Berlusconi coi malati di Alzheimer, ha perso pure lui la memoria?

di TONTOLO

Nonostante non gli sia permesso fare comizi, il quasi ottantenne fondatore di Forza Italia spunta da ogni angolo di televisore. Ieri, è tornato con il vecchio ritornello sulle tasse: “Renzi cosa fa? Aumenta le tasse sulla casa e sui risparmi delle famiglie, ed esclude artigiani e piccole e medie imprese dalla sua politica economica”. Così Silvio Berlusconi al Tg5. “Noi rilanciamo la nostra ricetta per lo sviluppo dell’economia: detassazione totale delle nuove assunzioni, zero tasse e contributi per chi assume giovani, disoccupati, cassintegrati. Solo così si creeranno davvero nuovi posti di lavoro nell’interesse di tutti noi”, ha concluso il leader di Fi.

Ora, capisco l’età dell’uomo e anche il fatto che sia lui il primo a credere alle stupidate che racconta, ma io sono Tontolo, non tontolon e so bene quante sono le gabelle che ho visto aumentate e introdotte per colpa sua, anche quando appoggiava i governi Monti e Letta. Ma mi viene un dubbio: non sarà che da quando frequenta i malati di Alzheimer di Cesano Boscone abbia perso anche lui la memoria?

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. lucia says:

    esco anch’io un po dall’argomento per solidarizzare con Ugo.Al di là de caso Berlusconi,che è eclatante io mi domando con quale criterio si assegnano alla assistenza a questi fragilissimi malati delle persone che hanno l’unico requisito di dover assolvere ad un servizio sociale, invece che restare in carcere.Ma perché non li mettano a pulire le pentole o a lavorare nelle cucine,in giardino o a fare pulizia .Ma perché un malato deve essere assistito da queste persone che,per quanto volenterose e brave,come minimo rendono un servizio parziale,Ma i malati sono uno strumento per la rieducazione di qualcuno?E i loro diritti?Che tristezza.E questo è responsabilità del giudice che decide che mandare una persona a “servire” un malato sia una forma di punizione,una sorta di umiliazione il pulire queste persone e non tiene conto della dignità del malato che ha il diritto ad essere assistito da gente che lo fa perché lo vuole fare e ne è convinto e non perché è obbligato.Poi magari sia Berlusconi che tutti gli altri saranno bravissimi ma resta il fatto che questa scelta rieducativa è …vergognosa perché fatta sulla pelle e sulla dignità delle persone.

  2. ugo says:

    intervengo uscendo un po’ dall ‘argomento politico per parlare dell ‘aspetto alzheimer. IN famiglia noi abbiamo due malati di questa tremenda malattia ,li assistiamo a casa.,oramai da più di dieci anni.Solo chi prova può capire quanta pazienza ,amore ,dedizione ,tempo,denaro.. possa servire nel percorso che accompagna questi malati.POCHE ore insieme non significano niente,poi uno torna a casa sua e tutto cambia .facciamo un mesetto continuativo giorno e notte poi ne parliamo.ATTENZIONE però non solo a berlusconi ,ma rivolto a tutti quelli che parlano e decidono senza aver mai provato nulla che ti faccia pensare e ti aiuti a prendere la decisione giusta quando è il momento. Scusatemi lo sfogo e se ho usato questo spazio per parlare di me ,mi sentivo toccato sul vivo ,. di nuovo e auguri a tutti voi

  3. braveheart says:

    BRAVO TONTOLO …DILLO A QUELLI DELLA LEGGGA NODDE OVVERO CASTA DI VIA BELLERIO…..QUANTE BUGIE HA RACCONTATO BERLUSKAISER INSIEME A LORO IN VENTANNI DI GOVERNI DI CENTRODESTRA….COME LI CHIAMANO LORO…
    SPIEGALO ANCHE Lì ALLA TUA REDAZIONE….A QUELLI CHE LO DIFENDONO……BRACALINI E ALTRI…

  4. Andrea says:

    Non essere cattivo. Sappiamo tutti da che razza di istituzioni Berlusconi è messo in questa umile e vergognosa situazione. Vedrai, un giorno (no, tre-quattro giorni) verranno fuori tante cose. Non ne ho idea alcuna, ma un piccolo angeletto mi dice così a l’orecchio…!
    La magistratura italiana è troppo forte, non sarà lei a rompersi, ma l’Italia. E poi ciascuno riscriverà la Storia.

Leave a Comment