contezioso aperto con la Rai. Non parliamo poi delle produzioni esterne, affidate sempre alle stesse società”.

“E’ inaccettabile che i soldi di pensionati (7 milioni dei quali in Italia non percepiscono più di 500 euro al mese), cassintegrati, dipendenti, artigiani e cittadini tutti vengano utilizzati dal Ministero del Tesoro, azionista Rai, per pagare giornalisti assunti senza capire bene come, figli di, amici di amici e nemici del Veneto, che non parlano del Veneto nemmeno quando in Veneto si muore – prosegue Bitonci, ricordando il silenzio della televisione pubblica all’epoca delle alluvioni degli anni scorsi e, più recentemente, nella triste stagione degli imprenditori suicidi”.

Il “metodo Bitonci” per non pagare il canone è perfettamente legale: “Non sto invitando i veneti all’evasione di una tassa, che pure sarebbe sacrosanta: chi farà come dico io sappia non correrà alcun rischio – insiste l’onorevole padovano – L’evasione la lasciamo al Sud, che primeggia anche quando si ha a che fare col canone Rai”. Stime interne a viale Mazzini, in effetti, parlano di un tasso medio di evasione del canone attorno al 27%, che in Campania, Sicilia e Calabria sfiora e talvolta supera il 40%.

Con soli 5,16 euro è possibile smettere di pagare il canone, in rispetto della legge: “Basta richiedere il suggellamento del televisore, avendo versato la cifra tramite un vaglia postale – spiega Bitonci – Prima o poi, un funzionario si presenterà a casa dell’utente per suggellare il televisore: ovviamente dovrà chiedere permesso, nessuno può entrare a casa della gente senza un mandato emesso da un giudice per reati gravi. Molto spesso, tuttavia, fra la richiesta e il successivo suggellamento, passano degli anni. Nel frattempo, avendo ottemperato a quanto previsto dalla normativa, nessuno potrà imputare al cittadino che conservi copia della ricevuta del vaglia, di non aver pagato il canone. Ad essere in ritardo, come sempre, sarà lo Stato”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

26 Comments

  1. GINA says:

    Possibile che in tanti anni di vari governi,(destra sinistra centro ,nessun politico ha pensato di abolire quella stramaledetta tassa del canone RAI.
    Quei soldi li darei volentieri in beneficenza a qualche ente
    bisognoso,
    POLITICI svegliatevi perché non vi voto più.

  2. gabriele crepaldi says:

    Uno dice una cosa uno ne dice unaltra, sta di fatto che senon si paga vengono ha pignorare, io da povero pensionato, ho sritto varie volte alla RAI, ma fino ad ora non ho avuto nessuna risposta,io comunque sarei daccordo se tutto un intero paese non pagasse, con delle dimostrazioni visibili, io sono in un piccolo paese di provincia, in Piemonte, ma tutto questo temo che non si possa fare ,in quanto sono quasi sicuro che se nessuno dice niente ,sicuramente perche non paga, allora senza unione e una battaglia persa già in partenza, in cuor mio vorrei sbagliarmi ,vi faccio tanti auguri ha tutti.

  3. sorgato mauro says:

    Sono pienamente contrario al pagamento del canone RAI.io dovrei con i miei soldi poter decidere io quale tv a pagamento prendere e quale non prendere visto che il mercato offre varie opportunita. Da un punto di vista commerciale e concorrenza sleale nei confronti di altri operatori, per me bastano i canali liberi visto che il mercato ne offre perché devo per forza pagare .dove sono i miei diritti di cittadino in questo stato in merito a questioni cosi banali .non mi interessa se la rai non puo stare senza cannone le tv commerciali vivono comunque si addegui anche la rai e faccia dei licenziamenti se necessita per restare nel mercato e paghi meno e meno previlegi ai suoi amministratori.siamo in un periodo dove i previlegi acquisiti vanno rimossi.portero la mia tv alla sede rai se sara necessario ma non voglio continuare a pagare il canone RAI.

  4. fracatz says:

    A bitonci, c’avete avuto 10 anni de governo pe’ privatizzà la rai e non l’avete fatto per lascià ingrassà mediaset.
    A bitonci, ve sete svennuti ar nano pe’ un tozzo de pane.
    A bitonci, NOI nel 1995 vincemmo il referendum pe’ privatizzare la rai, potevi fa’ er difensore della volontà bobbolare e vennnela la rai.
    A bitonci, ma perhè nun provvedi d’annattella a pjjà ndhercules

  5. Luca says:

    Saluti!

  6. Barbara says:

    Qualcuno informi Bitonci che Rai4 e’ una invenzione della sua Lega per parcheggiare amici parenti e a michette varie . Forse non lo Sto arrivando! !

  7. Salvo says:

    In sicilia non si dovrebbe pagare proprio….secondo la costituzione…quindi i soldi che riscuotono in Sicilia sono sempre di più di quelli che gli toccano.

  8. walter andreani says:

    Bitonci hai sfidato la lobby potentitissima dei padani in Rai, con alla testa il mitico Marano! E Bianchi Cleirci, la musa della cultura televisiva, e via e via e via…nomi eccellenti e potentissimi, compreso il re della notizia Camparini…e via e via, ma chi te lo ha fatto fare??? E poi tutti i cameramen e gli appalti esterni e via e via…Bitonci eroico ma soccombente!

  9. fantini giancarlo says:

    Cazzo ma Bitonci sa quel che dice? Siamo al delirio….chiunque può verificare che vicedirettori e condirettori in Rai la Lega ne ha eccome e come sono stati assunti e perchè Bitonci lo sa o no? Chieda a Bianchi Cleirci, per direne una…Ma questi pensano che il mondo sia composto da deficienti?????

  10. alvaro rienzi says:

    Bitonci che è un furbone ha trovato il modo per eliminare quelli che la Lega di una volta ha messo in Rai…prenderli per fame! Sennò chi ce li leva piu? Spassosissimo!

  11. rapizza says:

    Ma Bitonci…..e come li paghiamo poi gli stipendi (meritatissimi, visti i riusltati splendidi) di Paragone, Faverio e soci???? Ma lei è troppo ardito a fare una proposta del genere con i leghisti messi in Rai, suvvia ci pensi! E non censuriamo sempre tutto….!

  12. romain says:

    il canone Rai (illegittimo) non va pagato e basta, a prescindere che si abiti al nord, al sud, in Veneto; certo che ci vuole un certo coraggio a non pagarlo (io per esempio non ce l’ho); comunque esiste un sistema forse un po’ scomodo per dare fastidio alla Rai: PAGARE IL CANONE ANNUO IN QUATTRO O DUE RATE invece che in unica soluzione. Forse scomodo, ma ne vale la pena.

  13. joe says:

    invece di prendervela con la lega, prendetevela con chi vi fa pagare il canone! sveglioni!!! certa gente dovrebbe pagarlo il triplo, il canone, tanto è contenta di prenderlo nel…

    • Leonardo says:

      Beh, la Lega ha più di qualche responsabilità sul Canone Rai, troppo comoda avere la memoria corta, molto corta!

      • Veneto per un Veneto libero says:

        Ben detto Leonardo, più di una colpa, in speciale modo nell’aver accomodato nei meandri del potere rai, parenti, amici e quant’altro a loro più favorevole.

        P.S: BASTA FALSE PREDICHE PER RACIMOLARE VOTI.

        W SAN MARCO

        W I VENETI LIBERI DA FALSI E INUTILI PREDICATORI.

  14. Sergio V. says:

    Quello che non capisco è perché, quando la Lega è all’opposizione, NON bisogna pagare il canone. Quando è al Governo invece, BISOGNA pagarlo.
    Il non pagamento del canone era una battaglia della Lega, ed erano scaricabili dal sito i moduli per la disdetta poi, quando la Lega è andata al Governo, “casualmente” i moduli dal sito sono scomparsi e questa battaglia accantonata…. Ora che la Lega è ancora all’opposizione, si torna a parla di non pagare il canone.
    A me sembra un pò una fregatura: quando la Lega comanda, le tasse vanno pagate, quando la lega non comanda, allora si può anche non pagarle….

    ps.: personalmente cmq sono favorevole alla TOTALE privatizzazione della Rai, con la vendita di tutto il100% dell’azienda ad attori privati. Perché la Lega, che tanto odia la Rai, non ne ha mai proposto la privatizzazione ? Forse perché ci ha infilato decine di suoi leccapiedi a stipendi ben retribuiti (pagati con il canone….) ?

  15. michela verdi says:

    In Svizzera era stato pubblicato qualche anno fa l’elenco dei dipendenti RAI e ne era risultata una rete incredibile di parenti, amanti, ecc. ecc. Il leghista adesso cavalca una protesta che era semplice fare anche quindici anni fa, ma che è stata abbandonata dalla Lega. Dovrebbero ricordarsene i Veneti che allora vennero abbandonati. E abbandonare questa volta la Lega al suo destino: il letame della storia.

  16. migotto sandro marco says:

    Bitonci…Bitonci…..
    fate una cosa molto semplice. Non pagate. Come faccio da anni. Lasciate che scrivano dall’agenzia delle entrate di Torino.

    Non pagate l’imu, fate la dichiarazione dei redditi e non versate un euro.

    Bitonci…. avete 600 sindaci, un paio di Governatori, un bel po’ di Provincie.. Organizzate qualcosa di piu’ serio.

    Tipo (lo so’…sono ripetitivo, ma anche l’articolo di oggi sulle Friandie lo conferma…) fate che i vostri consigli comunali delibirino per l’autodeterminazione….

    basta con i vostri teatrini. Azioni vere non di facciata please.

  17. Dan says:

    La lega s’è decisa quindi a sbaraccare i suoi iscritti dalla rai ?

  18. Culitto Salvatore says:

    “giornalisti assunti senza capire bene come, figli di, amici di amici e nemici del Veneto, che non parlano del Veneto nemmeno quando in Veneto si muore – prosegue Bitonci, ricordando il silenzio della televisione pubblica all’epoca delle alluvioni degli anni scorsi e, più recentemente, nella triste stagione degli imprenditori suicidi”.”

    avete certamente ragione nel chiedere che si parli degli imprenditori suicidi, avete torto nel dire che siano nemici del veneto, è un trattamento riservato quasi equamente a tutti

    ALLUVIONE SICILIA – Provincia di Messina in ginocchio per l’alluvione che l’ha devastata nelle ultime ore: a poche settimane dall’analoga tragedia ligure, si ripete il medesimo scenario

    dell’alluvione di saponara si disse giusto qualche parola, di quella precedente di giampilieri se ne perduta la memoria, delle alluvioni liguri se ne parlò incessantemente anche nel festival di san remo organizzando collette per i disastrati, buona cosa se non fosse che quelli più recenti erano stati del tutto ignorati dai media dal festival, dalle “collette” telefoniche, insomma metri diversi

  19. Culitto Salvatore says:

    il canone rai è qualcosa di assolutamente odioso, la rai è qualcosa di assolutamente inconsistente e priva di ogni logica di mercato, il canone lo paghiamo come tassa di proprietà e infatti “un funzionario suggellerà l’apparecchio” non verrà oscurato il segnale…

    comunque nonostante condivida alcuni tratti dell’articolo preciso:

    Stime interne a viale Mazzini, in effetti, parlano di un tasso medio di evasione del canone attorno al 27%, che in Campania, Sicilia e Calabria sfiora e talvolta supera il 40%.

    secondo la codacons un italiano su tre non paga il canone rai (visto che a me piace la maggioranza smetterò di pagarlo) e il 96% di chi lo evade sono bar, ristoranti, alberghi…
    considerando che il veneto come dite voi è la regione più sviluppata, più progredita, più civile e con il più alto reddito in italia è presumibile pensare che tali strutture siano ampiamente diffuse più che nel resto d’italia e che come conseguenza diretta il veneto sia la regione con la maggiore evasione del canone rai in italia…ma si tratta di supposizioni esattamente come quelle fatte in tale articolo

    Oltre all’uso politico di strisce e trasmissioni, che penalizza costantemente il Veneto e i veneti, dando di loro un’immagine negativa,

    non è necessario che la rai faccia una “propaganda” per dare un immagine negativa del veneto, ci riuscite benissimo da soli (Forza Terun!)

    • Mi sembra che il dato del 96 % di evasione del canone imputato a bar, ristoranti, alberghi ecc., come dice il sig. Salvatore, non sia corretto. Gli esercizi commerciali sono controllatissimi, in Veneto come in tutta Italia. Quindi vorrei sapere come fanno a non pagare il canone. Eventualmente il dato va visto alla rovescia, nel senso che sono proprio il 96 % degli esercizi pubblici a pagare correttamente il canone.

      • Culitto Salvatore says:

        il dato non è mio…che volete che dica? al limite posso dire fanno bene

        comunque sto bitoncio non dice di non pagare il canone perchè non è giusto corretto ecc ecc, dice di non pagarlo perchè è possibile farlo e dice di infischiarsene dei successivi controlli…almeno avesse detto qualcosa di utile

Leave a Comment