Bernardelli, ecco l’eredità di Renzi: contratti in calo, crescono i licenziamenti. Diteci a cosa servono i corsi di formazione e i Centri per l’impiego!

LAVORO

 

di ROBERTO BERNARDELLI –  E’ proprio vero che i morti si contano alla fine della battaglia. Nel terzo trimestre del 2016 i rapporti di lavoro a tempo indeterminato attivati sono stati meno di quelli cessati con 406.691 assunzioni stabili (-18,7% sul terzo trimestre 2015) e 483.162 cessazioni di rapporti fissi(-3,2%). Lo si legge nel Report nel sito del ministero del Lavoro. Finita la droga per molte aziende degli sconti contributivi, le assunzioni a tempo indeterminato si sono fermate. Nel complesso i rapporti di lavoro attivati nel terzo trimestre sono stati 2,38 milioni mentre le cessazioni sono state 2,32 milioni. Che disastro.

Crescono i licenziamenti del 10,8% (+22.213) sullo stesso periodo del 2015. Oltre 10.000 licenziamenti fanno riferimento alla componente straniera. Il che significa che lavoro non ce n’è neppure per loro. La crisi c’è e si vede. Non può esistere ripresa se lo Stato non taglia drasticamente la tassazione sulle imprese, se il parassitismo pubblico e sindacale prosegue a mungere gli affari della formazione professionale pagata dalle regioni che non produce nuovi occupati ma denaro pubblico per chi non ricolloca i disoccupati. E’ l’eredità del governo Renzi e di quelli che lo hanno preceduto. Una mangiatoia sulla pelle di chi ha perso tutto.

Ci piacerebbe sapere a cosa servono i centri per l’impiego…

 

Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Nessuna novità, tutto previsto, tutto scontato.
    L’EREDITA’ DI RENZI è sulla stessa linea di ciò che ci hanno PUNTUALMENTE procurato i governi di chi lo ha preceduto.
    Quelli di sinistra, quelli di Berlusconi e quelli dei due “Bilderberg”, Mario Monti ed Enrico Letta.
    Nessun governo ha cambiato strada, tutti hanno DILIGENTEMENTE RISPETTATO il percorso voluto dal Governo Mondiale.
    Purtroppo gli Indipendentisti – lombardi o veneti non fa differenza – continuano ossessivamente ad elencare le malefatte della Sinistra, senza capire che queste denunce compulsive NON SERVONO A NIENTE.
    NON PORTANO RISULTATI.
    Ma non vi riesce proprio di indicare e di fare AZIONI UTILI ?
    Nell’attuale contesto – SIAMO NELLE MANI DELL’UE – qualsiasi cambiamento di governo, in italia, CONTINUERA’ A PORTARE, COME IN PASSATO, ALTRI DANNI.
    Ma per capire queste cose semplici, semplici, BASTA AVERE UN PO’ DI MEMORIA E GUARDARE IN FACCIA LA REALTA’.

    • Castagno 12 says:

      GRILLO non mi ha fatto una confidenza, ma ha dichiarato pubblicamente, più volte, che “L’ITALIA DEVE RESTARE NELL’UE”.
      SALVINI, parla tanto, promette sempre nuovi traguardi, ma, al pari di Marine Le Pen, NON PORTA A CASA NESSUN RISULTATO.
      D’altronde, QUALE GOVERNO POTREBBE SALVARE UN PAESE INGABBIATO NELL’UE, CHE E’ NELLE MANI DELLA COMMISSIONE EUROPEA E DELLA BCE ?
      La Commissione è antidemocratica perchè i suoi membri non sono stati eletti da nessun Paese, ma imposti dal Governo Mondiale.
      La BCE, BANCA CENTRALE DELL’UE, E’ PRIVATA
      SERVE ALTRO ?

Leave a Comment