Bernardelli: Prima la burocrazia è il partito di Salvini, Renzi, Meloni e soci. 452 km di leggi di Gazzetta Ufficiale

burocrazia

di Roberto Bernardelli – Prima la burocrazia, chiamiamo le cose col loro vero nome. Nessun partito ha mai ingaggiato una vera e propria pulizia dell’apparato. Anzi, continuano a fare leggi per soffocarci. L’ufficio studi della Cgil di Mestre ha raccolto i dati e sono più che sorprendenti, direi aberranti, da denuncia contro i diritti umani del’Italia.

La burocrazia legislativa produce una montagna di carte: oltre 30.600 pagine all’anno. Infatti la Cgia  ha accertato che le 365 Gazzette Ufficiali pubblicate nel 2018 sono composte da ben 30.671 pagine. Se le avessimo stampate tutte, il peso raggiunto da questa montagna di carte sarebbe di 80 kg e se, ipoteticamente, le avessimo stese una dopo l’altra sulla strada, avremmo coperto una distanza di 452 km.

Come dire, partire da Milano e arrivare in centro Italia.

Supponendo di impiegare 5 minuti per leggere tutti i decreti, le leggi, le delibere, le ordinanze ministeriali e i relativi allegati occorrerebbero 319 giorni lavorativi. Un anno di tempo buttato via per soddisfare l’ingordigia di uno stato che centralizza e norma tutto, anche l’aria.
Le 276 G.U. pubblicate dall’1 gennaio 2019 fino a l’altro ieri, hanno poco più di un migliaio di pagine in più rispetto agli stessi intervalli di tempo degli ultimi 2 anni. Secondo l’analisi del The European House – Ambrosetti, la produttività legislativa in Italia non ha eguali nel resto d’Europa.

Ma la priorità del paese, per i partiti, non è alleggerire lo Stato. Anzi. E con questa catasta di cose inutili, pretendono di debellare l’evasione fiscale, rendere migliore la vita ai cittadini e sconfiggere la disoccupazione, aiutare le imprese e convincerete a restare in Italia.

E pii chiediamoci perché non ci danno la macroregione, perché hanno affossato il referendum sull’autonomia e sono tutti presi solo a tagliare parlamentari, indire un referendum per sapere se italiani sono d’accordo e pensare ad un altro referendum sulla legge elettorale. Io li manderei per 5 anni tutti ai lavori socialmente utili. Forse sarebbe la volta che imparerebbero a lavorare, questi politici inetti e fanfaroni che ingolfano la nostra vita con la loro fame di poltrone a vita.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. I parlamenti fanno leggi ed è giusto che, al presentarsi di in un problema, lo stesso venga risolto con leggi. Viceversa, quando un governo od un parlamento non fa decreti o leggi, direste che non sono bravi. La riforma di Renzi, poi, è stata una brillante operazione, non farla fare ed ancora la gente aspetta che si ritiri dalla politica definitivamente per fare, all’unisono, un enorme respiro di sollievo!!!! Comunque mi sembra una notizia alquanto sterile e Barbosa!

  2. I parlamenti fanno leggi ed è giusto che, al presentarsi di in un problema, lo stesso venga risolto con leggi. Viceversa, quando un governo od un parlamento non fa decreti o leggi, direste che non sono bravi. La riforma di Renzi, poi, è stata una brillante operazione, non farla fare ed ancora la gente aspetta che si ritiri dalla politica definitivamente per fare, all’unisono, un enorme respiro di sollievo!!!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Da immigrati il 9% del Pil. Fuga giovani italiani costa 16 miliardi

Articolo successivo

Amministrative, Orban perde Budapest e in metà di città al voto