B&B ANDATE IN PENSIONE, ORMAI SIETE IL PASSATO

di GIANLUCA MARCHI

B & B, c’eravamo tanto amati! Adesso ci vogliamo ancora tanto bene, ma le cose son cambiate e abbiamo serie difficoltà a controllare le nostre creature politiche. Forse sarebbe il momento, dopo anni di scambi di favori di ogni genere e di tradizionali cene ad Arcore, con o senza codazzo di serventi, di farci da parte, di andare in pensione, e lasciare campo libero a ciò che deve essere.

Oddio sto sognando: Bossi e Berlusconi che vanno in pensione, che si tolgono dai… maroni. Se proprio vogliono fare i padri nobili che lo facessero, ma la in una bacheca belli e mummificati, politicamente parlando si intende.

Il pressante ma già in parte tacitato susseguirsi di “aut aut” a Berlusconi da parte di Bossi e la reiterata minaccia di far cadere la Giunta regionale lombarda (già inguaiata da infortuni giudiziari) se il PdL non staccherà la spina al Governo Monti, non è tanto la ripicca tra vecchi conniventi ora formalmente su fronti opposti, ma nasconde ben altre ragioni. Bossi sta scoprendo, giorno dopo giorno, di non essere più riconosciuto, da larga parte dei militanti, come il capo assoluto della Lega, e di dover fare i conti con Maroni e i barbari sognanti. Alcuni episodi hanno scosso le sue certezze, facendogli comprendere che la Lega gli sta sfuggendo di mano: si è cominciato con le contestazioni al congresso di Varese per arrivare alla bordata di fischi ricevuta in piazza del Duomo, senza dimenticare di aver dovuto imporre a Reguzzoni (affiliato al cerchio magico-malefico) di cedere ad un mezzo-maroniano la poltrona di capogruppo alla Camera, di aver subito ritiro della mozione di sfiducia al Ministro Passera perché non condivisa da Maroni.  Senza tralasciare la determinazione di Flavio Tosi, sindaco di Verona, di correre da solo alle prossime amministrative, magari affiancato da una lista col suo nome, sfidando in questo modo il diktat del bossiano Gobbo. Ma non dimenticando, sullo sfondo, il rospo più grosso che il Senatur ha dovuto ingoiare: rimangiarsi in meno di 24 ore, complice la reazione delle sezioni e dei militanti, l’assurdo divieto imposto a Maroni di non parlare pubblicamente in tutta la Lombardia.

La paura, quasi ossessiva, di perdere il controllo della Lega che tormenta Bossi si propaga anche ai componenti il il cerchio magico/malefico i quali, nel malcelato tentativo di fare la conta dei bossiani, hanno messa in atto persino una patetica e ridicola iniziativa di invitare i militanti a scrivere una mail a Bossi.

Magari ci sbagliamo, ma l’impressione è che Bossi e i cerchisti si siano convinti, ormai, che la Lega non durerà così com’è fino alla scadenza elettorale del 2013, per cui vedo come unica via di scampo quella di prendere in contropiede i maroniani cercando di anticipare il più possibile la tornata elettorale.

Per contro, l’amico Silvio Berlusconi è avvisato dai “suoi” sondaggisti che il PdL è precipitato ai minimi storici nel consenso elettorale proprio mentre la fiducia nel Governo Monti è in ascesa; sa anche che un’alleanza con Maroni sarebbe molto difficile se non impossibile. Inoltre il Cav  è consapevole che staccare la spina, in questo momento, al Governo Monti significherebbe far piombare il Paese nel rischio concreto di default, cosa che l’elettorato moderato non gli perdonerebbe.

Silviuccio da Arcore è poi ancora una volta assillato dai processi, sta disperatamente e scompostamente agitandosi, coi suoi avvocati, per evitare che il dibattimento Mills si concluda con una condanna anche se a poche ore dalla caduta in prescrizione del reato. I suoi ascari, Verdini in testa, avevano pensato di organizzare l’ennesima oceanica manifestazione contro i giudici sabato a Milano. Poi devono aver capito che forse tanto oceanica non sarebbe stata, perché anche i fans azzurri cominciano ad averne le scatole piene di queste pagliacciate a comando, e ci hanno ripensato. L’oceano è tornato dentro la bottiglia, anche se Verdini ha parlato di un Berlusconi commosso per la dimostrazione di grande calore ricevuta dai suoi sostenitori. Un calore così rovente che rischiava di scioglierli i capelli tarocchi.

Senza dimenticare che su Berlusconi e Bossi pende anche la spada di Damocle di un’eventuale riforma elettorale che toglierebbe loro la possibilità di attuare le “purghe” nei rispettivi partiti.

.Il quadro è assai complesso per entrambi. Rischiano di uscire da questa stagione ammaccati se non perdenti. Bossi ha 70 anni e i non pochi acciacchi che conosciamo, Berlusconi 75 e una montagna di quattrini da godersi: è giusto che si riposino dopo tante fatiche, e che la smettano di pensare a meschini interessi di bottega. Andate in pensione: ormai siete il passato, lasciate che la politica torni a correre verso nuove mete, qualunque esse siano e non drammatizzate il vostro declino, già abbastanza triste. In molti ve ne saranno riconoscenti!

PS. I nostri nettori dicano la loro rispondendo al sondaggio che trovano nella colonna di destra della home page.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

15 Comments

  1. heimat1591996 says:

    Sto seguendo, da poche ore, questa nuova iniziativa.
    Molto interessante, e poi ci sono persone che conosco e stimo da tempo.
    Però mi permetto una critica: non date spazio agli invidiosi che, perchè non sono riusciti a trovare un posto da qualche parte, sparano a zero su chi lo ha avuto. L’invidia è una brutta malattia, e generalmente colpisce i morti di fame.
    In merito all’articolo, condivido appieno. Quei due, in buona o mala fede, hanno fatto il loro tempo, e quindi sarebbe opportuno che vadano in riviera ad aspettare che il loro destino, serenamente, si compia. Evitino di lasciare un ricordo peggiore di quello che già lasceranno, ma sopratutto, evitino di lasciare eredi che possono solo infangare il loro ricordo.
    Guardiamo avanti e lavoriamo per la vera indipendenza.

  2. wilmer says:

    Macchinetta del caffe di via Bellerio, pomeriggio diqualche giorno fa… U. B: parla ai suoi “allora lì in Rai abbiamo messo a posto la Nilla Pizzi? e l’Ubaldo Lai? sai sono amici..adesso poi mandiamo via Biagi e metto al suo posto Vespa che è mio amico….”.

    • wilmer says:

      Chi Lei, lei chi? non capisco…chi è Lei direttore generale, mica lo so io: Ha delle belle gamabe?Adesso chiedo a Marano…è ancora vivo?

  3. tecopa says:

    Ultima ora!!!!!!!!! Casarin in Rai è stato voluto da Reguzzoni e Giorgetti uniti. Stanno tutti facendo finta di lottare e intanto lottizzano: Ma poi c’è il patto e Casarin lascerà il posto a Faverio e lui punterà a…..alla prossima, nel nome di Bianchi Clerici e uniti:

  4. birolini says:

    Cari amici della Indipendenza, il risultato ottimo ottenuto ieri dalla dottoressa Lei su ordine di La Russa e Bianchi Clerici, dimostra che voi siete nell’eerore e destinati alla sconfitta: Essi infatti, che voi dite finiti; sono in grado di far eleggere due loro uomini in vertici Rai fregando sinistra e centristi in maniera plateale!!!! Come per la elezioni di Faverio a direttore questi vincono a mani bassi. E poi c’è da chiedersi che sul vostri sito criticate tanto questi giornalisti servi ma si vede che sono molto più furbi di voi e vi fregheranno sempre!!!! Aprite gli occhietti…vi lamentate, criticate e intanto perdete…

  5. elvis says:

    Grande Marchi! Analisi impeccabile: La Lega gode di una sopravvalutazione numerica e ha una fottuta paura che il voto dimostri quando ha perduto: Anche i sondaggi sul suo potenziale sono falsati in maniera scandalosa dalla pigrizia mentale di chi li effettua: Cosi come in passato la Legga sorprese partendo dal basso ora sorprender° precipitando dall’ altto (relativo) cui era approdata:

  6. Luca68 says:

    Analisi perfetta, direttore. Non fa una grinza. B&B sono come quegli attori dal passato successo, però con interpretazioni che ricalcano le solite gag che, avendo avuto successo nel primo paio di film, si ostinano a ripetere dei sequel che sono inevitabilmente nel tempo sempre più deludenti e patetici sia per scarsità di idee o non credibilità dovuta all’ età rispetto al personaggio od alla storia interpretata. Già funziona poco al cinema, figuriamoci nella vita reale, seppur in un paese abituato al museo delle cere come avviene nella politica italiana. 20 anni per raccontarla al popolo sono sempre tanti anche per il popolo più addormentato d’Europa. E’ ora di svegliarsi e fargli capire che devono andare a godersi la pensione…almeno loro che possono farlo…

  7. Rinaldo C. says:

    Salve Marchi
    ai già detto tutto tu ok è ora che lascino Berlusconi non mi interessa ci penseranno quelli dlla PDL, Bossi ok rimani in casa al caldo e lascia tutto a Maroni, e Tosi ai barbari sognatori e a tutti i leghisti militanti (la base che decide lei chi prendere per mano e guidarlo nell’autopdeterminazione dei popoli e all’indipedenza da Roma, è ora di rendere ogni regione autosufficiente, i bezzi (soldi) devono restare nei comuni e nelle regioni, Monti, Bersani, Casini, Fini, Rutelli, Bindi, Bossi, berlusconi, Vendola, Ferrrero , Rizzo, basta Italia Unita, vogliamo, l’indipendenza dall’Italia e in modo particolare dal sud.

    Rinaldo

  8. lorenzo canepa says:

    CONGRESSI CONGRESSI CONGRESSI per invitare bossi e famiglia con le badanti ad andare in pensione in tanzania. Prima pero´devono estituire i soldi della lega

  9. Roberto says:

    La Lega Nord nella sua forma attuale e senza congressi da anni, sta occupando uno spazio politico che non le compete più.
    La Lega Nord, a conduzione famiglia Bossi e senza risultati concreti dei suoi scopi, deve ritornare sotto il controllo dei suoi elettori e ridiventare un partito del popolo, senza imbonitori e calmieratori che ne dirigano le gesta verso una pace romana.

  10. RADIO TANZANIA LIBERA says:

    Trasmettiamo un messaggio speciale doppio dal quartier generale di via Bellerio e Arcore

    Resistere nel bungabunker. Abbiamo le badanti

    ripeto

    Resistere nel bungabunker. Abbiamo le badanti

    TANZANIA LIBERA!

Leave a Comment