Bernardelli a Milano, per Roma “delenda”

bernardelli comunedi MARIO DI MAIO – La candidatura di Bernardelli nella lista della Lega Nord a Milano come indipendente e indipendentista assume un significato che va al di là delle note qualità della persona. Anzitutto rassicura gli indipendentisti dentro e al di fuori del partito che l’avvicendarsi delle persone e delle strategie nel corso degli anni non modifica nella sostanza il progetto di fondo del movimento. In seconda battuta sottolinea ancora una volta che Roma va conquistata perché “delenda”e non per averne il sindaco anche a costo di fare accordi con i rottami più sgangherati del defunto polo “del buon governo “. Un messaggio anche per gli indipendentisti veneti : non si superano gli ostacoli fondando un nuovo partito ogni due per tre, ma credendoci e ricompattandosi insieme, provandole tutte, perché la resistenza, quella vera, quella al centralismo omologante italiano ed europeo lo richiede nei fatti.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. marco says:

    “non si superano gli ostacoli fondando un nuovo partito”. Giusto ben detto. meglio candidarsi con un partito nazionalista che dell’indipendentismo non interessa un fico secco. Dai, qualche poltrona però ci scappa.

    • Paolo says:

      Marco. Una poltrona é poco, ma nessuna é niente. Il popolo solo, può ottenere quello che vuole e non le poltrone date a Tizio o a Caio!

Leave a Comment