Bernardelli: Funerale per la Tav e… autonomia murata viva. Vade retro governo!

bernardelli

di ROBERTO BERNARDELLI – In una giornata due perle politiche. Catastrofiche. Non saprei da dove iniziare, serve un sorteggio. Provo a partire dalla Tav. L’Aula della Camera ha approvato la mozione di M5S e Lega sulla Tav. Il testo, passato a Montecitorio con 261 voti a favore, 136 contrari e due astenuti, ha impegnato il governo a “ridiscutere integralmente il progetto della linea Torino-Lione, nell’applicazione dell’accordo tra Italia e Francia”.

In altre parole, dopo aver salvato Salvini dal processo per la vicenda della nave Diciotti, i grillini sono passati all’incasso, chiedendo all’alleato di bloccare la Torino-Lione. Lo stallo con la recessione già in casa procede come regola. Una figura mondiale di incapacità, di ignoranza governativa, di inefficienza pubblica.

Ma come?! Non erano quelli scesi in piazza a Torino per il Sì alla Tav, quelli della Lega? Avevano detto che avrebbero fatto le infrastrutture… Salvini ora dice NO alla Tav. Ma non era l’azionista di maggioranza del governo?

Ma l’altro danno irreparabile è l’autonomia murata viva.  Dovevano farla in 15 minuti, poi in qualche giorno, poi in settimane mesi anni ere glaciali.
L’uscita ultima del ministro per gli affari regionali, selezionata ai massimi livelli del circondario di Salvini e della Lega rottamatrice del Nord, ha affermato che (fonte Ansa):

“Da luglio sto lavorando sull’autonomia e sembra che nessuno se ne sia accorto. Sono contenta che nasca una discussione dentro e fuori il Parlamento. Così ci si confronta.

I testi non ci sono perché l’intesa non c’è. Non c’è l’accordo, i nodi da sciogliere sono numerosi. I testi che stanno circolando sono spesso errati, ci sono bozze che tali sono. La parte ambientale della sanità non è definita, sui beni culturali non vi è l’accordo, sull’istruzione c’e’ molto da decidere. I testi ci saranno quando ci sarà un accordo”.

Avete letto? I testi non ci sono. Ma i ministri della Lega sono ministri o dei miracolati del Carroccio? Se non sono ancora arrivati a nulla di concreto, il ministro starebbe sbugiardando Zaia.

Ci manca solo che si metta a piangere come la Fornero. Questo governo è una cambiale per i cittadini. Andrebbe processato per sabotaggio!

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. FIL DE FER says:

    Siamo alle solite. Questi cialtroni di politici, tutti o quasi, dei referendum se ne fottono.
    L’autonomia PER MEGLIO ANNCQUARLA adesso la vogliono tutti. IMPOSSIBILE !
    Avevo ingenuamente scritto su Facebook sia a SALVINI che a DI MAIO che a CONTE che bisognava procedere una regione alla volta ed invece tre al colpo….poi la Liguria, Piemonte e adesso anche la Campania. Troppa carne al fuoco ed ecco il non risultato !!!!
    Le autonomie alle Regioni hanno un senso ed uno scopo se vengono fatte integralmente e con il residuo fiscale a disposizione della singola regione la quale ( per esempio il VENETO) è capace di usarlo e sfruttarlo con il massimo di risultati possibili essendo una Regione virtuosa.
    Con i miliardi del residuo si fa subito una flat tax, iva ridotta, contributi a fondo perduto su start-up, politiche per i giovani in cerca di lavoro, riduzione delle accise, facilitazioni contributive alle aziende etc..etc.. un vero scollamento dalla centralità romana obsoleta, mafiosa, corrotta, inefficiente, burocraticamente e fiscalmente asfissiante, Insomma in tre anni si potrebbe raddoppiare il PIL VENETO crisi o non crisi e basta con regole , regolette, leggi, leggine, UE, unità d’italia e vari altre schifezze. Ci vuole piena libertà di gestione regionale ed i risultati sono sicuri al 99,99%.
    Ma l’ottusità o la non voglia di mettere mano ad un sacco di cose blocca l’unica soluzione utile per salvare questo paese. E’ facile ormai prevedere che il DEFAULT è a portata di mano, basta prenderlo come stanno facendo i signori al Governo. Lo schifo italiota continua ed invece del governo del cambiamento lo chiamerei il governo del DEFAULT.
    Ignorano GRANDE NORD, e noi VENETI perché hanno una paura bestia.
    Senza Il LOMBARDO-VENETO l’italia è finita, morta e sepolta.
    Ma, le careghe contano più di ogni altra cosa e poi c’è il potere che da alla testa ed offusca le menti già abbastanza indaffarate a tenere in piedi questo governo.
    E..pensare che all’inizio ci speravo tanto che potesse cambiare ed intervenire come si doveva fare. Al contrario qui in italia chiunque vada al governo pensa solo ai voti e tutto il resto è solo fastidio.
    In 10 anni sono riusciti ad aumentare il debito pubblico di oltre 1.000 miliardi ed abbiamo pagato oltre 1.500 miliardi di interessi e multe della U.E…. ma dove pensano di portarci ? Forse all’ospedale a portarci via il sangue e magari farci morire? Noooooooo, ma la patrimoniale arriverà come arriveranno altre tasse. Come mai in Europa tutto costa meno che in Italia? Come mai in Europa le pensioni sono pochissimo tassate quando invece qui in italia te le tassano come reddito da lavoro???? Poi si meravigliano che in molti se ne vadano in Portogallo o alle isole Canarie. Ma a loro non gliene frega nulla perché se importasse loro avrebbero già messo mano alla FLAT TAX e all’autonomia del Veneto e poi Lombardia e poi tutte le altre ma in tempi differenziati come piace loro scrivere e dire. Ma quale differenziazione? Quella del tempo delle Calende Greche ? Lo schifo continua e bisogna punire questi due partiti alle prossime elezioni Europee, magari non andando a votare o votare nuovi soggetti politici e l’unico prezzo che devono pagare per la loro incapacità a governare un Paese. WSM

  2. caterina says:

    Lasciate perdere l’autonomia e puntate sull’indipendenza come noi Veneti abbiamo gia’ fatto nel 2014… Andatevi a leggere lo stato di fatto del percorso messo in moto da Plebiscito.eu dopo aver optato decisamante per l’unica soluzione che non si va a chiedere ma si realizza… coi tempi che ci vorranno…e intanto con iniziative che si sta attuando e non hanno bisogno di permessi da roma….

Reply to caterina Cancel Reply