“I va in Merica”, in ricordo di Berto Barbarani

di ETTORE BEGGIATO

Il 3 dicembre 1872 nasce a Verona Berto Barbarani all’anagrafe Roberto Tiberio, uno dei maggiori poeti veneti del novecento.

Grande amico del pittore Angelo Dell’Oca Bianca e del dramaturgo Renato Simoni, finiti gli studi incomincia a lavorare come giornalista all’Adige e poi al Gazzettino; ma è la poesia la sua grande passione e così pubblica, fra gli altri,  “El Rosario del Cor” (1895), il “Canzoniere Veronese” (1900), il “Nuovo canzoniere veronese” (1911), “I sogni” (1922), “Bozzetti e fantasia” (1942).

Muore a Verona  il 27 gennaio 1945; una statua bronzea lo ricorda in pieno centro nella scaligera Piazza delle Erbe. Ma io vorrei ricordarlo come lo straordinario autore della struggente “I va in Merica”, un monumento al dramma dell’emigrazione che colpì la nostra Terra veneta subito dopo l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, quando il nostro popolo si trovò in una situazione di miseria e disperazione come mai nella nostra storia.

I  VA  IN  MERICA 

Fulminadi da un fraco de tempesta,

l’erba dei prè par ’na metà passìa,

brusà le vigne da la malatia

che no lassa i vilani mai de pèsta;

ipotecado tuto quel che resta,

col forrnento che val ’na carestia,

ogni paese el g’a la so angonia

e le fameie un pelagroso a testa!

Crepà la vaca che dasea el formaio,

morta la dona a partor ’na fiola,

protestà le cambiale dal notaio,

una festa, seradi a l’ostaria,

co un gran pugno batù sora la tola:

“Porca Italia” i bastiema: “andemo via!”

E i se conta in fra tuti. – In quanti sio?

Apena diese, che pol far strapasso;

el resto done co i putini in brasso,

el resto, veci e puteleti a drio.

Ma a star qua, no se magna no, par dio,

bisognarà pur farlo sto gran passo,

se l’inverno el ne capita col giasso,

pori nualtri, el ghe ne fa un desìo!

Drento l’Otobre, carghi de fagoti,

dopo aver dito mal de tuti i siori,

dopo aver fusilà tri quatro goti;

co la testa sbarlota imbriagada,

i se da du struconi in tra de lori,

e tontonando i ciapa su la strada!

Peccato che un così grande poeta non abbia ancora ricevuto i meritati riconoscimenti…

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. corrado says:

    Stupenda e terribile poesia, fa capire il dramma dell’Unita’ d’Italia che porto’ fame, miseria ed emigrazione al Nord ed al Sud.
    anche questa, storia dimenticata volutamente.

  2. GIGI says:

    Grazie Ettore, grazie di cuore per questo articolo!
    Ghe voria tanti come ti che i serca e i trova “artisti” de ‘na volta.
    Ghe voria tanti come ti che i serca e i trova dati e i fatti e le verità che i se sconti dai “occupanti” dea nostra tera.
    Ghe voria tanti come ti che con passion i difende e i difonde la voglia di conosere la nostra vera cultura.
    Gigi

  3. Lucky says:

    Grazie Ettore per questo articolo, grazie di cuore!

Leave a Comment