Bankitalia: “tasse sulla casa, fatele permanenti e pesanti”. Esproprio con nuovo catasto e successione

di BRUNO DETASSIStasse casa

Nel leggere queste parole di Bankitalia si pensa solo ad una cosa: ridefinire le tasse sulla casa, mettere in ordine la tassazione italiana aderente a quella europea, come poi vedremo, aggiornare il catasto subito con rivalutazioni folli, e prepararsi alle nuove tasse sulla successione. E’ l’esproprio definitivo. Vediamo prima Bankitalia cosa invoca:  “Il Pnr prospetta nel 2016 l’entrata i vigore della local tax che accorperebbe Imu e Tasi. Il Pnr non fornisce informazioni sulle caratteristiche del tributo. Sebbene una semplificazione e razionalizzazione della materia” dell’imposizione sulla casa “sia auspicabile, è essenziale che si giunga finalmente a un assetto permanente, dati gli alti costi dell’instabilità normativa per i cittadini e per le stesse amministrazioni”. Lo dice il vicedirettore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini, in audizione sul Def nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato.

E noi cosa scrivevamo lo scorso anno? Esattamente questo:

Per azzerare il debito pubblico e obbedire all’Europa delle banche ci esprosprieranno le case. Pensate che solo l’euro sia la nostra rovina? Che solo l’immigrazione sia il cuneo che disgrega le comunità? Aprite gli occhi e uscite dagli slogan dei partiti. Perché la battaglia campale, la madre di tutte la battaglie sarà sul mattone, sulla nostra casa. Sarà la fine. La fine per molte famiglie e le imprese sane. Arriva la patrimoniale e arriva il botto della tassa di successione al 20%. La parola d’ordine dei democratici alla Renzi e degli europeisti è: tasse. Anzi…. chiamarle nuove tasse è fino troppo poco. La patrimoniale ci sarà, non solo è un rischio ma una tassa concreta già dietro l’angolo. Sarà la nostra definitiva rovina.
La guerra ai nostri risparmi parte su due fronti.
Il primo. Il governo da una parte ha dato il via alla riforma del catasto, le vecchie rendite catastali vanno in pensione, tutto sarà a nuovi valori di mercato. La base della tassazione sarà sui metri quadrati posseduti. Un tanto… al chilo!
In alcuni casi si arriverà a costi dieci volte il valore pagato oggi sia in termini di imposte dirette sulla casa sia in termini di servizi prestati dai Comuni (Imu e company…)
In quasi tutte le città ci saranno rincari da matti, inaccettabili.
Ma l’incubo della nuova dittatura fiscale non finisce qui. I Comuni potranno introdurre altre addizionali. Un suicidio di tasse.
E questo è il primo fronte di guerra. Il secondo è ancora peggio. Siete pronti a conoscere la riforma delle riforme del governo Renzi, il democratico Renzi?

Il secondo. E’ in atto una manovra – non dichiarata – che si chiama modifica delle tasse di successione. Queste saranno la vera tempesta perfetta. Oggi nelle tasse di successione e di donazione (che sono in pratica la stessa cosa, perché la donazione è un atto di successione anticipato in vita), fino ad un milione di euro vi è una franchigia in linea diretta (di padre in figlio), oltre il quale si paga il 4% di tasse (il 6% in secondo grado, in terzo grado fino all’8%). Il milione di franchigia vale per gli eredi e per il de cuius. Di fatto per ogni erede ci sono 2 milioni di franchigia, cifra in cui è considerato tutto il patrimonio lasciato (valori liquidi e immobili). Ma dopo la riforma del catasto quegli immobili, non dimentichiamolo, avranno un valore persino decuplicato.
Cosa sta per accadere invece da domani?
Il governo vuole applicare una tassa di successione in linea diretta, di padre in figlio, che si aggira attorno al 20%, con riduzione della franchigia a 100mila euro! E sull’intero patrimonio, non più per erede.
Insomma, da una parte si moltiplica per dieci la tassa catastale, definiamola così, dall’altra si passa a rubare il 20% del bene, già tassato, che è frutto di sacrificio di una vita.
Un papà ha una casa e ha un patrimonio di risparmio di 300mila euro? Oggi di fatto un erede su una casa normalissima è esente dalla tassazione, domani la casa rivalutata da 200 a 400-500mila euro per effetto delle nuove rendite catastali, diventa un macigno fiscale mortale. Con la soglia di franchigia di 100mila euro che prima abbiamo detto, l’erede si troverebbe a pagare a Renzi il 20% di 500mila euro. Lo Stato di fatto ci constringerà a subire un esproprio. Chi ha da pagare il 20% di una somma così alta, lievitata dallo Stato per fare cassa? Una tassa da Soviet, per allinearci ai valori europei. L’Unione sovietica europea, in cui il Pd di Renzi è il principale azionista di maggioranza. Ma non sono da meno gli altri partiti che stanno zitti.
Ci viene a mancare un genitore? Lo Stato becchino verrà a chiederci di pagare almeno 100mila euro di tasse, scavando la fossa anche a noi.
In questo modo lo Stato ha pensato di risolvere il problema del debito pubblico.
Di fatto gli italiani detengono 5 volte il valore del debito pubblico

Pagare il 20% in linea diretta vuol dire che a ricambio generazionale completato, avremo ammortizzato l’intero debito.
Ci fanno fare la patrimoniale diretta! E’ un sequestro, è una tassa sulla morte, una tassa sul dolore, una tassa sul funerale, una tassa che nega il futuro a chi resta.
Oggi questa follia è solo nelle intenzioni del governo, ma è il momento di muoversi adesso per mettere al riparo i patrimoni, i beni.
Che fare? Ci sono diverse azioni, legali, per trasferire ad esempio parte del patrimonio immobiliare (ad esempio la nuda proprietà) ai figli, per abbassare poi la quota di beni tassabili; per i beni mobili, quindi i risparmi investiti, ci sono altri modi per portare in esenzione totale questi valori.
Se ci pensiamo, sottoposti a tassazione non ci sono solo le case: capannoni, terreni, beni strumentali fabbriche, le imprese! E’ questo il rilancio?
Il fiscal compact, dice che ci dobbiamo allineare agli altri paesi europei nel fisco. Bene, ma nessuno dice però che gli altri paesi non tassano quando i cittadini sono “in vita” la casa tanto quanto questo Stato. Gli altri paesi hanno una legislazione con una tassazione molto più bassa. In più c’è la pianificazione ereditaria. Di che si tratta?
E’ la capacità in vita, di decidere come trasferire i beni agli eredi in esenzione di imposte.
Oggi questa norma obbligatoria non c’è, è per questo che bisogna attrezzarsi oggi per difendersi da questo esproprio in agguato.

Print Friendly

Related Posts

4 Comments

  1. Antonio says:

    Presunta proprietà data in comodato d’uso dallo stato. Mi hanno risposto cosi anni fa e.q.u.i.t.a.l.i.a s.p.a…lo dicevo a tutti ma non mi credevano anzi ero ignorato. Bisogna pagare senno ti ipotecano tutto. chi muor per la patria vissuto assai avanti un altro. Siamo alla fine prepariamoci a diventare profughi non resta altro che scappare come anno fatto i nostri lontani parenti 150anni fa
    W l’ Italia

  2. laura marini says:

    La fame! Ci vuole la fame per un popolo di stolti! Lo dico contro l’interesse di chi è consapevole del livello di falsità sotto forma di propaganda che ci viene propinata dal 1992! Da quell’anno abbiamo via via ceduto sovranità! Ma non c’è soluzione alternativa: i parassiti scendono SOLO quando la bestia non dà più nutrimento.
    E’ inutile, non siamo coesi, siamo destinati alla fine greca, per giunta con un premier e un governo di ladri
    impostori che incantano la marea di beoti ignoranti. E tutti a votarlo e poi a lamentarsi! Una tristezza assoluta!

  3. Roberto Porcù says:

    Da una infinità di tempo vado scrivendo, firmandomi, che noi non abbiamo a che fare con un “nostro” Stato ai cui bisogni abbiamo il dovere di contribuire, ma con una associazione a delinquere di stampo politico-burocratico che si è impossessata di ogni angolo dello Stato ed ha “rubato” ai Cittadini la stessa Democrazia.
    La casa è un bene “superfluo” per chi ha la possibilità di farsi assegnare immobili di prestigio pagando affitti irrisori.
    Se ci sono Cittadini costretti a pagare tasse di successione da rapina a vantaggio di chi, senza aver versato contributi, si fa dagli amici di merenda assegnare vitalizi da trasmettere poi agli eredi, è perché Cittadini pavidi e baciapile lasciano fare anzichè correre in armi a prendere la Bastiglia.
    E del resto, cosa diavolo potrebbero fare i galantuomini eletti dai coglioni di Cittadini ad essere loro amministratori ?
    Svalutare a go-go con l’euro non si può più.
    Dovrebbero limitare i loro appetiti spartendosi sempre la stessa percentuale del reddito prodotto dalle imprese? Ma va la!
    Abbiamo a che fare con gente che vive nel castello al riparo da sorprese notturne e quando al mattino abbassano il ponte levatoio noi Cittadini ci presentiamo con ogni cosa serva a loro per vivere bene, ma se quel che portiamo non basta al loro appetito, i loro armigeri escono per fare razzia di quel che trovano.
    Bisogna capire questo, altrimenti la presa della Bastiglia e della Democrazia non avverrà mai.

  4. Dan says:

    Che fare ? Tutti ad armare i fucili.
    Chi tocca la casa è morto.

Leave a Comment