Bernardelli: Milano Capitale. Questo è il progetto che ci interessa

BERNARDELLI ELEZIONIdi ROBERTO BERNARDELLI – Milano è la Capitale d’Italia. In senso lato lo è già a tutti gli effetti. E’ la capitale morale del Paese. Lo è nella moda, nel design, nel commercio, nella finanza. Il turismo cresce e la Città viene visitata come meta di piacere, come avviene per altre capitali europee, non solo più per affari o lavoro.

La Città è più bella e si è trasformata. Ma è un processo che è partito da lontano. Non certo dall’attuale Giunta che invece tanto aveva lottato in passato per bloccare il piano di trasformazione urbanistica. I grattacieli sono di Destra. Non di Sinistra.

Quello che invece doveva essere un punto importante del programma elettorale dell’attuale Sindaco, il l’attenzione alle periferie, è miseramente fallito. Oltre il Centro il nulla.

Via Padova, “laboratorio multiculturale” è un ghetto che Milano non merita. Salire sulla Filovia 90/91 regala il brivido di sentirsi in una favela sudamericana.“Il vento di Pisapia” è stata una tempesta che ha stravolto la Città.

Bisogna ricominciare da capo il lavoro iniziato dal centrodestra, allargando alle periferie la trasformazione urbanistica della Città. Questo vuol dire una Città ancora più bella e più sicurezza ai cittadini.

C’è bisogno di più attenzione alle fasce deboli e agli anziani che devono essere valorizzati e tornare ad essere punto di riferimento sociale. La crisi e le tasse locali stanno distruggendo le attività produttive. C’è bisogno di una spinta allo sviluppo del commercio e delle attività artigianali.

In centro poi, i residenti devono poter rientrare a casa senza pagare il dazio, assurdo, dell’Area C. Per fare tutto questo la Città ha bisogno di Leggi Speciali, come una Capitale, e di una Giunta diversa.

Abbiamo un sogno e per questo torniamo a Milano.

 

Roberto Bernardelli
Candidato Consiglio Comunale di Milano – Lista Lega Nord

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Castagno 12 says:

    Capitale di che cosa ? Di uno Stato che non c’è: l’italia non ha più la Sovranità Monetaria nè quella Legislativa (persa per libera scelta, mentre la Germania l’ha tenuta).
    In base alla logica, si dovrebbe puntare su Milano Capitale – ammesso che la cosa possa servire nel contesto italiano allo sfascio – almeno dopo essere usciti dalla dipendenza, dalla sottomissione all’Ue.
    Non avete ancora capito che l’Ue non intende concedere o autorizzare nulla che possa ostacolare la sua diabolica e perfida DITTATURA ?

Lascia un Commento