BERNARDELLI: vergogna, a Lecco degli assassini massacrano un gatto

Schermata 2019-07-10 alle 11.29.02

di ROBERTO BERNARDELLI- Una cronaca dell’orrore è quella che leggiamo sulle pagine dei quotidiani locali oggi. Un gatto indifeso, solo colpevole di esistere , è stato massacrato di botte da sconosciuti e ritrovato esanime ormai lasciando alle spalle un calvario di 30 metri di scia di sangue. Non ci consola né ripaga il fatto che i resti della povera bestiola siano in mano all’ars di Lecco  che la Forestale di Barzio stia svolgendo indagini. L’animale è morto sotto la barbarie umana dell’inciviltà e della perenne impunità. La speranza è molto poca che si riesca, attraverso le testimonianze, a risalire all’assassino o agli assassini che con crudeltà hanno infierito togliendo la vita al gattino di Cortenova.

La sottovalutazione spesso di questi gesti, derubricati in “bravata” o tanto solo solo gatti, non solo ci indigna ma ci impone di proporre una cultura del rispetto animale che deve passare per l’educazione, la scuola, le famiglie.

E’ poi “solo un gatto”? Come sono tenuti i cani, i piccoli a quattro zampe nelle valli lecchesi? Un censimento sul benessere animale a quando?

Facciamo almeno che il sacrificio, l’olocausto di un’anima innocente serva ad aprire gli occhi e a risvegliare l’opinione pubblica e la coscienza comune prima che altri simili “capolavori” si ripetano, per emulazione.

Come movimento Grande Nord ribadiamo che non è sufficiente denunciare, ma occorre creare le condizioni per una civiltà del rispetto animale, partendo da una filiera della legalità e del rispetto, abbattendo l’indifferenza, l’omertà. Aspettiamo che il sindaco di Cortenova prenda l’iniziativa per promuovere sul territorio eventi per diffondere la cultura del rapporto uomo-animale. Un killer gira indisturbato per i nostri paesi.

Presidente Grande Nord 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    Io sono assolutamente incapace di convivere con gli animali ma ho di loro il massimo rispetto e li considero alla stregua cioè pari agli umani solo che non li capisco e perciò mi mettono paura…il loro re è il gatto che mi guarda con sufficienza e poi se ne va…stupendo!.. i cani invece nei giardini prospiciente la strada che percorro ogni giorno, abbiano quando passo e a me vengono i brividi…gli dico buone parole per imbonirmeli e forse loro vogliono solo salutare ma io non lo sapro’ mai…tuttavia se nella stanza c’é una zanzara la devo uccidere con un colpo rapido prima che mi punega e sul muro compare una macchia rosso sangue…che penso sia di qualcuno

Leave a Comment