/

Bernardelli: Che fine ha fatto il Nord anticanone Rai?

rai nn

di Roberto Bernardelli – Sono passati 22 anni da quando la Lega in piazza bruciò i libretti dell’abbonamento alla Rai. Fu l’apice di una protesta, a dire il vero mai portata fino in fondo, che tuttavia portò poi molti cittadini a dare disdetta per il sugellamento dell’apparecchio. Si mobilitarono decine di associazioni dei consumatori per indicare la via maestra della pratica, a dire il vero all’apparenza semplice, ma piena di piccole furbizie per non venirne fuori. Alla fine, però, tra raccomandate, fotocopie e bollettini, l’impresa risultò possibile a tanti.

Poi, il governo ha deciso che il metodo di riscossione cambia agente….: l’Enel piuttosto che Edison piuttosto che altri gestori dell’energia, visto che il canone è entrato in bolletta.

Commentava così Pierluigi Battista sul Corriere della Sera alla notizia del prelievo diretto: “Va bene, pagheremo quell’odioso balzello denominato «canone Rai» con la bolletta dell’elettricità. Ciò non toglie che saremo costretti a pagare una tassa iniqua e ingiustificata. Perché è un residuo di un’epoca finita, quella in cui non esisteva il telecomando, lo smartphone, il tablet, e non esisteva nemmeno il computer”.

Ma non solo: si parla di un’epoca in cui forse aveva ragione d’esistere il canone perché c’era un monopolio, e tutto era mono. Un solo tg, una sola radio, come essere “più o meno nel Medioevo”.

Poi il Corrierone la poneva su un altro piano: “Perché l’obbligo fiscale di un canone va contro il principio della libertà di scelta: pago il biglietto del cinema o di un concerto, se lo scelgo io; pago il prezzo di un giornale se lo scelgo io; pago una tv tematica non di Stato se la scelgo io; sono invece costretto a pagare la tassa per la Rai anche se non vedo programmi Rai, o li vedo in misura inferiore a quelli di altre emittenti televisive che non possono usufruire dei proventi di una tassa obbligatoria”.

Insomma, è concorrenza sleale. Perché è lo Stato che pretende di essere pagato. E perché confonde la missione di servizio pubblico con quello di esattore di una tassa dove non ci sono limiti alla pubblicità, come invece per la Bbc.  Poi, leggete bene: “Stabilisce un’arbitraria e ideologicamente polverosa equiparazione tra «pubblico» e «di Stato» (mentre molte trasmissioni di reti private fanno più «servizio pubblico» della Rai). Crea assuefazione all’idea che «servizio pubblico», che magari potrebbe limitarsi a una sola rete sottratta al mercato, debba dotarsi di un apparato elefantiaco, pletorico, terreno di caccia e di conquista dei partiti che continuano ad esserne i veri «editori»”.

Basta e avanza per ricordare che il referendum del 1996 sulla privatizzazione è lettera morta, perché altrimenti partiti e apparato come potrebbero avere le spalle coperte dall’informazione “pubblica”? Paghiamo tutti, certo, -scrive PG Battista – ma paghiamo una cosa ingiusta”. E adesso, la politica che fa, tace?

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. In un mondo dell’ informazione a trecentosessanta gradi dove tutto si viene a sapere senza spendere un quattrino se non eventualmente il costo di un televisore, come si puo’ accettare che lo stato cerchi di monopolizzarne l’uso imponendoci un canone e strapagando produzioni di intrattenimento voluttuario giusto per sostenere carrozzoni di amici… e’ semplicemente scandaloso!… e nessuno dei poltronari del parlamento che sollevi la questione… Il partito che se ne faracesse carico solo con questa iniziativa vincerebbe le prossime elezioni!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Qualità della vita: 5 Italie, altro che una e indivisibile

Articolo successivo

Come mai Lombardia e Veneto rifiutano di costituirsi in macroregione?