BIOSFERA, IL MERCURIO SOTTO MONITORAGGIO

di REDAZIONE

Al via un accordo triennale per il monitoraggio del mercurio nella biosfera. A firmarlo, il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e il Leo Club Italia (i giovani soci del Lions International).

L’accordo è stato siglato ieri dal direttore generale del Cnr, Fabrizio Tuzi, e dal presidente nazionale dei Leo Club Italia, Davide Brillo. Il progetto punta a supportare la realizzazione dell’Osservatorio mondiale per l’inquinamento da mercurio attraverso nuovi sensori, a basso costo e semplici da usare, che possono essere installati su postazioni sia fisse sia off-shore.

Il protocollo di intesa è inserito dal Cnr nell’ambito del progetto europeo “Global mercury observation system – Gmos”. L’obiettivo centrale è lo sviluppo di nuove tecnologie avanzate per il monitoraggio della concentrazione del mercurio nella biosfera, da integrare ai sistemi complessi di gestione dell’Osservatorio. Si punta poi a depositare uno o più brevetti per rafforzare la competitività delle imprese italiane sui mercati internazionali e a garantire al meglio le attività di comunicazione e trasferimento dei risultati progettuali e delle attività condotte.

L’accordo, ha affermato il presidente del Cnr, Luigi Nicolais, “conferma il ruolo strategico del Consiglio nazionale delle ricerche nella tutela e salvaguardia dell’ambiente. In questa circostanza – ha ricordato – saranno sviluppati nuovi sensori per acquisire maggiori dati sulle concentrazioni di mercurio nell’atmosfera e nelle precipitazioni attraverso una fitta rete di siti di osservazione fissi e mobili. Il progetto si inserisce nelle attività del Gmos coordinate dal nostro Istituto sull’inquinamento atmosferico, candidato dalla Commissione Europea – ha concluso – a centro di riferimento per il nuovo trattato internazionale sul mercurio”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment