Bernardelli: Salvini ha costruito già l’alibi per far saltare tutto

Salvini-fascismo

di ROBERTO BERNARDELLI – E’ iniziata la luna di miele. Quanto può durare? Non in eterno. C’è una analisi, che condividiamo in pieno, di chi afferma che “Matteo Salvini è riuscito a costruire l’alleanza di governo con il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio, e a presidiare i ministeri che aveva “chiesto” in campagna elettorale”. Ministeri da incasso elettorale come l’Interno, le Politiche agricole, la Famiglia. Ma la Lega governa a suon di compromessi. Ci sono poi i tanto criticati tecnici, i non politici, che si possono abbandonare al momento opportuno col cerino in mano.

Probabilmente aveva ragione il cauto e arguto Maroni, nel suggerire di andare al voto in ottobre, col centrodestra. Una maggioranza schiacciante. Invece no. Tutto, o quasi, e subito.  Che sia un governo di cambiamento non ci pare. Ex ministri di Ciampi, Monti e Letta. Rassicureranno i mercati, ma sono palafitte che non hanno prodotto nulla prima, che inventeranno ora?

Scrive Alessandro Franzi su Linkiesta quotidiano che “quando Salvini si accorgerà che questi professori non saranno abbastanza dediti alla causa o non saranno così tanto controllabili, sarà allora che farà saltare tutto. Colpa loro, dirà prima di ritornare dagli elettori. E prima che i suoi sostenitori consumino l’effetto novità, che tutto fa perdonare”.

Centrata la questione.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. ric says:

    Egregio dottore ,
    In attesa d’Indipendenza , quella vera , quella che si ottiene lottando e combattendo senza infingimenti con metodi poco ortodossi et spargimento di sangue in stile fisico come imprimatur , dove il livello di alterazione esasperata per andare all’arma bianca , anche con l’aiuto del cordiale in stile prima guerra , con droghe come usano oggi , sarebbero da scongiurare per il rispettivo “culetto” .
    Sicchè altre opzioni , per via democratica , per intenderci , livello di difficoltá ad annodare capelli fini in piccole treccine con guantoni da box , regole dell’invasore parassita che impone sfide titaniche , perse in partenza per noi , tipo a pallanuoto in vasca contro avversario i coccodrilli .
    Ma è ciò che passa il convento , questa imperfetta ed ipocrita duale schizoide realtá che i faraoni di turno concedono agli schiavi , alibi tacitante cattiva coscienza e trastullo sistemico contro la noia del vivere possedendo tutti i mezzi stabilente tutti i fini .
    L’unico sforzo delle caste è il continuo trovare soluzioni “innovative”, funzione di massacro dei sottomessi per rinvigorire potere autopoietico invasato di compiaciuta auto referenze ; alcune toccano l’interesse , altre la libertà , tutte toccano la nostra esistenza , la vita .
    Lavoro duro e disperazione per taluni equivale al trastullo recalcitrante neghittoso uterino superbo arrogante per altri , ma parificato dalla convenzione palindroma che i parassiti impongono come linguaggio alla categoria della politica e soprattutto come variabile del tempo che s’adopera a sostenere in essere ogni sorta di vie per l’inferno , notoriamente lastricate di buone intenzioni . (Buonismo) .
    Di più , l’Avvenire , (quotidiano della santa sede ) , mollemente seduto sullo scranno d’un equivoco , tronfia rendita di posizione da libera chiesa in libero stato , attiva ad libitum il tribunale d’inquisizione , randellando le sic. coscienze dei “credenti” con strali ad personam ,(Salvini peccatore ) invocando contro il giudizio di Dio , chiamando in causa l’ira funesta del giudizio super partes del Sommo convitato di pietra (DIO) che , come noto esplicherebbe l’ omniscente perorante causa ad un groviglio di furbastri istituiti a millantato credito in “terris” , vi risulta?
    Può esserci così presunzione l’ immaginare che strali da pleonasmo possano influenzare sensibilità e coscienze di chicchesia ?
    Certamente si , seppur non credendoci , fa comunque gioco alla mistolfa del discredito demonizzare Salvini , ….al rogo !!!
    Capirete bene che la presunzione di scomunicare il Salvini ministro , reo di “funzione di mandato popolare” , ragionevole buon senso : “l’Africa in italia non ci sta “, principio della meccanica quantistica , ossia dove c’è un corpo non ce ne può stare un altro , ossia che coazione a ripetere d’immigrazione forzata senza integrazione a principio elettivo meritorio , senza accoglienza idonea , parte la ghettizzazione ed il rancore per mal riposta concezione del bisogno che inverte il principio del diritto in funzione del dovere , o meglio dell’utile e , per deduzione , bisogna sfrattare qualcuno , cioè gli indigeni , gli indiani , cioè noi con camuffata sostituzione etnica come fine .
    In riequilibri amministrativi e politico territoriali , seppur con l’incidenza epocale delle trasmigrazioni climatiche , l’aspetto puramente emozionale e o spirituale dovrebbe investire un rapporto di visione sistemica avulsa dalla tirannide emergenziale sennò diviene a tutti gli effetti guerra , con vittime sacrificali e scempio ovunque ; chi può volere guerra desidera specularne cinicamente , ovvio !!!!!
    Nell’anno domini 2018 , in uno scenario globale dove appunto la metastasi degenere del disvalore e dello scempio alla vita è al trionfo del nichilismo e della tirannide da relativismo (denunciata dal Papa austriaco , oggi prigioniero ) , le reali convinzioni che scaturiscono dalla difficoltá di vivere e da superamento di problemi in abito da lavoro , sono l’unica cartina di tornasole che indica chiaramente cosa sia essere in salute mentale , in quello status psico fisico cioè d’equilibrio che sa intimizzare ragione , sentimento , e Libertá .
    Le convinzioni commisurate al grado di entusiasmo possono rendere liberi a condizione di non ritenersi perfetti , di prendersi un rischio al giorno , di coltivare il bene perseverando con metodo e capacitá empatica e di visione , insomma non mollare la ridondanza che tra le cose può rendere il tempo galantuomo e non tiranno com’è .
    Quando procuri parziale difficoltá ed impaccio al nemico che ti opprime , ( li metti nel sacco per esempio facendo una coalizione di governo Lega+M5s ) utilizzi per aprirti spazi di manovra che prima non avevi .
    Se per far questo ti chiami Salvini , ed hai svelato arcano e rendite di posizione , feticci e totem delle ideologie da quartieri alti , rivoluzionari al prosecco , è chiaro che dai fastidio tanto !
    È un piccolo segno di potenza che il popolo ti conferisce per far saltare catene oppressive ;
    orbene egregio Dottore , un appello accorato a Lei , persona di livello , esortazione alla critica dura ed impietosa ma di lignaggio ;
    quando a Papa Roncalli si avvicinava la serpe (giornalisti) che tendeva coinvolgerlo “politicamente” apriva l’animus della sua disarmante spiazzante purezza , (oggi santità) : “…lasciateci alle nostre messe , ai nostri altari….”;
    e ancora mi sovvien : “Maestro , sono giusti i tributi a Cesare “ ?
    “Rendete a Cesare ciò che non vi appartiene (euro) ….”
    Cari amici indipendentisti , ogni vento è sfavorevole per il marinaio che non conosce la rotta .
    Può pure accadere che il momento sia quello propizio e la traccia sia giusta ma non riconoscibile , forse anche poco presentabile .
    Le tentazioni sono tante ed i pericoli di conseguenza , può accadere di smarrire le coordinate ma ,
    forza e coraggio che amor non manca .

  2. Alessandro Guaschino says:

    Per quel che vale la mia opinione, Salvini ha fatto bene a non attendere ottobre per andare alle elezioni con il centrodestra unito. Centro destra unit vuol dire tirare dentro anche Berlusconi, il peggior nemico del Nord. Berlusconi, non dimentichiamolo, fu quello che stoppò la Lega del 1993, quella del cambiamento e della secessione. Se oggi, purtroppo, siamo ancora sotto occupazione italiana, in gran parte è colpa sua.
    Berlusconi è quello che vorrebbe tirare dentro ad un governo il Pd di Renzi, ma stiamo scherzando.
    Salvini deve solo attendere che la natura faccia il suo corso e Berlusconi sparisca dalle scene, nel frattempo ci penseranno gli elettori a far sparire Forza Italia (già il nome mi sta sui cosiddetti, Italia a casa mia è una parolaccia, italiano un insulto).

    • Stefania says:

      Se italiano è un insulto, prima gli italiani che cos’è?

    • RAFFAELE says:

      Ma se ieri era Berlusconi il nemico del nord Padano, oggi non ci si puo’ fidare neppure dello stesso Salvini, il contratto con il M5S docet.

    • caterina says:

      Berlusconi, Salvini, sono entrambi giocatori sul tavolo di Roma, delle istanze del Nord non gliene frega una mazza! lo usano come piedestallo personale… Dov’e’ il Grande Nord? insomma non ci si puo’ dimenticare di Cattaneo e Miglio e tifare per il Maradona nostrano senza linea e senza progetto! Occorre guardare lontano, confortati da altri che lo stanno gia’ facendo in giro per il mondo… anche vicino!

Leave a Comment