Berlusconi si candida, niente primarie. Governo Monti in bilico

di REDAZIONE

Il Pdl esce dalla maggioranza e minaccia di far cadere il governo di Mario Monti. L’uscita avviene con l’annuncio diMaurizio Gasparri al Senato: il Pdl, ha detto, non voterà la fiducia al decreto sviluppo, che infatti passa a palazzo Madama senza i voti del partito di Silvio Berlusconi, sempre più tentato di staccare la spina. In seguito il Pdl ha tenuto la stessa linea alla Camera, dove il capogruppo Fabrizio Cicchitto ha annunciato: «Sulla base di una valutazione politica generale che va al di là del merito del provvedimento riguardante i costi della politica negli enti locali, abbiamo deciso di astenerci oggi pomeriggio sul voto di fiducia per marcare la nostra posizione fortemente critica sulla sua politica economica». Sul caso interviene il Capo dello Stato Giorgio Napolitano: «La tenuta istituzionale non è a rischio. Evitare una convulsa conclusione della legislatura lasciando andare a picco quello che non deve andare a picco». Ma Silvio Berlusconi sarebbe pronto a intervenire in Aula alla prima occasione utile per annunciare l’addio a Mario Monti e ufficializzare la sua ridiscesa in campo. Lo conferma lo stesso Alfano, che domani alle 10,30 si recherà dal Capo dello Stato: «Anche oggi Berlusconi mi ha espresso la volontà di tornare in campo da protagonista. È lui il detentore del titolo», spioega. E aggiunge: con la sua discesa in campo le primarie non si fanno: «Erano per la successione ma essendoci lui in campo non ha senso farle».

Senato: sì senza i voti Pdl. Il Senato ha approvato il decreto sullo sviluppo sul quale il governo aveva posto la fiducia. I voti a favore sono stati 127, i contrari 17, gli astenuti 23. Assenti i senatori del Pdl. Il provvedimento passa ora alla Camera. Confermata anche la fiducia alla Camera sul dl sui costi della politica nelle regioni con 281 sì, 77 no e 140 astenuti. Frattini e altri tre esponenti del Pdl si sono smarcati dal partito e hanno votato sì.

Napolitano. Il presidente della Repubblica ha chiesto alle forze politiche anche una valutazione «obiettiva e serena» sui «tempi necessari e opportuni per una proficua preparazione del confronto elettorale». Giorgio Napolitano ha aggiunto di riservarsi «di compiere nelle prossime ore i conseguenti utili accertamenti». «Sappiamo che l’imminente conclusione della legislatura e quindi l’avvicinarsi delle elezioni per il Parlamento stanno suscitando crescenti tensioni tra le forze politiche, da oltre un anno impegnate nel sostenere un governo cui non partecipassero esponenti dei partiti», ha detto il presidente Napolitano parlando al Consiglio dell’Anci. «Ci sono tensioni politiche pre-elettorali che anche fuori d’Italia possono essere comprese senza suscitare allarmi sulla tenuta istituzionale del nostro Paese. Questa tenuta è fuori questione. Ho il dovere di riaffermarlo pubblicamente e – ha aggiunto – mi sento in grado di farlo». «Occorre una considerazione – ha aggiunto – quanto più obiettiva e serena possibile, del residuo programma di attività previsto nelle due Camere, delle scadenze istituzionali, anche nel senso di adempimenti normativi, che si concordi nel ritenere inderogabili».

«Monti non è responsabile di tutto». «L’ho detto a Monti, stanno venendo al pettine nodi antichi e distorsioni e questo governo non può sentirsi carico di responsabilità per quanto sta accadendo o di tutti i problemi che stanno esplodendo. Naturalmente, ha aggiunto il capo dello Stato parlando in Campidoglio, c’è nel governo un «senso di responsabilità» ma era ed è «indubbio che non avrebbe potuto riuscire a portare oltre un certo limite l’opera di riforma e di risanamento», ha sottolineato Napolitano. Le forze politiche, pur nella durezza del contraddittorio, devono avere «consapevolezza del limite oltre il quale non si deve spingere la loro discordia», ha aggiunto citando un articolo di Benedetto Croce del primo dopoguerra. «Dobbiamo assolutamente evitare che in questa fase di convulsione politica si oscurino i risultati raggiunti», perchè abbassare lo spread «è stato un grosso risultato e non bisogna bruciare la fiducia».

La Russa. Getta acqua sul fuoco La Russa: «Oggi non c’è la fiducia, ma la maggioranza c’è ancora. Non saremo noi a mettere in ginocchio il governo. C’è la legge di stabilità da fare. Noi oggi – aggiunge – abbiamo lanciato un segnale, ma non faremo finire in anticipo la legislatura, questa decisione spetta al presidente della Repubblica e a Monti».

«Il Pdl ha trasferito la confusione dentro di sé ad una confusione di sistema e questo rischia di tradursi in non affidabilità per il Paese». Così il leader Pd Pier Luigi Bersani dopo la mancata partecipazione al voto del Pdl in Senato. Per il Pd «non si è ancora in campagna elettorale», ha aggiunto Bersani. «Bisogna capire se si è trattato di una astensione su un voto o di una astensione politica. Farò il punto della situazione con i capigruppo e staserà si capirà,in un un modo o nell’altro, se la maggioranza c’è. Per noi prima viene l’Italia e la lealtà a Monti» ha continuato Bersani.

Casini: «Siamo all’irresponsabilità allo stato puro». Così il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, commenta la decisione del Pdl di non partecipare al voto sul dl sviluppo. «Qualcuno vuole portare il Paese nel baratro, ci vuole riportare alla follia di dove eravamo» continua Casini che aggiunge: «così è tornato Berlusconi. Mi auguro che dai colleghi del Pdl ci sia qualche sussulto di dignità: chiediamo a quei moderati, eletti nelle file del Pdl, di farsi sentire» aggiunge Casini.

Il Pd: Monti vada al Quirinale. «Quanto è successo è un fatto politico del quale non possiamo che aspettarci una soluzione da parte del presidente della Repubblica», ha detto nell’Aula del Senato la capogruppo del Pd Anna Finocchiaro. «Quando un momento di crisi si manifesta con tanta crudezza e acutezza – sostiene – solo nelle mani del presidente della Repubblica può essere rimessa la questione. Monti deve consigliarsi con chi in questi anni è stato il primo garante delle Istituzioni italiane e della affidabilità e della credibilità dei governi del Paese».

Monti: attendo le valutazioni di Napolitano. «Sono stato e sono in contatto con il presidente della Repubblica e attendo di conoscere le sue valutazioni sulla base in particolare del preannunciato passo del segretario del Pdl». Così il premier Mario Monti in conferenza stampa a palazzo Chigi. «Non trovo particolarmente interessante, né utile soprattutto se fatto da me, l’esercizio di attribuire meriti o responsabilità» circa l’andamento del differenziale fra titoli italiani e tedeschi, ha aggiunto. «Non credo che io sia il miglior destinatario di una domanda su quanto conterà lo spread in campagna elettorale», ha aggiunto Monti, sottolineando comunque di guardare con «attenzione» allo spread.Il governo ha «lavorato sodo non solo in Italia» per mettere il nostro paese «in sicurezza e per evitare che dall’Italia si propagassero nuovi incendi all’Eurozona». Lo ha detto il premier Monti in un intervento video al congresso Pde a Bruxelles, aggiungendo di pensare «che in buona misura ci siamo riusciti».

«Il contributo che l’Italia ha cercato di dare, e credo di poter dire ha dato, all’avanzamento positivo della costruzione europea – ha detto Monti – è stato quello di cercare di metterci a lavorare molto sodo non solo in Italia per adeguarci a tutti i criteri in particolare a quelli richiesti dall’eurozona per mettere l’Italia in posizione di sicurezza e per evitare che dall’Italia si propagassero nuovi incendi all’Eurozona. E penso che in buona misura ci siamo riusciti».

Alfano. «Noi non abbiamo fatto precipitare i fatti: se lo avessimo voluto avremmo dato oggi la sfiducia al governo. Invece abbiamo fatto una scelta di responsabilità dando un segnale chiaro al governo. Siamo fortemente preoccupati per la situazione economica del Paese. Questo governo era nato tredici mesi fa per un gesto di responsabilità di Berlusconi, dopo tredici mesi le cose vanno peggio e quindi abbiamo preso la decisione di assumere un bilancio definitivo di questa esperienza», ha detto il segretario del Pdl Angelino Alfano.

«Il Pdl non parteciperà al voto pur garantendo il numero legale», era stato l’annuncio del capogruppo al Senato Maurizio Gasparri intervenendo in Aula in vista del voto di fiducia al dl sviluppo. La scelta da parte del Pdl di non partecipare al voto sulla fiducia al decreto legge vuol esprimere, ha spiegato Gasparri, il «passaggio a una posizione di astensione del nostro gruppo nei confronti del governo».

Frattini si smarca. Giuliano Cazzola, Franco Frattini, Gennaro Malgieri e Alfredo Mantovano sono intervenuti in Aula alla Camera in dissenso dal proprio gruppo e annunciando il proprio voto favorevole alla fiducia sul decreto sui costi politica. Per il Pdl Fabrizio Cicchitto aveva annunciato l’astensione.

«Se il partito che da un punto di vista parlamentare ha ancora la maggiore consistenza passa all’astensione vuol dire che questo governo non ha più la fiducia delle Aule parlamentari», aveva commentato subito dopo Finocchiaro. «Se un governo non ha più la maggioranza» a causa della scelta del Pdl di passare a una scelta di astensione «credo che Monti dovrebbe recarsi al Quirinale», aveva aggiunto Finocchiaro.

«È un fatto non indifferente, informerò il presidente della Repubblica». Lo dice il presidente del Senato, Renato Schifani, nel chiudere i lavori dell’Aula fino a martedì prossimo, assicurando che per parte sua «non si sottrarrà sul da farsi» e informerà i senatori. «Condivido pienamente le considerazioni del Capo dello Stato sul fatto che c’è un limite alla discordia. Siamo in pre-campagna elettorale e purtroppo non vi è dubbio che, in questo momento, le fibrillazioni diventano eccitazioni.

Il rientro in politica di Berlusconi intanto fa discutere il mondo politico.Il ministro dello Sviluppo Corrado Passera ha dichiaratro: «Tutto ciò che può solo fare immaginare al resto del mondo, ai nostri partner, che si torna indietro, non è un bene per l’Italia. Dobbiamo dare la sensazione che il Paese va avanti». Protesta del Pdl, che ne ha chiesto subito le dimissioni.

Maroni. «Il governo Monti non ha più la maggioranza al Senato: dimissioni subito». Lo chiede il segretario della Lega Roberto Maroni, in un post su Facebook. «Forza Cav, forza Alfano, fuori gli attributi! A casa Monti, ridiamo la parola alla democrazia e al Popolo sovrano», aggiunge poi il segretario della Lega in un tweet. «È ora, Monti deve sparire dalla faccia della terra», è stato il commento di Umberto Bossi ai cronisti che gli chiedevano se il premier Mario Monti debba o meno dimettersi.

Risale lo spread, Borsa giù. In deciso rialzo lo spread tra il Btp e il Bund tedesco dopo che il Pdl ha detto che non parteciperà al voto di fiducia al decreto sviluppo. La forbice tra i due titoli ha chiuso in risalita a 327 punti base, contro i 310 di ieri. Piazza Affari ha accusato il nervosismo della situazione politica ed è l’unico listino europeo a chiudere in ribasso con l’indice Ftse Mib che ha perso lo 0,75% a 15.835 punti. Milano è la peggiore ma, dopo cali di oltre il punto e mezzo percentuale, ha saputo contenere le perdite in coincidenza con l’intervento del Quirinale.

Fonte originale: www.ilmessaggero.it

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Naruto says:

    EVVIVA! Così i SOCIALISTI celati da liberali del pdl potranno finalmente festeggiare.
    C’è solo una grande verità oggi in Italia: IL PAESE è FINITO!!!

  2. Liberovici says:

    Oneto affianchi Maroni. Salvini coordinatore federale. Marchi direttore unico comunicazione e media (in caso vittoria ministro comunicazione) e allora si ragiona!

  3. Ferruccio says:

    “Forza Cav. Forza Alfano”

    Fate vedere i vostri Maroni……….

    Ripeto la Lega alle elezioni andrà da sola….

Leave a Comment