ARRIVANO I SAVOIA: “PORCA ITALIA, ANDEMO VIA”!

di ETTORE BEGGIATO*

Il Veneto fu annesso all’Italia il 21-22 ottobre 1866 dopo un plebiscito-truffa scandaloso.

La prima conseguenza dell’arrivo dei “liberatori” italiani nel Veneto fu …la partenza dei veneti dal Veneto. I Savoja nella nostra Terra si propongono come i continuatori dell’infame rapinatore chiamato Napoleone….Una pesantissima coscrizione militare obbligatoria (attraverso la quale si sottraggono alla nostra agricoltura migliaia e migliaia di possenti braccia), la riproposizione dell’odiosa tassa sul macinato, una vera e propria tassa sulla fame, proprio come quella imposta da Napoleone ai primi dell’ottocento, e poi tasse sul sale, sul caffè, sullo zucchero, sul petrolio, tasse giudiziarie e via discorrendo.

C’è chi protesta, con una buona dose di ironia: “Co le teste dei taliani zogaremo le borele (bocce) e Vitorio Manuele metaremo par balin”, e chi, costretto dalla fame e dalla disperazione che flagella il nostro popolo come mai nella nostra storia, emigra. Interi paesi partono alla ricerca della “Merica”, soprattutto nell’America Latina e in particolare nel Brasile meridionale, ricreando un altro Veneto al di là dell’Oceano (Nova Bassano, Nova Vicenza, Nova Padua ecc.), un Veneto che dopo diverse generazioni conserva tenacemente la propria cultura, le proprie tradizioni, la propria lingua.

Emblematica la tabella che ripropongo, tratta dal volume di Ercole Sori “L’emigrazione italiana dall’unità alla seconda guerra mondiale”, Il Mulino, 1979:

ESPATRI MEDI ANNUI PER 1000 ABITANTI NELLE REGIONI ITALIANE

 

E la rabbia dei Veneti viene mirabilmente descritta in una splendida poesia del grande poeta veronese Berto Barbarani che descrive in maniera mirabile la drammatica situazione delle nostre campagne. La riportiamo di seguito.

I VA IN MERICA

Fulminadi da un fraco de tempesta,

l’erba dei prè par ’na metà passìa,

brusà le vigne da la malatia

che no lassa i vilani mai de pèsta;

ipotecado tuto quel che resta,

col forrnento che val ’na carestia,

ogni paese el g ’a la so angonia

e le fameie un pelagroso a testa!

Crepà la vaca che dasea el formaio,

morta la dona a partorir’na fiola,

protestà le cambiale dal notaio,

una festa, seradi a l’ostaria,

co un gran pugno batù sora la tola:

“Porca Italia” i bastiema: “andemo via!”

E i se conta in fra tuti. – In quanti sio?

Apena diese, che pol far strapasso;

el resto done co i putini in brasso,

el resto, veci e puteleti a drio.

Ma a star qua, no se magna no, par dio,

bisognarà pur farlo sto gran passo,

se l’inverno el ne capita col giasso,

pori nualltri, el ghe ne fa un desìo!

Drento l’Otobre, carghi de fagoti,

dopo aver dito mal de tuti i siori,

dopo aver fusilà tri quatro goti;

co la testa sbarlota imbriagada,

i se da du struconi in tra de lori,

e tontonando i ciapa su la strada!

*Già assessore regionale ai rapporti coi Veneti nel mondo

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

13 Comments

  1. Rickard says:

    Cacciamo dall’Italia questi mangiatori di granoturco bollito!

  2. luigi bandiera says:

    La talia ga fato pexo del mato de Adolfo.
    Dolfo doparava i forni, ea talia dopara da 150 anni ea KST o scuoea soa.

    Deso podopo, i vari trikoglionii daea KST punto i se mostra veri RAXISTI E TRADITORI se venethi.

    Basta sgrafar in venetho e i te da karne… kome a dir che semo soto dominio e no podemo pi’ esar libari.

    STRONZI come se scrive in taliban..??

    No, voevo saverlo…

    Ah, i me dixe che se sgrafa GAEJANTI.

    Ma quanto inparai xei mo sti studiai trikojonii..??

    Altro che bruxar un libro soeo…

    Libri e autori insieme… xe che ghe saria na spusa..?

    Beh, i komunisti xe fati kusi’… i bruxava i preti ori… e quante teste tajae.

    Sani…

  3. Luiz says:

    Egregi Signori,

    Vorrei sottolineare che:
    Anche se il Sud è stato un pioniere in materia di immigrazione italiana fu la Regione Sud Est che ha ricevuto il maggior numero di immigrati. Questo è il processo di espansione delle piantagioni di caffè a Sao Paulo (e, in misura minore, anche in Minas Gerais). Con la fine del commercio degli schiavi e il successo della colonizzazione italiana nel Sud, il governo Paulista incoraggia gli immigrati italiani diretti a piantagioni di caffè. L’immigrazione sovvenzionata degli italiani ha avuto inizio nel 1880. Anche i proprietari di piantagioni di caffè trattati per attirare immigrati italiani alle loro proprietà. I proprietari terrieri pagato viaggi e immigrazione ha da proporre per lavorare nelle fattorie di rimborsare il prezzo pagato.
    Lo stato di São Paulo rappresentava la maggioranza degli immigrati italiani che sono venuti in Brasile. Questo stato era l’obiettivo del 44% dell’immigrazione italiana in Brasile tra gli anni 1820 e 1888, il 67% tra il 1889 e il 1919, ponendo l’accento tra il 1900 e il 1909, quando ha attirato il 79%. Il peso demografico dello Stato italiano fu enorme: nel 1934, gli italiani ei loro figli rappresentano il 50% della popolazione di Sao Paulo.

    Luiz Bacchiega
    pronipote di immigrati veneti (Bergantino-Rovigo) che è arrivato a Sao Paulo nel 1888.

  4. ferdinando says:

    Questo xe sta l’esodo de qualche milion de Veneti, scampai par colpa de quei delinquenti dei savoia: noialtri Veneti no semo mai stai taliani, me domando come mai i Lombardi i Piemontesi par sta qua al nord, no i xè scampai come noialtri in giro par el Brasil, Argentina, Messico? I savoia i lo saveva che i Veneti i li gaveva sconfiti a Lissa, la Marina Austro-Veneta co omini de fero su barche de legno i gaveva sconfito barche de fero co omini de legno. Questo odio dei savoja nei nostri confronti i ga voesto farnea pagar faxendone scampar metendo na tassa sul macinato. E la prima guera mondiae dove xea stada fata? Sempre qua in Veneto, tera bona soeo da bombardar; e tutora semo soeo soportadi, se non consideradi soeo dei mussi solo boni par lavorar. Difati gavemo dimostrà al mondo intiero quanto noialtri Veneti valemo. Par questo el Veneto no pol essar italia, dovemo tornar prima o dopo indipendenti o comunque fortemente autonomi come l’alto adige….

    • Gianni says:

      Ma parla in italiano gnurant!!!!!

      • Trasea Peto says:

        Ferdinando conose sia l’italian ke el veneto, te sì ti ke te ignori el veneto…gnurant!!!!

        Seita parlar e scrivere veneto Ferdinando ke senò I vién dirne ke semo so fradèi….

        Gianni, nialtri semo veneti, te dà fastidio?

      • Eruanten says:

        Ignorante è lei che non conosce la lingua veneta.

      • orazio says:

        queli come te GIANNI sono i nostri peggiori ostacoli , gente insolente e senza vergogna. Molto triste di averti letto. Complimenti Ferdinando continua a scrivere in lingua veneta

        • floriano says:

          CARO ORAZIO LA STORIA SI RIPETE COME 146ANNI FA’,
          CON IL PASSARE DEL TEMPO RIUSCIRONO A METTERCI UNO CONTRO L’ALTRO TANTO E’ VERO CHE L’ITAGLIANO IGNORANTE MEDIO IL GIANNI E’ FIERO DI ESSERE STATO IMBASTARDATO!!!

          W LA LINGUA VENETA
          W L’INDIPENDENZA
          W SAN MARCO

  5. Ivan says:

    “Co San Marco comandava
    se disnava e se senava;
    soto Franza, brava gente,
    se disnava solamente;
    soto casa de Lorena
    no se disna e no se sena;
    soto casa de Savoia
    de magnar te ga voja!”
    Migranti veneti in fuga dalla neo-italia unita, 1870

  6. Davide says:

    Segnalo anche questo interessante VIDEO:

    1866: PLEBISCITO TRUFFA – Veneto e Italia

    http://www.youtube.com/watch?v=dlDbeFQCM94

  7. Eruanten says:

    Dal sito di Raixe venete (radici venete):

    guardate la prima parte!I venetobrasiliani che ricordano l’arrivo in America tanti tanti anni fa:

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=03FQL4DCfdw

  8. Eruanten says:

    Commovente!

Leave a Comment