/

Bernardelli: toccano ad aprile 6 milioni di pensioni. Ma non dovevano abolire la Fornero?

pensionatidi ROBERTO BERNARDELLI – Volevano abolire la Fornero, invece ritoccheranno ad aprile al ribasso 6 milioni di pensioni. E’ la seconda bufala sulla riforma disattesa dopo quota 100, che apre poche finestre e lascia milioni di lavoratori in balia delle vecchie regole, con 41 anni di contributi devono andare in pensione a 67 anni, se tutto va bene…

E’ infatti ufficiale, da circolare Inps, che ci saranno a breve tagli in arrivo per molti pensionati: molti dei loro assegni stanno per essere ricalcolati in seguito al ritocco delle rivalutazioni previste per l’adeguamento al costo della vita, misura che è stata inserita nell’ultima legge di Bilancio. L’Inps sta preparando in questi giorni le comunicazioni da inviare agli interessati, per i quali i nuovi importi scatteranno tra aprile e maggio, ma con valore retroattivo anche per i primi tre mesi del 2019.

Udite bene:

Non si toccano gli assegni fino a 1.500 euro lordi al mese. Le sforbiciate riguarderanno soprattutto chi guadagna oltre i 2mila euro.

Come se 1500 lordi fossero un assegno da ricchi e idem per chi ha 2.000 euro guadagnati in una vita di versamenti contributivi. Così finanziano anche quota 100 e la campagna elettorale permanente di questo governo che non ha pudore per nulla.

Pensionati, siete avvisati.

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. lo fanno nottetempo come i ladri e non si vergognano!… mi son vista sette euro in meno accreditati sulla mia modesta pensione questo mese…e qui ho la spiega… grazie.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

LA LEGA NAZIONALE NON PUO' ESSERE DALLA PARTE DEL REFERENDUM PER L'AUTONOMIA

Articolo successivo

Sudtirol: "Non è richiesto il consenso dell'Italia al doppio passaporto"