Bernardelli: class action contro giornali e governatore Fontana per Nord in assetto da guerra

Una class action contro il panico, l’allarmismo, e la cattiva informazione messi in atto da troppi media e in particolare dal governatore della Lombardia, Attilio Fontana.
“Il Nord è in assetto da guerra. Le immagini dell’esercito a guardia delle zone rosse sono il biglietto da visita che offre il governo, la regione Lombardia e i quotidiani nazionali. Il danno procurato all’economia, all’immagine del nostro tessuto produttivo, al turismo, ai servizi, è incalcolabile – commenta Roberto Bernardelli, presidente di Grande Nord -. Anziché varare subito, come si fa in situazioni di emergenza, misure istantanee per sostenere le attività produttive, litigano sulle competenze della sanità. Le responsabilità dei media sono gravi, conclamate, evidenti. Ci fanno credere che siamo in piena pandemia, che tutti muoiono per coronavirus. Il Corriere della Sera pubblicando in particolare l’Esercito schierato a guardia dei varchi nel lodigiano, ha esportato nel mondo un Nord sotto assedio, in guerra civile. Quanto al governatore Fontana – prosegue Bernardelli – domenica nel corso della trasmissione di Lucia Annunziata ha affermato che Milano poteva diventare una seconda Wuan. Martedì in Consiglio regionale l’esatto contrario: non c’è emergenza. Intanto la Borsa sprofonda, le ditte chiudono, gli alberghi tirano giù la serranda. Chi governa forse non sa che le due province della zona rossa da sole fanno il 12% del Pil nazionale, il 2% del Pil europeo. Chiaro? E allora, che class action sia!”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Scottish National Party: visti scozzesi per le imprese che vogliono lavorare superando la Brexit

Articolo successivo

Fontana in autoisolamento. Lindipendenzanuova lo aveva predetto lunedì! Era stato nella zona rossa il 6 febbraio e non si era autodenunciato