STUDIO SARDO E SCOZZESE: BIMBI BILINGUE PIU’ BRAVI A SCUOLA

di REDAZIONE

BRUXELLES – Uno studio condotto da ricercatori sardi e scozzesi dimostra che i bambini bilingue sono i primi della classe quando si tratta di risolvere problemi e pensare creativamente. In un articolo sull’International Journal of Biligualism i ricercatori dell’Università di Strathclyde in Scozia, Regno Unito, e dell’Università di Cagliari hanno presentato i risultati del loro studio su alunni della scuola elementare bilingue e monolingue in regioni nelle quali sopravvive una lingua minoritaria.
In Scozia hanno analizzato un gruppo di bambini che parlava inglese e la metà anche gaelico scozzese; nella scuola sarda hanno analizzato un gruppo di bambini che parlava italiano e la metà anche sardo. La ricerca è stata condotta a Dorgal, Sardegna, e Stornoway, Scozia. Ai bambini, tutti di circa nove anni di età, a quanto riferisce il notiziario Ue Cordis, sono stati assegnati compiti in inglese o in italiano: riprodurre schemi di blocchi colorati, ripetere oralmente una serie di numeri, dare definizioni chiare di parole e risolvere mentalmente una serie di problemi aritmetici. «Il nostro studio ha scoperto che il bilinguismo può avere vantaggi dimostrabili, non solo nella lingua ma anche in aritmetica, nella risoluzione dei problemi e nello stimolare i bambini a pensare in modo creativo», ha commentato Fraser Lauchlan dell’Università di Strathclyde.

Gli scienziati hanno anche scoperto che i bilingue posseggono un’attitudine per l’attenzione selettiva, ossia la capacità di identificare e concentrarsi sulle informazioni importanti e di filtrare quelle che non lo sono, il che potrebbe derivare dal “cambiamento di codice” comportato dal pensare in due lingue. I bambini che parlavano lo scozzese gaelico, infine, erano a loro volta più bravi di quelli che parlavano sardo. Queste differenze sono legate alla prontezza necessaria per passare da una lingua all’altra, che potrebbe aiutare a sviluppare abilità utili in altri tipi di pensiero.

FONTE ORIGINALE: www.lastampa.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. liugi II says:

    Peccato che in Italia le istituzioni osteggino apertamente il bilinguismo regionale. In poche parole, a monte di quanto detto nell’articolo, lo Stato italiano sta facendo di tutto per farci diventare scemi.

  2. Sandi Stark says:

    Che novità, noi lo sappiamo da sempre. Sappiamo anche che i bambini non hanno limiti di multilinguismo e che in Canada sono stati osservati casi dei eptalinguismo, il che non significa che un bambino non può imparare otto lingue ma che non sono mai stati osservati dei gruppi sociali che insegnavano otto lingue contemporanee ai bambini.

    Andrebbe chiarito che “bilngue” non è colui che conosce due lingue, ma colui che ha due lingue madri e le usa per gestire le informazioni che memorizza, pensare e per esprimersi con l’ambiente circostante.

    Il fatto che certe caratteristiche dei bilingui siano dovute alla “prontezza di cambio codice” non sono certezze ma ipotesi; non c’è modo per dimostrare scientificamente quali siano esattamente i meccanismi cerebrali coinvolti in queste dinamiche.

    I bilingui cambiano codice continuamente per comunicare anche tra di loro. Ogni lingua ha la sua ricchezza lessicale che esprime meglio di altre, determinati concetti, pensieri e stati d’animo.

Leave a Comment